Subscribe to our Newsletter

DESTINATIONS

Le Guide su Paesi, Città e Destinazioni

Guide pratiche e dettagliatissime su Paesi, città e destinazioni. Cosa vedere, quanto stare, in quale quartiere prenotare l'albergo, come spostarsi, che tempo fa. I miei suggerimenti su come organizzarti e tanti links utili dove cercare info aggiornate. Da stampare e portare in viaggio.

GREAT JOURNEYS

I Grandi Viaggi

Veri e propri programmi di viaggio spiegati in dettaglio, giorno per giorno, con tutte le informazioni ed i links che occorrono per poter prenotare, da solo e sul web, alberghi, trasferimenti e voli interni.

WHEN TO GO?

Il Clima

Il tempo che potresti trovare, Paese per Paese, regione per regione, quasi mese per mese. Quando è meglio andare e quando è più saggio starsene a casa. I links dove controllare forecasts ed averages di temperatura e piovosità.

La Salute in Thailandia e Indochina

Photo of Bangkok Hospital

C’è malaria in Thailandia? Quali vaccinazioni e profilassi devo fare per un viaggio in Thailandia? C’è malaria in Vietnam, Cambogia e Laos? Ed in Birmania? Una guida alle malattie in Thailandia ed in tutta l’Indochina con le cose da sapere su malaria e dengue. La mappa della malaria. Le destinazioni dove puoi viaggiare tranquillo senza preoccuparti della malaria. L’insidia del dengue, in particolare per i residenti. Dove trovare l’elenco di ospedali e cliniche a cui rivolgerti. I siti web ufficiali dove reperire informazioni aggiornate ed affidabili.

The mosquito is the worlds deadliest animal and CDC is fighting mosquito-borne diseases worldwide

Mosquito… is the worlds deadliest animal…

Photo Credit: CDG Global

Le Malattie in Thailandia, Laos, Vietnam, Cambodia e Birmania

Gran parte delle classiche destinazioni turistiche del Sud-est asiatico possono considerarsi relativamente safe per quanto riguarda i rischi di malattie. 

Malaria 

  • Con la premessa che sono altre le zone del pianeta a dover più preoccupare i viaggiatori riguardo la malaria, nello stesso tempo tra le tre grandi malattie, malaria, febbre gialla e dengue, è proprio la prima a destare più preoccupazioni nei turisti.
  • La malaria sarà quindi il tema centrale di questo articolo. Il cui scopo è di fornire indicazioni chiare sul possibile rischio di contrarre la malattia a tutti quei viaggiatori che intendono programmare un viaggio in Thailandia e negli altri Paesi dell’Indochina. 

Yellow Fever 

  • Ad oggi in Thailandia ed in tutto il resto della penisola indochinese non c’è febbre gialla ed il vaccino non è né consigliato né richiesto (salvo che tu non provenga da un Paese del Sud America o Africa dove la febbre gialla è endemica).

Dengue 

  • Il dengue non è da sottovalutare, è sicuramente presente in tutta la zona ma – fino ad oggi – non ha generalmente rappresentato un grosso pericolo per i viaggiatori che rimangono in zona solo per un periodo limitato di tempo, in genere non più di qualche settimana.
  • Ci sono stati casi di turisti che hanno contratto la malattia ma i numeri non sono alti. Niente a che vedere solo per fare un esempio sul pericolo di contrarre il dengue viaggiando in Brasile. Per capire di che numeri si sta parlando nei primi 9 mesi del 2011 si sono registrati in tutta la Thailandia più di 48.000 casi di cui 27 mortali.
  • Diversa la situazione per i residenti per i quali il dengue è probabilmente l’insidia maggiore, forse ben più preoccupante rispetto alla malaria.
  • Il dengue è trasmesso dalla zanzara Aedes che vive prevalentemente nelle aree urbane densamente popolate e morsica solitamente nelle ore diurne. Il maggior numero di casi di dengue si registra nella stagione umida da maggio a novembre.
  • In ogni caso per il dengue non esiste vaccino e tutto quello che potrai fare è utilizzare le precauzioni più usuali per evitare di essere morso dalle zanzare portatrici della malattia. 

Prima di passare ad analizzare quali zone della Thailandia e degli Paesi dell’area indochinese sono più a rischio riguardo la malaria è necessaria una precisazione. 

