DESTINATIONS

Le Guide su Paesi, Città e Destinazioni

Guide pratiche e dettagliatissime su Paesi, città e destinazioni. Cosa vedere, quanto stare, in quale quartiere prenotare l'albergo, come spostarsi, che tempo fa. I miei suggerimenti su come organizzarti e tanti links utili dove cercare info aggiornate. Da stampare e portare in viaggio.

GREAT JOURNEYS

I Grandi Viaggi

Veri e propri programmi di viaggio spiegati in dettaglio, giorno per giorno, con tutte le informazioni ed i links che occorrono per poter prenotare, da solo e sul web, alberghi, trasferimenti e voli interni.

WHEN TO GO?

Il Clima

Il tempo che potresti trovare, Paese per Paese, regione per regione, quasi mese per mese. Quando è meglio andare e quando è più saggio starsene a casa. I links dove controllare forecasts ed averages di temperatura e piovosità.

Viaggiare con i Bambini a Bangkok

Cosa Fare e Cosa Vedere con i Bambini a Bangkok in 2 Giorni

La tua guida per visitare Bangkok con i bambini. Dove portarli e come organizzare le visite ai templi e Chinatown senza farli annoiare. La gita in barca lungo i canali. Le attrazioni più adatte ai tuoi figli: la Snake Farm e Siam Ocean World. L’avventurosa passeggiata al Lumphini Park in cerca dei varani giganti. Cosa fare la sera e dove mangiare. I quartieri più caratteristici di Bangkok. Dove andare se piove. Tutto quanto ti occorre per viaggiare nella capitale thailandese con i tuoi bambini.

Overview 

Non è una città propriamente kid-friendly. Ma tra tutte le grandi metropoli del Sud-est asiatico, Bangkok è la più ricca di cose interessanti da vedere e sperimentare. Non solo per gli adulti ma anche per i bambini. 

Se i tuoi figli sono inferiori ai sette od otto anni presta solo attenzione a non prolungare troppo la tua permanenza in città. Tre notti con due intere giornate a disposizione sono il tempo giusto per farsi una buona idea di Bangkok senza affaticare od annoiare i bambini. 

Poi prendi un aereo e dirigiti senza esitazione verso la spiaggia. La Thailandia è ricca di posti fantastici al mare dove i bimbi potranno giocare e sfogarsi. 

View of Chao Phraya River and Wat Arun Temple in Bangkok

Bangkok, Chao Phraya and Wat Arun

Photo Credit: travelourplanet.com

Perché Visitare Bangkok con i Bambini

  • Perché potrai mostrare ai tuoi figli cose inusuali. L’animazione incredibile delle sue strade, le innumerevoli bancarelle, le barche che navigano sul fiume, i templi multicolori, le case lungo i canali, i tuk-tuk e le tuniche arancioni dei monaci all’interno dei templi saranno motivo di sorpresa. I tuoi figli scopriranno una città ben diversa dalle ordinate città europee a cui sono abituati.
  • Perché Bangkok è una città economica. Non solo per mangiare, spostarsi e vivere le sue attrazioni ma soprattutto per l’accommodation. Il fatto di viaggiare con uno o due bambini non manderà in crisi il bilancio famigliare.
  • Perché i thailandesi adorano i bambini, nessuno te li farà pesare, anzi sarà un modo per entrare più facilmente in contatto con i locali.

A Cosa Devi Prestare Attenzione 

  • Al caldo innanzitutto. Il clima umido molto probabilmente darà ben più fastidio a te genitore che ai tuoi figli (rispetto agli adulti i bambini si lamentano assai meno per il caldo od il freddo) ma portati sempre dietro una bottiglia d’acqua e controlla che bevano regolarmente.
  • Ai cani. Non che ve ne siano molti, ma tieni lontano i tuoi figli dai cani randagi, le probabilità che non siano vaccinati contro la rabbia sono alte, evita con attenzione che si avvicinino od addirittura li tocchino, anche se il loro aspetto appare tranquillo.
  • Ci  sono quartieri della città che quando sei in giro con dei bambini devi evitare, soprattutto di notte. E non certo per un problema di sicurezza. La cosa è decisamente evidente per le adults-oriented areas di Soi Cowboy e Nana a Sukhumvit. Ma anche il mercatino notturno di Patpong è una no-no zone: nonostante le bancarelle siano ogni sera un richiamo irresistibile per migliaia di turisti ti suggerisco di non portarci i tuoi figli. Le ragazze che ballano la pole sono chiaramente visibili attraverso porte e finestre e costituiscono tutt’altro che un bello spettacolo (i bambini poi certe cose le notano subito, anche se magari non fanno immediatamente domande). Il mio suggerimento è di evitare nel modo più assoluto di andare a Patpong la sera con i tuoi figli.
  • A Bangkok non c’è malaria ed il dengue solitamente non costituisce un grosso problema per i turisti che vengono in Thailandia rimanendo solo 2 o 3 settimane (mentre lo può essere per i residenti). Ma le cose vanno sempre ricontrollate.
  • Leggi in questo blog la pagina dedicata La Salute in Thailandia e Indochina, trovi tanti suggerimenti su come ottenere informazioni accurate ed aggiornate incluso l’elenco delle medical facilities di Bangkok. Se occorre sappi che la città offre un’assistenza sanitaria di ottimo livello, sono diversi gli ospedali dove trovi medici molto ben preparati che parlano inglese. 

Se Hai un Bimbo Piccolo sul Passeggino 

  • A mio parere Bangkok è una città dove non venire con un piccolo su un passeggino. Non che non si possa fare, ovviamente, ma non è certo la città più indicata dove girare con lo stroller. Le strade sono piene di buche, ci sono ostacoli di ogni tipo da aggirare, gli scappamenti vomitano tonnellate di gas di scarico giusto all’altezza della testa di tuo figlio. Chiaro, se lo porti sopravviverà, nessun dubbio su questo, ma se hai un bimbo piccolo forse ci sono città più indicate dove andare in vacanza. Se hai un minuscolo il marsupio è meglio del passeggino.
  • Nessun problema a comprare i pannolini ma non ti aspettare di trovare il suo latte preferito. 

Quale Albergo Prenotare Con i Bambini? 

A Bangkok di alberghi belli, buoni, confortevoli e dai costi ragionevoli ce ne sono decine e decine. Ma quale hotel prenotare che sia adatto ad una famiglia? A mio parere le discriminanti nella scelta sono due. La piscina e la location. 

  • Nessun problema per la prima, la città abbonda di alberghi con piscina, non sarà un problema trovarne uno. Il fatto che l’albergo abbia la piscina permette di lasciar sfogare un po’ i bambini al rientro dalle gite. E di dare un po’ di respiro anche a te.
  • La location. Se porti la famiglia in viaggio a Bangkok se ti è possibile prenota uno degli alberghi che si affacciano lungo il fiume. E non solo perché l’ambiente è più simile ad un resort rispetto a quello di un classico albergo di città. Soprattutto perché sarai vicino, solo pochi minuti di barca, da tutte le più classiche attrazioni di Bangkok: i templi, Chinatown, i canali di Thonburi ed il quartiere di Banglamphu. Questo permette sia di ridurre i tempi dei trasferimenti sia di rendere interessante gli stessi. Vuoi mettere un velocissimo viaggio in barca rispetto ad un taxi imbottigliato nel traffico? 
  • Puoi farti un’idea precisa delle caratteristiche dei diversi quartieri di Bangkok dove alloggiare nel post Bangkok. Guida ai Quartieri ed agli Hotels Più Belli. La Sicurezza ed il Tempo. E se vuoi entrare un po’ più nello specifico sui singoli alberghi tre altri articoli del blog ti saranno di aiuto. Il primo è I Migliori Hotels di Bangkok per Rapporto Qualità/Prezzo con un’analisi molto dettagliata degli alberghi più validi nella categoria dei 3 e dei 4 stelle, tutti alberghi accomunati da una super location, un ottimo standard dei servizi ma anche tariffe – di solito – pienamente accessibili qualsiasi sia il tuo budget, alcuni particolarmente indicati alle famiglie. Il secondo è invece dedicato a I Migliori ApartHotels di Bangkok, la soluzione perfetta per chi viaggia con i bambini, residenze alberghiere di alto livello con appartamenti ampi, spesso con due camere da letto  e cucina, con uno spazio vivibile ben superiore alle normali camere d’albergo. Se poi cerchi qualcosa di più particolare un terzo ed ultimo post potrebbe fare al caso tuo, è Gli Hotels di Charme Più Belli di Bangkok con la presentazione dei miei preferiti tra i numerosi boutique hotels della città, perfetti se sei in cerca delle fascinose atmosfere della Thailandia di una volta oppure vuoi alloggiare in un albergo di design dall’arredamento curato.
Grand Palace in Bangkok

Grand Palace, Bangkok

Photo Credit: Tim Moffat

Come Organizzare la Visita di Bangkok con i Bambini 

Ho già descritto in un post precedente un programma per andare alla scoperta di Bangkok in due giorni. Non solo riporta tante indicazioni dettagliate su come muoversi e cosa visitare ma contiene molti links dove controllare orari di apertura e tariffe di ingresso delle attrazioni della città che meritano una visita. Quando occorre puoi farci riferimento. 

Molte delle cose da vedere rimangono identiche anche viaggiando con i bambini ma il programma di visite va necessariamente adattato. Occorre renderlo più piacevole ed interessante agli occhi dei tuoi piccoli. 

Di seguito ti suggerisco un vero e proprio itinerario per visitare Bangkok con i bambini. Tu che conosci i tuoi figli e sai a cosa sono interessati adattalo alle loro (ed alle tue) esigenze. 

  • E’ un programma molto soft, che non richiede corse, che ti permette di fare colazione con calma e poi partire alla scoperta della città, che ti fa rientrare in albergo a metà pomeriggio per poter dare ai bambini il tempo di sfogarsi liberi due ore in piscina. 
  • A differenza di quanto puoi leggere in altre guide ed articoli su cosa visitare a Bangkok con i bambini, il programma che ti consiglio non ti porta nei soliti posti banali.
  • No, in questo post non ti suggerisco di andare allo zoo. Non che sia brutto, ma il Dusit Zoo di Bangkok non è nulla di speciale, è uno dei tanti zoo del mondo, uno zoo che puoi trovare anche a pochi passi da casa tua senza venire fino a Bangkok.
  • Non ti suggerisco di andare a pattinare a Ice Planet (pattinare sul ghiaccio a Bangkok?), a giocare a bowling, visitare il Museo di Madame Tussauds o di portare i tuoi figli al cinema (stai 2 o 3 sere a Bangkok e vuoi chiuderti in un cinema?). E non ti consiglio nemmeno di dedicare la giornata ad uno degli amusement & water parks che sorgono nei dintorni della città, da Dream World a Fantasea Lagoon e Leoland. Mi sembrerebbe una giornata buttata. Certo che ai tuoi figli piacerebbe ma magari puoi portarli quando sei in Italia prima di partire, ormai di questi parchi è pieno il pianeta. 
  • Questi sono tutti posti perfetti per i residenti. Ma se sei un turista che si ferma solo due giorni in città ci sono cose più interessanti da mostrare ai tuoi figli. 
  • Portali invece a vedere cose uniche, quelle cose che non possono osservare e sperimentare quando sono in Italia, mostra loro la diversità di Bangkok o di qualsiasi altra città che stai visitando. I bambini immagazzinano tutto, suoni, odori ed immagini, mostra loro il bello del mondo, i loro occhi ringrazieranno, se lo ricorderanno per anni. 
Bangkok, Grand Palace

Grand Palace, Bangkok

Photo Credit: Alberto Perdomo

Primo Giorno: Templi Colorati, Barche e Canali 

Dove iniziare la visita di Bangkok con i bambini? Dalla cosa più straordinaria che c’è in città, i templi. Ma con un’accortezza, non prolungare troppo la visita. 

Il Grand Palace ed il Gigantesco Buddha Sdraiato del Wat Pho 

Sono due i templi di Bangkok da mostrare ai tuoi figli, sono posti spettacolari che rimarranno nella loro memoria. Sono il Grand Palace (il Palazzo Reale) ed il Wat Pho. 

  • Non andarci col taxi, il modo giusto per raggiungerli è in barca lungo il fiume, con i battelli pubblici Chao Phraya Express Boat, per i tuoi bambini sarà un’esperienza molto più divertente. Ad un costo irrisorio per il bilancio famigliare.
  • Osservare l’imbarcazione che si avvicina velocemente al molo e le manovre di ormeggio creano nei piccoli interesse (soprattutto se tu genitore gliele descrivi). Sali a bordo e se puoi dirigiti verso prua, potranno osservare da vicino il timoniere girare il grande volante e manovrare le leve del motore, avranno subito qualcosa per tenersi occupati. Tu intanto puoi guardare il paesaggio.
  • Sono decine gli imbarcaderi lungo il fiume da dove imbarcarti, il pier giusto dove scendere è invece Tha Chang distante solo 200 metri dall’entrata del Grand Palace. 

I bambini sono di solito assai poco interessati a templi, chiese, moschee, palazzi e cose del genere. Ma il Grand Palace è proprio speciale, pieno di edifici, pavilions e tempietti colorati, con tante facce stranissime che ti guardano dritto negli occhi. In Europa non c’è nulla del genere ed i bambini ne saranno incuriositi. 