Very Important. Grande cura ed attenzione è stata utilizzata nello scrivere questa breve guida ma chi scrive questo blog non è un medico. Prima di programmare il tuo viaggio, e nuovamente subito prima della partenza ti invito a sentire il parere di un medico esperto in medicina tropicale ed a ricontrollare (e questo lo puoi fare subito) tutto quanto leggi qui direttamente dalle tre fonti ufficiali che ho consultato per la stesura di questo articolo: 

  • CDC, Centers for Disease Control and Prevention, sito governativo americano ricco di informazioni per il viaggiatore.
  • WHO, World Health Organization, con l’update di questo articolo a luglio 2015 il sito mi è parso molto ben aggiornato ed a tratti estremamente preciso, ti invito ad utilizzarlo.
  • MD Travel Health, sito privato americano che nelle schede relative ad ogni Paese, oltre a tutta una serie di informazioni generali, molto valide ed ottimamente aggiornate, offre anche un utile elenco delle medical facilities con i nominativi ed indirizzi di ospedali e cliniche all’estero. 

Trovi i rispettivi links in fondo a questo post. 

 

La Malaria in Thailandia 

Bangkok, le Pianure Centrali e le Spiagge del Golfo del Siam 

  • Niente malaria nella capitale Bangkok e nelle aree limitrofe.
  • Dall’esame dettagliato della mappa della malaria sul sito del CDC si nota che non c’è malaria in tutta l’area compresa tra Bangkok e Lampang nel nord del Paese, quindi niente malaria nelle località storiche di Ayuthaya e Sukhothai.
  • Niente malaria a Pattaya e nell’isola di Koh Samet.
  • Non ci dovrebbe essere malaria anche lungo le spiagge di Koh Chang, isola ritenuta fino a poco tempo più a rischio di altre per la sua vicinanza alla Cambodia. Questo il commento del CDC: “The malaria-risk areas of Thailand are its borders with Cambodia, Laos, and Burma. Ko Chang should not have malaria transmission. No antimalarial drug should be required, although you should wear insect repellent with DEET if you are out of doors between dusk and dawn for a little extra protection”. Puoi leggere la versione originale nella pagina iamKohChang.com

Il Nord della Thailandia 

  • Niente malaria nelle due principali città nel nord del Paese, Chiang Mai e Chiang Rai.
  • La profilassi per la malaria è invece consigliata per le aree rurali nel nord della Thailandia al confine con il Myanmar (Birmania) incluso la cittadina di Mae Hong Sorn e nelle zone di confine con Cambodia e Laos. 

Le Spiagge del Sud della Thailandia

  • Niente malaria nelle isole di Koh Samui e Koh Phangan al largo della costa orientale.
  • Niente malaria nelle aree costiere e le spiagge di Phuket e della baia di Phangan incluso Krabi e Koh Lanta lungo la costa occidentale affacciata sull’oceano Indiano.
  • Rischio molto basso nelle aree interne di foresta nei distretti di Phang Nga e Phuket.
  • La mappa della malaria del CDC evidenzia che non c’è malaria in tutte le province del sud della Thailandia fino al confine con la Malesia incluso il parco nazionale di Koh Tarutao e le altre isolette della costa occidentale. Ma per l’estremo sud del Paese le cose sono meno nette: nell’aprile del 2011 infatti diversi casi di malaria sono stati riportati nella provincia di Yala al confine con la Malaysia, zona ritenuta fino ad allora immune dalla malattia. 

Ospedali e Cliniche in Thailandia 

  • Se in Thailandia hai bisogno di cure mediche a Bangkok trovi ospedali efficienti dove si parla inglese ed il trattamento medico è eccellente. La pagina dedicata alla Thailandia del sito privato americano MDTravelHealth.com riporta un utile elenco delle medical facilities di Bangkok con i nominativi ed indirizzi di ospedali e cliniche. Stampala prima di partire e portala con te. 
Anopheles gambiae mosquito being injected with hemolymph for malaria research study

Mosquito That Causes Malaria

Photo Credit: NIAID

La Malaria in Cambodia 

  • Niente malaria nella capitale Phnom Penh.
  • Ad oggi niente malaria nella cittadina di Siem Reap, nell’area dei templi di Angkor ed intorno al grande lago Tonle Sap.
  • Stranamente sul sito della CDC c’è un’incongruenza: riferisce che non c’è malaria ad Angkor Wat mentre c’è a Siem Reap, i due posti distano meno di 5 Km, o c’è in entrambi o non c’è in nessuno.
  • In tutto il resto del Paese (incluso tra le altre la provincia di Siem Reap al confine con la Thailandia e l’area dove sorge il grande tempio di Preah Vihear) la malaria è invece sicuramente presente tutto l’anno con rischio moderato. 