  • Non devi certo visitare tutte le sale del Grand Palace, sarebbe terribilmente noioso, lo sarebbe anche per me che non sono più un bambino da un bel po’ di  tempo.
  • Passeggia invece all’interno del grande cortile, dai uno sguardo veloce al Wat Phra Kaeo, è il veneratissimo Temple of the Emerald Buddha ed è un must see di Bangkok.
  • Camminando dedica attenzione ai piccoli particolari, sono le cose che spesso più interessano ai bambini. Le statue tutte strane e le facce coloratissime ne sono un esempio. Commenta con i tuoi figli il loro aspetto buffo, fai delle foto vicino, poi a casa saranno contenti di rivederle.
  • Dedica al Grand Palace poco più di un’oretta, senza esagerare. Poi esci dalla stessa porta da dove sei entrato, ritorna nuovamente verso il fiume, cammina per circa 15 minuti costeggiando le bianche mura dell’enorme complesso e raggiungi il vicino Wat Pho. Se i bambini diranno “un altro tempio?” tu di’ loro che c’è una sorpresa, un qualcosa di enorme li attende. Dovrebbero incuriosirsi ed iniziare a fare domande.
  • E la sorpresa per i bambini c’è davvero. La statua del Buddha sdraiato lunga 46 metri è colossale (soprattutto vista con gli occhi di un bimbo), le dimensioni delle dita dei piedi e delle unghie creeranno stupore. Un vero gigante non è una cosa che si vede tutti i giorni, forse penseranno ai cartoni animati di scooby-doo.   

Dove pranzare con i bambini dopo la visita ai templi? Terminata la visita del Wat Pho sarà probabilmente ora di nutrirsi. 

  • Un posto safe e rilassante dove fermarti è la bella terrazza lungo il fiume del ristorante The Deck, all’interno del boutique hotel Arun Residence. Dal Wat Pho ci arrivi a piedi in pochi minuti. Non è particolarmente economico ma il posto risulta indicato con i bambini in quanto la location lungo il fiume permette loro di osservare il continuo movimento di barche e chiatte lungo il Chao Phraya senza annoiarsi. Per te sarà l’occasione di ammirare con calma il suggestivo Wat Arun situato proprio di fronte.   
  • Se vuoi spendere meno e fare più veloce una gran scelta è il piccolo ristorante Jin Chieng Seng del delizioso Inn A Day. Si trova nella stessa identica zona, non è affacciato sul fiume ma è uno dei migliori ristoranti di tutta Bangkok, offre autentico cibo thailandese di gran qualità a prezzi bassissimi.
Bangkok, A Group of Kids Playing in a Canal

Kids Playing In a Canal, Bangkok

Photo Credit: Will Ellis

Ed il Pomeriggio? Gita in Barca Lungo i Canali 

Dopo aver pranzato è il momento di fare una cosa facile, interessante per bambini e genitori e soprattutto molto rilassante. Una gita in barca lungo i canali di Thonburi, il quartiere di Bangkok sulla sponda opposta del Chao Phraya. 

Come fare? Semplice, noleggia una barca, solo per te e la tua famiglia. Non è costoso e potrai gestire la gita a tuo piacimento, se vedi qualcosa che incuriosisce i bambini basta che dici al tuo boatman di fermarsi. 

  • Le barche si possono noleggiare in quasi tutti i piers, basta che ciondoli in zona guardandoti in giro e probabilmente qualcuno si farà subito avanti.
  • Il Tha Tien Pier è a pochi passi dal Wat Pho e da entrambi i ristoranti The Deck e Jin Chieng Seng ed è un molo dove c’è sempre movimento, non dovresti avere difficoltà. In alternativa risali a piedi verso il non lontano molo di Tha Chang (dove sei sbarcato il mattino arrivando al Grand Palace) od ancora prendi una dei battelli pubblici lungo il fiume fino all’importante imbarcadero del Central Pier dove addirittura ci sono dei banchetti dove puoi rivolgerti. 

Thonburi è un’area suggestiva, è qui che tu ed i tuoi figli potrete osservare la Bangkok di una volta, niente grattacieli e sopraelevate ma le vecchie case in legno su palafitte ed i canali dove i bimbi giocano in acqua. Sarà un’esperienza insolita per tutta la famiglia. 

  • Il sabato o la domenica chiedi, prima di partire, di fare una sosta al piccolo (e turistico) mercato galleggiante di Taling Chan, lungo il suggestivo Chakphra Canal.
  • Qui i tuoi piccoli avranno occasione di vedere come le piccole barche ormeggiate fungano da cucine galleggianti. Anche se hai già mangiato puoi sempre farti preparare un piatto di gamberi da dividere tra tutti. 

Se alloggi in uno degli hotels affacciati sul Chao Phraya al termine della gita fatti accompagnare direttamente al pier del tuo albergo (altro motivo per privilegiare gli hotels situati lungo il fiume) e dirigiti senza esitazione verso la piscina

Il resto del pomeriggio lascia liberi i bimbi di giocare e tuffarsi, è il momento giusto di farli sfogare. Tu, intanto che li tieni sotto controllo, puoi berti qualcosa, chiacchierare, leggerti la pesante guida della Thailandia che ti sei portato da casa e programmare la serata e la giornata di domani. 

A View of Vertigo and Moon Bar, Banyan Tree, Bangkok

Vertigo and Moon Bar, Banyan Tree, Bangkok

Photo Credit:  Banyan Tree

E la Sera? A Nanna in Albergo o Cocktail di Frutta in Cima al Grattacielo? 

Se i bimbi sono piccoli c’è la concreta possibilità che al termine di questa prima giornata di visite siano stanchi. Se così è cena in albergo e poi guadagna la camera, un po’ di televisione (anche se non capiscono la lingua la televisione li attira comunque) e poi i bambini cadranno addormentati. 

Se invece sono più grandicelli ed hanno ancora energie c’è una cosa interessante che puoi proporre. Bangkok è ricca di bar panoramici in cima ai grattacieli e la combinazione ascensore super veloce+altissimo grattacielo che arriva fin quasi alle nuvole+cocktail di solito viene accolta dai bambini con grande entusiasmo. 

Qual è il miglior Rooftop Bar dove andare con i bambini? Te ne suggerisco quattro, scegli tu quello che ti ispira di più. 

  • Un bar panoramico adatto ad essere frequentato con i bambini è a mio parere il Red Sky Bar al 55° piano del Centara Grand at Central World. Il posto è assai meno pretenzioso di altri, i drinks hanno costi quantomeno ragionevoli e soprattutto gli spazi esterni sono relativamente generosi. Senz’altro da privilegiare se alloggi nella zona di Siam o Sukhumvit.
  • Il famosissimo Skybar al 63° piano del Lebua at State Tower è davvero spettacolare e se alloggi in uno degli alberghi lungo il fiume è anche facile e veloce da raggiungere. Ma il dress code è più che rigoroso, i bambini con i bermuda (fossero anche un costosissimo modello di Jacadi) non sono accettati, i pantaloni devono esseri lunghi per tutti, anche quelli dei piccoli di solo 4 anni. Drinks molto costosi e terrazza sommitale dall’aria vertiginosa. Se decidi di frequentarlo limita la tua permanenza e tieni i bambini vicino a te.
  • Ambientazione fenomenale anche al Vertigo and Moon Bar del Banyan Tree Hotel, ambiente a mio avviso ancor più elegante del Lebua ma nello stesso tempo il personale è più gentile ed i drinks meno costosi, consigliato.
  • E’ il più alto di tutti e non ci sono formalità di abbigliamento, puoi andarci anche con le scarpe da ginnastica ed i pantaloncini. E’ il Revolving View Point all’84° piano del Baiyoke Sky, il più alto edificio della Thailandia. Si paga l’entrance ticket prima di salire e – se le cose non sono cambiate – oltre a guardare il panorama hai anche diritto ad un cocktail (analcolico per bambini, ovvio) al Bar e Music Lounge dell’83° piano. 
  • Se vuoi saperne di più leggi su questo blog l’articolo dedicato: Bangkok. Cosa Fare la Sera? Guida ai Migliori Rooftop Restaurants & Skybars 

In questa mappa trovi segnati con i point makers tutti i luoghi di interesse descritti all’interno dell’articolo, così ti fai immediatamente un’idea di dove si trovano e come raggiungerli:

My location
Get Directions

 

Secondo Giorno: Viuzze Misteriose, Draghi e Quartieri Caratteristici 

Completata la visita ai templi è ora il momento di portare i tuoi bambini alla scoperta di due dei più affascinanti quartieri di Bangkok: Chinatown e Banglamphu. 

Avrai anche tempo per una sorprendente ed avventurosa passeggiata nel più grande parco della città e di visitare la Snake Farm od il tecnologico acquario di Sea Life Siam Ocean World. 

Oggi niente cose storiche, giornata facile, molto varia e rilassante, a misura di bambino. 

Le Misteriose Viuzze di Chinatown 

Il posto giusto dove iniziare la mattinata è Chinatown, è qui che i tuoi bambini scopriranno l’animazione del mercato e della vita di strada. 

  • Per raggiungere la parte più interessante del quartiere il mezzo in assoluto più comodo, economico e piacevole sono ancora le barche pubbliche di Chao Phraya Express Boat.
  • L’imbarcadero dove scendere è Tha Ratchawongse Pier. Calcola 10/15 minuti di navigazione, sia che provieni dall’area di Khao San Road (Phra Arthit Pier) che dall’importante imbarcadero di Sathorn/Central Pier e dalla zona dei grandi alberghi lungo il fiume. 

Non occorre che esplori a piedi tutta Chinatown, palmo a palmo. Per i bambini non risulterebbe piacevole. Meglio dedicare un’ora abbondante alla zona del quartiere forse più esotica e misteriosa, poi prosegui verso la parte moderna di Bangkok. 

La via giusta dove andare e passare la maggior parte del tempo è la famosa Sampang Lane (o Sampheng Lane). Si trova a pochi minuti a piedi dal molo di Tha Ratchawong, per arrivarci basterà che risali per circa 350 metri l’omonima via. 

  • Sampang Lane è una via solo pedonale e l’accesso è minuscolo, rischia quasi di passare inosservato. Nell’articolo dedicato alla visita di Bangkok trovi le istruzioni dettagliate per individuarlo; in alternativa chiedi in giro, la conoscono tutti.
  • Sampang Lane è una via mercato, c’è sempre gente, le bancarelle ed i negozi sono innumerevoli, si vende di tutto, a volte non si capisce neanche che cosa. L’atmosfera è quanto di più diversa da quella che i tuoi figli sono abituati a vivere in Europa.
  • Tutto intorno si dipartono vicoletti bui, alcuni così stretti da permettere il passaggio di una sola persona. Il posto è labirintico ed ha l’aria un po’ misteriosa, i bambini se ne accorgono subito, di solito diventano bravissimi e se sono piccoli danno immediatamente la mano a mamma e papà.  

Una volta che hai esplorato a sufficienza Sampang Lane raggiungi la vicina Yaowarat Road, qui puoi mostrare ai tuoi figli le grandi insegne con le scritte in cinese e l’oro che luccica dalle vetrine delle gioiellerie. Se i bambini sono grandicelli in genere vengono incuriositi dall’oro ed iniziano a fare domande su quanto vale e quante cose possono comprarci. 

A View of Sampang Lane in Bangkok's Chinatown

Sampang Lane, Chinatown, Bangkok

Photo Credit:  travelourplanet.com

Tuk-Tuk e Metropolitana o Barca e Skytrain? 

E’ il momento di cambiare quartiere. La meta è la Bangkok moderna tra Silom Road ed il Lumphini Park. Due le possibilità per arrivarci. 

  • La prima è la più veloce: da Yaowarat Road prendi un taxi od un tuk-tuk e fatti portare alla vicina stazione di Hualamphong, da qui in metropolitana raggiungi Silom, sono solo 2 fermate. Tutto il tragitto ti prenderà non più di 25 minuti.
  • La seconda è più lunga ma nello stesso tempo più varia e panoramica. Ritorna al molo di Tha Ratchawong e prendi uno dei battelli fino al Sathorn/Central Pier. Qui sbarca, sali le scale della sovrastante stazione di Saphan Taksin e con lo Skytrain raggiungi la fermata di Sala Daeng. Ai bambini, soprattutto se maschietti, piacciono i mezzi di trasporto ed il treno sopraelevato sarà una novità. Interessante osservare le stazioni, l’arrivo dei treni ed ammirare il panorama della città da una posizione privilegiata. 

Che tu abbia la scelto la metropolitana o lo Skytrain, da entrambe le stazioni di arrivo sono solo pochi passi per raggiungere la prossima meta. Il Lumphini Park (si scrive anche Lumpini Park). 

From Lumphini Park looking to Rama IV and Silom District with Dusit Hotel in the background, Bangkok

From Lumphini Park looking to Rama IV and Silom District, Bangkok

Photo Credit: MikeBehnken

Alla Ricerca dei Varani Giganti nel Lumphini Park 

Altro che zoo e crocodile farms, per i tuoi bambini a Bangkok ci sono cose ben più eccitanti da fare. Ed a costo zero per te. Una di queste è fare un giro al Lumphini Park, nel cuore della città. Potrebbe rivelarsi una passeggiata davvero molto sorprendente. Ed avventurosa. 

  • Il parco è bello, grande, ben ombreggiato e frequentato quasi esclusivamente da thailandesi, ne vedrai molti dedicarsi a correre, fare aerobica e tai chi. I farang in giro sono pochi e nessuno dei venditori ambulanti ti disturberà.
  • Ma non è solo la possibilità di fare un passeggiata rilassante o noleggiare una barca per navigare mezz’ora in uno dei laghetti il motivo per portarci i tuoi figli.
  • Qui puoi dedicarti ad una cosa davvero emozionante ed insolita. Andare a ricercare insieme ai tuoi bambini i grandi varani, lunghi anche più di 2 metri che vivono e se ne vanno in giro indisturbati nel parco.
  • Di monitor lizards al Lumphini Park ce ne sono dozzine (anche se nel corso del 2016 circa metà dei lucertoloni sono stati riposizionati fuori città, erano troppi) ed anche se non è automatico che tu possa vederne le probabilità non sono poi così remote. Soprattutto se ti aggiri con sguardo attento intorno ai laghetti ed ai numerosi corsi d’acqua. A volta si arrampicano addirittura sugli alberi. Ricordo di aver letto che una volta una di queste creature pensò bene di scendere dal ramo sui cui si era appollaiata nell’esatto istante che una mamma col passeggino passava di sotto…
  • Le preistoriche creaturine non sono velenose e dovrebbero essere loro ad aver più paura di te del contrario. Ti suggerisco però di conservare le distanze, essere morso sarebbe una pessima idea.
  • Non ci credi che enormi lucertoloni vadano liberamente a spasso nel parco più centrale di Bangkok? Proprio sotto i grattacieli e lo Skytrain? Dai uno sguardo alla foto che segue o guarda il video Lumpini Park Monitor Lizard Eating with Crows or Ravens. E se la cosa ti ha incuriosito basta che digiti lumphini park + monitor lizard su YouTube, provare per vedere. 