La Malaria in Laos 

  • Niente malaria nella capitale Vientiane.
  • La malaria è invece presente in tutto il resto del Paese, in qualsiasi periodo dell’anno.
  • Esaminando la mappa della malaria si nota che Luang Prabang, l’antica capitale reale del Laos e più importante località turistica del Paese, pur non essendo situata nella zona più a rischio rimane comunque compresa all’interno delle aree dove è possibile la trasmissione della malattia. In ogni caso il sito della CDC riporta solo rari casi a Luang Prabang, città per la quale non consiglia la profilassi ma solo “Mosquito avoidance only“.

La Malaria in Vietnam 

  • Niente malaria nelle due grandi città di Hanoi e Ho Chi Minh City (Saigon).
  • Niente malaria nelle città e località balneari di Da Nang, Haiphong, Nha Trang e Qui Nhon.
  • In tutto il resto del Vietnam la malaria può essere presente in tutte le aree rurali con le esclusioni della regione del Red River Delta e delle aree costiere nella parte centrale del Paese a nord di Nha Trang. Pochi, rarissimi casi si sono registrati nel Mekong Delta (in particolare nelle due province più meridionali di Ca Mau and Bac Lieu) dove la profilassi non è ad oggi consigliata.
  • A giudizio del CDC il rischio è in genere basso in tutto il Paese. Per la WHO invece tutte le aree rurali e collinari al di sotto del 1500 metri a sud del 18° parallelo richiedono attenzione, “notably in the four central highlands provinces Dak Lak, Dak Nong, Gia Lai and Kon Tum, Binh Phuoc province, and the western parts of the coastal provinces Khanh Hoa, Ninh Thuan, Quang Nam and Quang Tri“.

La Malaria in Myanmar (Birmania) 

  • Niente malaria nella capitale Yangon (Rangoon) e nella città di Mandalay.
  • Rischio moderato in tutte le altre zone del Paese situate al di sotto dei 1.000 metri di altitudine. 
  • Il rischio è più alto nelle aree rurali più remote, specie se collinose e ricoperte da foresta. 
  • Per la WHO in particolare “Malaria risk due predominantly to P. falciparum exists throughout the year in remote rural, hilly and forested areas of the country as well as in some coastal areas in Rahkine State. There is no transmission in cities and urban areas. The central plains and the dry zone are generally free of malaria but some pockets of transmission still exist“. 
Monkey Bite, Mahosot Hospital in Vientiane, Laos

Monkey Bite

Photo Credit: Nicolai Bangsgaard

Dove Prendere Maggiori Informazioni? 

Ricorda che la prevenzione prima ed in corso di viaggio è un aspetto tra i più delicati del viaggiare e non deve mai essere da te sottovalutato o ignorato. Informati sempre. 

Ecco i tre siti che ho consultato per la stesura di questo articolo. Consultali anche tu già al momento che programmi il viaggio, contengono notizie aggiornate anche giornalmente, sono queste le tue fonti affidabili ed ufficiali di informazione. 

  • La sezione Travelers’ Health del CDC, il Centers for Disease Control and Prevention di Atlanta, sito governativo americano che riporta dettagliatamente, Paese per Paese, la situazione sanitaria ed i consigli ed obblighi riguardo profilassi e vaccinazioni. Utilissima la Mappa della Malaria nel mondo. Sullo stesso sito leggi Dengue Topics, trovi anche la nuova mappa interattiva, da guardare.
  • Le informazioni sanitarie su tutti i Paesi dell’Asia a cura dell’ottimo sito privato americano MDTravelHealth.com. con l’utile elenco di ospedali e cliniche da contattare in caso di necessità.

Le informazioni in italiano le trovi nel sito Viaggiare Sicuri, seleziona prima il Paese e poi cerca nella sezione “situazione sanitaria”, se sei un cittadino italiano questa è la tua fonte ufficiale, in particolare per quanto riguarda eventuali vaccinazioni obbligatorie.

Last Update: July 5th 2015

Front cover photo credit: kyletaylor. Photos in this page come from Flickr: Creative Commons Attribution Licensed Photos. Please read here the Summary of the Legal Code. Terms of license are valid at the date of publishing this post.

Share