Sei riuscito a vedere i varani senza essere mangiato? Ottimo, però i safari mettono appetito e se ai tuoi bambini è venuta fame sarà il momento di nutrirli. 

Dove pranzare nelle vicinanze del Lumphini Park? A meno di 10 minuti a piedi dal parco i primi 200 metri di Thanon Surawong, la parallela di Silom, ospitano numerosi ristoranti, per ogni tasca e gusto. E’ questo il posto giusto dove dirigerti. Anche perché sarai a pochi passi dalla prossima attrazione. 

Bangkok, a Monitor Lizard in Lumphini Park

A Two Meters Monitor Lizard at Lumphini Park, Bangkok

Photo Credit: Fotogene001 

I Serpenti alla Snake Farm (Pasteur Institute) 

Non farti ingannare dal nome, a differenza di tante altre “snake farms” che si trovano in Thailandia il Queen Saovabha Institute (prima conosciuto come Pasteur Institute) non è la classica attrazione acchiappa turisti. 

E’ invece un serio istituto di ricerca di proprietà e gestione della Croce Rossa thailandese. I serpenti che vedi durante la visita sono utilizzati per la produzione del siero antiveleno per chi viene morso. 

Perché portarci i tuoi figli? Per 2 motivi. 

  • Perché i bambini potranno osservare non solo l’enorme cobra reale oltre a vipere e boa, ma anche assistere ad uno spettacolo dal vivo con i serpenti, e la cosa in genere li entusiasma. Ed al termine dello spettacolo se lo vorranno potranno gratuitamente farsi abbracciare da un giovane pitone (dai una piccola mancia).
  • Perché a differenza di tante altre attrazioni del genere situate in periferia ad ore di viaggio dal tuo albergo, la Snake Farm è situata nel pieno centro di Bangkok, potrai dedicarle un’ora e poi riprendere il tuo giro della città. 

La visita risulta di interesse soprattutto ai bambini e non ti porta via molto tempo ma devi prestare attenzione agli orari. 

L’estrazione del veleno avviene alle 11 dal lunedì al venerdì escluso eventuali festività thailandesi. Ma il momento più eccitante e coinvolgente per i bambini è invece lo spettacolo che ha orari differenti: dal lunedì al venerdì alle 14.30 ed il sabato/domenica/festività alle 11. Ricontrolla sul sito gli orari e cerca di arrivare almeno mezz’ora prima. 

  • Da sapere che il Queen Saovabha Institute è il posto giusto a Bangkok dove dirigerti se hai bisogno o desideri vaccinarti contro rabbia, tetano, epatiti o tifo. Chi ha utilizzato il servizio ha trovato il personale gentile e competente ed i costi ben più bassi che in Europa.
  • La Snake Farm è ospitata nella sede della Croce Rossa thailandese all’incrocio tra Henry Dunant e Rama IV Roads, nel cuore di Bangkok a poca distanza dal Lumphini Park. La stazione del BTS/Skytrain di Sala Daeng dista poco meno di 10 minuti a piedi, ancora meno la fermata della metropolitana MRT di Silom. Attenzione a non confonderla con la Snake Farm di Thonburi che è invece un posto solo e totalmente turistico e sta da un’altra parte della città.
  • Website: Snake Farm – Queen Saovabha Memorial Institute

Se capiti durante il week-end quando il pomeriggio la Snake Farm è chiusa puoi visitare in alternativa il bellissimo acquario di Sea Life Bangkok Ocean World, situato poco distante. Leggi oltre in questo post “Cosa Fare a Bangkok con i Bambini Se Piove”. 

Terminata la visita alla Snake Farm ritorna a piedi alla fermata di Sala Daeng dello Skytrain e con il treno sopraelevato dirigiti verso la zona di Siam Square. In alternativa prendi il tuk-tuk, il tragitto è breve, ci arrivi velocemente in 10 minuti. 

Snake Farm (Queen Saovabha Institute) in Bangkok

Snake Handling, Queen Saovabha Institute, Bangkok

Photo Credit: travelourplanet.com

I Grandi Shopping Malls di Siam Square e la Jim Thompson’s House 

Questa zona di Bangkok piacerà più alle mamme (ed a qualche papà) che ai tuoi figli, è qui che si trovano i più grandi shopping centers della città. Sono costruzioni enormi, con migliaia di negozi, le opportunità di shopping sono infinite. 

Se sono i centri commerciali ad attirarti e desideri acquistare qualcosa per te o fare un regalo ai tuoi bambini la fermata giusta dello Skytrain dove scendere è Siam

  • Tra i diversi malls quello che probabilmente offre più prodotti dedicati a bambini e ragazzi è Central World, dalla fermata di Siam sono circa 300 metri a piedi. E’ qui che trovi il negozio della Nike, il mega-store SuperSports specializzato in abbigliamento sportivo e soprattutto Toy R Us.
  • L’intera zona di Siam costituisce un ottimo posto dove pranzare o cenare. Solo all’interno di Central World ci sono oltre un centinaio tra bars, fast food e veri e propri ristoranti, prendi nota perché la cosa potrebbe sempre risultarti utile.
  • Se vuoi saperne di più leggi in questo blog il post Bangkok. Guida ai Mercati ed ai Migliori Shopping Centers 

L’altra attrattiva del quartiere di Siam è la Jim Thompson’s House, un negozio/museo famosissimo in tutto il mondo e vero Must Do per tutti i turisti in visita nella capitale thailandese. Vi accedi in pochi minuti dalla National Stadium Station dello Skytrain. Se già ti trovi a Siam Square fai però prima ad andarci a piedi. 

  • Non ci devi stare due ore, ovvio, ma se vuoi dare almeno uno sguardo credo proprio che tu possa farlo anche se sei in giro con i bambini.
  • Più che la visita vera e propria della casa (sono permesse solo visite guidate ed ai bimbi non gliene importa nulla) puoi dedicare qualche decina di minuti ad ispezionare il magnifico negozio. E’ questo il posto giusto dove acquistare copri cuscini, stoffe e magnifici tessuti in seta, sul divano di casa staranno magnificamente. 
Khao San Road, Bangkok

Walking in Khao San, Bangkok

Photo Credit:  travelourplanet.com

L’Insolita Esperienza del Klong Saen Saep 

Sia da Siam Square che dalla Jim Thompson’s House è un attimo raggiungere il Klong Saen Saep, il canale che permette di raggiungere velocemente ed in modo divertente per i bambini la tua prossima meta: Khao San Road ed il quartiere di Banglamphu. 

E proprio tra Khao San e le viuzze di Banglamphu che ti suggerisco di passare il fine pomeriggio, cenare e poi rientrare in serata in albergo. 

  • Lungo il Klong Saen Saep il pier giusto dove imbarcarti è Tha Hua Chang. Ma come raggiungerlo?
  • Dalla Jim Thompson’s House sono solo 200 metri percorrendo la stradina sulla destra lungo il canale.
  • Se provieni da Siam Square devi seguire Rama I Road e poi prendere sulla destra Phaya Thai Road (Thanon Phaya Thai): percorsi nemmeno 100 metri evita di salire sul ponte che scavalca il klong, rimani invece sul lato destro della strada e prosegui lungo il vicolo lastricato che ti porta in faccia al canale. A questo punto guarda sotto il ponte alla tua sinistra e vedrai le persone in attesa delle barche. 

Ma perché utilizzare il canale invece di prendere un taxi od un tuk-tuk? 

  • Perché potrai mostrare ai tuoi figli una delle ultime vie d’acqua interne ancora utilizzate a Bangkok, spesso sconosciuta alla stragrande maggioranza dei turisti.
  • Perché è il sistema per raggiungere più velocemente il quartiere di Banglamphu.
  • Perché l’avvicendamento delle barche è un vero spettacolo, si susseguono quasi una al minuto e la sosta dura pochi secondi, poi il timoniere ridà gas e la barca è già ripartita, fai notare la scena ai tuoi figli, non è una cosa che vedono tutti i giorni.
  • E perché il tuk-tuk lo prenderai comunque dal molo di arrivo Tha Phan Fa per percorrere gli ultimi 500 metri che ti separano da Khao San Road. Ai bambini il tuk-tuk piace. 
Bangkok, Banglamphu District

Banglamphu, Bangkok

Photo Credit: permanently scatterbrained

A Spasso per Banglamphu… 

Il quartiere di Banglamphu è in assoluto uno dei più rilassanti di Bangkok dove andare con i bambini. Non ci sono grattacieli e sopraelevate ma tante piccole viuzze con botteghe, negozi e ristorantini. 

  • Il centro di tutto è la famosissima Khao San Road, una volta frequentata quasi esclusivamente da backpackers provenienti da ogni parte del mondo ed ora sempre più da famiglie.
  • Ma prima di dedicarti a Khao San ti suggerisco di esplorare con i bambini gli stretti vicoli situati tutti intorno. E’ qui più che a Silom, Sukhumvit od altre celebrate parti della città che puoi assaporare quell’atmosfera autentica thai di viuzze tranquille, vecchie case basse in legno, negozietti e piccoli giardini. 

Una zona del quartiere particolarmente suggestiva si trova all’estremità occidentale di Khao San Road, in direzione del fiume, sarebbe un peccato mancarla. 

  • Per arrivarci devi attraversare un tempio, il Wat Chanasongkhram. Non è famoso e non è segnato sulle guide turistiche, non ci sono cose particolari da vedere ma nemmeno i turisti. Il tempio è vivo, ci abitano i monaci, è qui che ti potrà capitare di vedere i giovanissimi bonzi bambini in aula intenti a studiare. E’ un’oasi di pace, un posto geniale, bello che esiste.
  • Dall’altra parte del tempio, vicinissimo al fiume ed all’importante Phra Arthit Road si trova un reticolo di viuzze, strette e tutte pedonali, immerse nella vegetazione e letteralmente piene di negozietti e guesthouses. Vale la pena passeggiarvi senza meta, un po’ a caso. 

Dove Terminare la Giornata? A Khao San Road 

Quando cala il buio sarà il momento di tornare a Khao San, è qui che ti consiglio di terminare la serata. 

  • La sera la via è tutta pedonale, i negozietti sono decine così come numerosi sono i ristorantini dove cenare. I costi sono bassi e lungo la strada il via vai di gente è continuo, non solo turisti ma anche thailandesi e stranieri residenti. C’è musica e l’atmosfera è allegra.
  • I bambini saranno incuriositi dagli spettacoli col fuoco che si tengono lungo tutta la via e dai carretti ambulanti dei venditori di insetti fritti, cavallette e non solo… non mancano coleotteri, grilli e qualche scarafaggio. Disgustoso, forse, ma insolito, difficilmente i tuoi figli vedranno una cosa del genere nelle strade di Roma, Milano o Parigi. 

Terminata la cena per rientrare in albergo utilizza un taxi od il tuk-tuk. La zona non è servita né dalla metropolitana né dallo Skytrain e le imbarcazioni che effettuano servizio passeggeri sul Chao Phraya terminano il servizio il tardo pomeriggio. 

Evita però di prendere taxi e tuk-tuk ai lati di Khao San, ti spareranno cifre esorbitanti. Incamminati invece lungo Thanon Ratchadamnoen, la grande via che porta al Democracy Monument. Ferma il primo tuk-tuk o taxi libero, contratta col primo o chiedi di mettere in funzione il tassametro al secondo, le tariffe saranno ben più ragionevoli. 

Bangkok, Siam Ocean World at Siam Paragon,

Shark Smiling, Sea Life Bangkok Ocean World at Siam Paragon, Bangkok

Photo Credit:  GianCayetano

Cosa Fare a Bangkok con i Bambini Se Piove 

E’ raro che a Bangkok piova per tutto il giorno, anche nella stagione dei monsoni. Più facile che schiarite e rovesci si alternino dando comunque la possibilità di effettuare le visite che ti eri prefisso di fare. 

Ma se dovesse piovere cosa fare per tenere impegnati i bambini? Escluso l’idea di infilarti in un museo, non ce ne sono di entusiasmanti per i bambini, la cosa più saggia è raggiungere l’area di Siam Square. 

  • Siam è un quartiere centralissimo di Bangkok ed è qui che si intersecano le due linee dello Skytrain.
  • Raggiungerlo è quindi economico e veloce (evita il taxi quando diluvia) e la concentrazione di diversi e grandi centri commerciali ne fa il posto dove dirigerti se la giornata si presenta orribile. 

Anche perché all’interno di uno di questi enormi shopping malls c’è l’attrazione di Bangkok forse più interessante per i bambini. Così ben progettata che varrebbe la pena di visitarla persino in un magnifico giorno di sole. 

Sea Life Bangkok Ocean World 

E’ un acquario ma non è un posto banale. E’ uno dei più belli e tecnologici di tutta l’Asia. Non solo è molto vasto ma contiene molti più animali rispetto ad Underwater World dell’isola di Sentosa a Singapore. 

E’ una vera meraviglia, occupa un’area equivalente a quelle di 3 piscine olimpioniche e sembra ospiti oltre 30.000 creature acquatiche provenienti da ogni mare del pianeta. Sono rappresentati anche gli ambienti fluviali, incluso quello del Rio delle Amazzoni e della Rainforest africana. Oltre a restare estasiati di fronte alle grandi vetrate i bambini avranno occasione di imparare qualcosa sugli oceani e gli animali che li popolano. 

  • L’esposizione è divisa in 13 zone principali ed il biglietto di entrata base (Foreign Single Visit) le include tutte, da Rocky Hideout a Shark Walk, da Tropical Rainforest a Rocky Shore a Sea Jellies.
  • L’ambiente che più emozionerà piccoli e grandi sarà probabilmente lo spettacolare tunnel panoramico dalle pareti di cristallo, davvero impressionante la vista ravvicinata di squali e altri grandi predatori oceanici (anche se ormai datato il tunnel di Underwater World è però forse meglio progettato). Anche i granchi giganti saranno oggetto di grande sorpresa per i tuoi figli.
  • Squali, razze e pinguini vengono nutriti ad ore prefissate, in genere 2 volte al giorno. E’ il feeding time e piacerà ai tuoi bambini, controlla sul sito gli orari aggiornati, devi guardare in Plan Your Visit e poi Talks and Feeds.
  • Il biglietto di ingresso non è particolarmente economico, se compri on line hai un piccolo sconto, diverse le formule proposte.
  • Dive with the Sharks, Ocean Walkers, Glass Bottom Boat ed altre attività hanno tutte costi extra. Non mi sento di consigliartele, a parte il costo decisamente elevato il posto offre già tante cose da vedere. Da quanto ho sentito la barca con il fondo di vetro sembra si possa proprio evitare, i pesci si vedono meglio dalle vetrate e dal tunnel.
  • L’acquario si trova nel basement (seminterrato) di Siam Paragon, probabilmente il più lussuoso dei grandi shopping malls di Bangkok. Puoi accedervi direttamente tramite una passerella coperta dalla stazione Siam del BTS/Skytrain.
  • Website: Sea Life Bangkok Ocean World 
Bangkok, Siam Ocean World at Siam Paragon

Sea Life Bangkok Ocean World at Siam Paragon, Bangkok

Photo Credit:  GianCayetano

Links Utili

  • Sei a Bangkok e stai cercando un indoor playground dove far divertire i tuoi minuscoli? Te ne suggerisco uno. E’ grande, bello ed organizzato, si chiama Funarium, ed è aperto 365 giorni all’anno. Si trova a Sukhumvit Soi 26.
  • Se ti trasferisci per lavoro a Bangkok con la famiglia, vai ad abitare nella zona di Sukhumvit ed hai bisogno di una scuola materna per tuo figlio contatta la IPC International Kindergarten & Nursery situata a Sukhumvit Soi 31. In città è una delle più conosciute.

Stai Cercando una Visita Guidata?

In questo blog trovi tanti articoli ricchissimi di info e suggerimenti per poter fare le cose da solo, dai trasferimenti alle visite, senza dover chiedere aiuto a nessuno. Ma se preferisci essere accompagnato da una guida o la comodità di una vettura privata che ti porti a spasso venendoti a prendere e poi riportandoti in albergo la cosa è sicuramente possibile. Ho ricercato e confrontato decine di escursioni guidate, qualcuna di gruppo ma la maggior parte con auto e guida privata, organizzate da agenzie diverse, e descritto le più valide, con pro e contro di ciascuna escursione ed i links diretti per confrontare i costi e prenotare in internet con carta di credito. Tu leggi, valuta, e vedi se c’è qualcosa che ti interessa.

  • I Migliori Tours Organizzati a Bangkok: le escursioni più interessanti per visitare la città con una guida privata, dalla Bangkok moderna di Siam Square al complesso del Palazzo Reale e del Tempio del Buddha di Smeraldo, dal Wat Pho con la sua statua del Buddha sdraiato lunga 46 metri al Wat Arun, dai vicoli e le trafficate strade di Chinatown alla movida serale di Khao San Road. 
  • I Migliori Tours Organizzati ad Ayutthaya: le mie recensioni delle escursioni che da Bangkok portano all’antica capitale del Regno del Siam ed a Bang Pa-In, dai tours di gruppo con andata in pullman e rientro in barca sul fiume Chao Phraya, alla visite con auto privata ed guida in esclusiva, alle più sportive gite in minivan e bicicletta.
  • I Migliori Tours Organizzati ai Floating Markets da Bangkok: se vuoi una guida che ti accompagni a visitare il famoso mercato attraversato dal treno a Maeklong ed i suggestivi floating markets nei dintorni della capitale, dal super turistico ma colorato mercato galleggiante di Damnoen Saduak al suggestivo riverside market di Amphawa che si tiene ogni week-end dal venerdì pomeriggio alla prima serata di domenica.

Le Altre Guide sulla Thailandia

Non c’è solo Bangkok, ecco i numerosi posts sulla Thailandia pubblicati in questo blog.

  • Spiagge e Isole della Thailandia: le guide dedicate a Koh Samui, Koh Phangan, Krabi, Phi Phi Island e Phuket, con la descrizione dettagliata di ogni isola, le caratteristiche delle diverse spiagge, i miei suggerimenti su dove stare e cosa fare, il clima.
  • Great Journeys in Asia: 3 diversi articoli tutti dedicati a dove andare e come organizzare un viaggio in Thailandia con i bambini. Un vero e proprio itinerario giorno per giorno alla scoperta di Bangkok e delle spiagge più belle della Thailandia da fare in famiglia, insieme ai tuoi figli. Con i suggerimenti sulle attrazioni più belle, come organizzare le tappe ed i trasferimenti, gli alberghi più indicati per le famiglie. E tutti i miei consigli per organizzare il viaggio da solo, prenotando sul web hotels e voli interni.

 

Destinazione o viaggio consigliato a partire dai 6 anni. Clima caldo-umido e situazione ambientale molto differente da quella di casa. Cucina diversa da quella abituale ma non mancano ristoranti italiani e fast-food. Buona qualità dell’assistenza medica in caso di bisogno. Ad oggi non sono necessarie profilassi o vaccinazioni.

Last Update: May 13th 2018 

Front cover photo credit: Children Leaving School in a Boat, Klong Bangmod, Thonburi, Bangkok by Wat Peace. All photos in this page come from Flickr: Creative Commons Attribution – NoDerivs Licensed Photos. Please read here the Summary of the Legal Code. Terms of license are valid at the time of publishing this post. 

Share

20 comments to Viaggiare con i Bambini a Bangkok

  • Ciao Dario grazie! Sono più di 20 anni che ho visitato il Nord della Thailandia, ed a differenza di Bangkok e delle isole del Sud dove sono stato tante, numerose volte, nel Nord della Thailandia non sono mai più tornato. Questo è il motivo per cui non mi sento né di dare consigli particolareggiati né ovviamente di scrivere degli articoli, infatti nel blog, ad oggi, non trovi nessuna guida sul Nord. I miei ricordi sono molto sfumati, ti dico solo che rimasi sorpreso dal bellissimo tempio di Doi Suthep vicino a Chiang Mai, e ti invito a visitarlo nel corso del tuo viaggio, così come una zona davvero interessante ed un po’ meno battuta dai soliti circuiti turistici è l’area di Pai e Mae Hong Son. In agosto nel Nord della Thailandia tieni d’occhio il tempo.

  • dario

    ciao e complimenti per il blog. in agosto io e mia figlia di 8 anni saremo in thay per circa 12/15 giorni. La mia idea era di stare 3/4 giorni a bangkok volare a chiang mai per altri 4 giorni e finire a rayong di fronte a ko samet. Vorrei consigli, non su bangkok ma sul nord che non conosco affatto. grazie

  • Ciao Paola, grazie! Due le gite da fare da Bangkok:

    1) Ayutthaya: perfetta ed interessante dal punto di vista culturale, quindi ok per i grandi, le vecchie pietre invece non entusiasmano mai troppo i piccoli… nel caso arricchisci la gita con la visita delle rovine con la bici, l’unico modo per renderla piacevole ai tuoi figli.

    2) I mercati: beh, più varia, soprattutto se riesci in un’unica giornata ad inserire il treno che attraversa il mercato a Maeklong (essere a 50 cm dalle rotaie mentre passa il treno per i bambini non è male), più giro in barca tra i canali (a Damnoen Saduak più pittoresco – sebbene più turistico – rispetto ad Amphawa), più giro tardo pomeridiano/inizio sera tra le bancarelle del week-end market di Amphawa, magari mangiando sul posto prelibatezze locali. Per una famiglia di 4 persone è saggio noleggiare un’auto, rende le cose più semplici e molto più gestibili, puoi prenotare una delle escursioni con autista/guida (ce ne sono di ottime) oppure chiedere una quotazione per auto+driver all’albergo di Bangkok che hai prenotato, in quest’ultimo caso specifica con grande chiarezza quando vuoi partire, a che ora vuoi tornare, tutte le tappe che vuoi fare e quanto vuoi fermarti/cosa fare in ogni posto.

  • Paola

    Semplicemente uoa! Complimenti per accuratezza informazioni.saremo a Bangkok in agosto per qualche giorno con due bambini di 7 e 9 anni hai suggerimenti per qual che gita nei dintorni della città? Grazie Paola

  • Ciao Andrea, grazie, gentilissimo. No, a dire il vero non ho notizie dell’operatività del Rose Garden, tieni presente che il posto è davvero super turistico.

  • Andrea T

    Ciao Fabio, complimenti per l’ottimo lavoro.
    Hai notizie circa una presunta chiusura definitiva del Rose Garden e relativo spettacolo?

  • Ivan, chiedi, se so rispondo volentieri!

  • Ivan

    Grazie mille per la risposta Fabio…numero uno assuluto !!
    avrei altri milioni di domande ma non vorrei essere troppo sfacciato !!!

  • Ciao Ivan, grazie, gentilissimo!

    1) dal Narai Hotel all’imbarcadero del Central Pier sono 10′ di tuk-tuk, oppure fai a piedi i circa 600 metri che ti separano dalla stazione del BTS/Skytrain di Chong Nonsi e con il treno sopraelevato in sole 2 fermate arrivi alla stazione di Saphan Taksin, qui scendi le scale e sei arrivato; prendi il battello fino a Tha Chang, visita Palazzo Reale, quindi cammina fino al Wat Pho, una volta visto il grande Buddha sdraiato riprendi il battello a Tha Tien Pier.

    2) a Samui vai a fare una gitina a Thong Ta Kian (conosciuta anche come Crystal Bay o Silver Beach) situata tra Chaweng e Lamai, è una delle baiette più intime e pittoresche di Samui, col motorino sii super prudente; poi… se ti senti particolarmente intraprendente: prendi la primissima barca del mattino per Koh Phanagn, con un taxi (ma anche minibus condiviso) fatti portare nella grande baia di Thong Nai Pan, sulla spiaggia cerca un barcaiolo, in barca vai a Bottle Beach (20′), accordati col barcaiolo perché venga a riprenderti verso le 14.30, torna a Samui senza mancare l’ultima barca del pomeriggio. Bottle Beach è magnifica, una vera signora spiaggia, in assoluto una delle più belle dell’intera Thailandia. P.S.: e se perdi il battello al rientro non ti stressare, a Phangan i posti dove dormire con poco non mancano, rientrerai a Samui il mattino dopo!

  • Ivan

    Complimenti Fabio una fonte inesauribile…a fine luglio faremo un viaggio in thailandia e abbiano nel tour un giorno e mezzo “libero” per visitare bangkok …..approffitero’ del tuo itenirario per i bambini…sarebbe tutto bello ma dovro “comprimerlo” e tagliare qualcosa visto il tempo…. siamo mamma papa e un bambino di 7 anni…saremo al NArai Hotel su silom road (bang rak)…da li come arriviamo al pier piu vicino per poi prendere un traghetto e risalire fino tha chang ? (dove si arriva per iniziare il tuo itineario con il grand palace e il wat pho)…poi volevo chiederti anche saremo 5/6 giorni al mare a KOH SAMUI….cosa di consigli come escursioni/visite li ? (da fare anche con un paio di motorini a noleggio…)

    nbon avendo mai visitato bangkok…ma avendone l idea di una citta ipercaotica l unica cosa che mi preoccupa e riuscire a raccapezzarmi con i trasporti…ma leggendo le tue guide sembra essere una cosa molto “easy” una volta che siamo li…speriamo di capirci qualcosa !!

    grazie mille

    Ivan

  • Grazie Maria Teresa! Lo conosco il Royal Orchid, ci ho dormito, ottimo albergo ed ottima location sul fiume.

  • Maria Teresa

    Molto interessante grazie, vengo spesso a Bangkok, ma tra due settimane arrivo con un nipote di 13 anni e seguirò i suoi consigli. Il mio Hotel è Royal Horchid Sherathon, sul fiume. Grazie

  • Grazie Filippo, spero ti sia utile per organizzare (prima e durante) il tuo viaggio!

  • Filippo da Venezia

    Grazie mille. È proprio quello che cercavo.
    Complimenti per l’accuratezza dei dettagli e dei suggerimenti.

  • Grazie a te Daniele, gentilissimo!!

  • Daniele

    Semplicemente eccezionale! Utilissima, sintetica, aggiornata con consigli preziosi per visitare la splendida bangkok che ha lasciato a bocca aperta i nostri bambini!!
    Grazie davvero!
    Suggerisco anche di leggere le altre “guide” che sono una preziosissima fonte di informazione per organizzare senza problemi la visita di questa città
    Daniele

  • Flanders

    Grandiosa la tua guida siamo riusciti a visitare questa magnifica
    città con una bimba di 4 anni al seguito utilizzando molti dei tuoi
    spunti. Complimenti !!!!!!!!!

  • Ciao Andrea, grazie dei complimenti!
    Bello il tuo post sull’Isaan (e tutto il tuo blog), le foto che hai scattato
    rendono la meraviglia della serenità sconvolgente del paesaggio rurale,
    grandioso nella sua semplicità.
    Guardare le tue foto mi ha ricordato un altro viaggio, un altro posto, in treno
    tra Patna e Varanasi, tra Bihar e Uttar Pradesh, il treno andava a 40 Km all’ora
    ed io rimasi ore ed ore incollato al finestrino a guardare campi ed alberi, senza
    distrarre lo sguardo, rimasi letteralmente affascinato dalla straordinaria bellezza
    della campagna.

  • Non hai scritto un post ma una guida a tutti gli effetti!
    Complimenti per l’accuratezza dei suggerimenti… la foto dei bimbi
    che nuotano nel fiume potrebbe preoccupare qualche mamma italiana
    🙂 complimenti ancora!

Leave a Reply

You can use these HTML tags

<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

  

  

  

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.