Subscribe to our Newsletter

DESTINATIONS

Le Guide su Paesi, Città e Destinazioni

Guide pratiche e dettagliatissime su Paesi, città e destinazioni. Cosa vedere, quanto stare, in quale quartiere prenotare l'albergo, come spostarsi, che tempo fa. I miei suggerimenti su come organizzarti e tanti links utili dove cercare info aggiornate. Da stampare e portare in viaggio.

GREAT JOURNEYS

I Grandi Viaggi

Veri e propri programmi di viaggio spiegati in dettaglio, giorno per giorno, con tutte le informazioni ed i links che occorrono per poter prenotare, da solo e sul web, alberghi, trasferimenti e voli interni.

WHEN TO GO?

Il Clima

Il tempo che potresti trovare, Paese per Paese, regione per regione, quasi mese per mese. Quando è meglio andare e quando è più saggio starsene a casa. I links dove controllare forecasts ed averages di temperatura e piovosità.

Gli Hotels di Charme Più Belli di Bangkok

I Boutique Hotels di Charme Più Belli di Bangkok

Vai a Bangkok e stai cercando un hotel di charme e design? Ti chiedi quali sono i boutique hotels più belli di Bangkok? La mia recensione dei 10 alberghi di charme più belli di Bangkok, dai romantici hotels di Chinatown agli alberghi della Bangkok storica vicino al Wat Pho ed al Grand Palace, gli hotels panoramici con vista sul fiume, gli heritage hotels nel quartiere di Banglamphu, gli eleganti boutique hotels nel centrale e signorile distretto di Lumphini ed i migliori piccoli hotels di Sukhumvit. Per ognuno la descrizione dettagliata, perché andare, tutti i pro ed i contro, la distanza dallo Skytrain, dalla metropolitana o dai piers lungo il Chao Phraya e come arrivare dall’aeroporto nel modo più efficiente e veloce. Se hai in programma un viaggio a Bangkok e cerchi un boutique hotel di charme e design forse ti sarà utile. 

Family Suite, Shanghai Mansion, Chinatown, Bangkok

Family Suite, Shanghai Mansion, Chinatown, Bangkok

Photo Credit: Shanghai Mansion Bangkok

Quali Sono I Migliori Boutique Hotels di Bangkok?

  • Vai a Bangkok e stai cercando un hotel di charme? Vuoi alloggiare in un albergo di design dall’arredamento curato e dall’ottimo servizio? Sei in cerca della fascinose atmosfera della Thailandia di una volta? Bene, questo articolo ti presenta 10 dei migliori boutique hotels di charme di Bangkok.
  • C’è l’albergo più romantico di Chinatown, gli hotels a pochi passi da Palazzo Reale e dai fastosi templi della Bangkok storica, un bed & breakfast di design e gli alberghi con vista sul fiume, gli heritage hotels nel quartiere di Banglamphu vicini a Khao San Road e le eleganti e lussuose residenze di Lumphini e di Sukhumvit.
  • Per ognuno trovi la mia recensione, con la descrizione dettagliata, perché andarci, tutti i pro e tutti i contro, la distanza dalla più vicina stazione dello Skytrain, della metropolitana e dai piers lungo il Chao Phraya e come arrivare dall’aeroporto Suvarnabhumi nel modo più efficiente e veloce utilizzando un mix di trasporti pubblici e taxi e tuk-tuk.
  • I links sono di Booking.com, puoi rapidamente controllare disponibilità e costi.
  • Se stai invece cercando un appartamento oppure un albergo pulito, confortevole ed ottimamente situato e nello stesso tempo desideri spendere poco in questo blog trovi due altri articoli che ti saranno forse di aiuto: sono I Migliori ApartHotels di Bangkok con la mia recensione dei serviced apartments più belli e meglio situati della città e I Migliori Hotels di Bangkok per Rapporto Qualità/Prezzo, un’analisi molto dettagliata degli alberghi più validi nella categoria dei 3 e dei 4 stelle, tutti alberghi accomunati da una super location, un ottimo standard dei servizi ma anche tariffe – di solito – pienamente accessibili, se non addirittura interessanti.
Mei Hua Superior Room, Shanghai Mansion, Chinatown, Bangkok

Mei Hua Superior Room, Shanghai Mansion, Chinatown, Bangkok

Photo Credit: Shanghai Mansion Bangkok

Shanghai Mansion Bangkok

  • Dove: nel vero cuore di Chinatown, in un piccolo nobile palazzetto su Yaowarat Road, la via più rappresentativa ed animata del quartiere.
  • Perché andarci: perché è uno degli hotel di charme più unici ed eleganti di tutta Bangkok, un albergo non di lusso ma dagli interni estremamente curati in ogni dettaglio, quasi sempre disponibile a tariffe davvero attraenti.
  • Rooms: la base sono le Mei Hua Superior Rooms di 27 mq (sembrano meno in verità) con TV, minibar, tea & coffee making facilities, cassaforte e magnifici letti a baldacchino, fascinosi arredi in legno, tessuti e lampade colorate, non mancano i prodotti tutti carini in bagno; poi vengono le più ampie Ying Hua Deluxe Rooms di 39 mq dagli splendidi bagni con vasca free standing; quindi ci sono le suites, le Mu Dan Suites di 49 mq capaci di ospitare 2 adulti ed un bambino e le Family Suites da 48 a 75 mq per le famiglie con 2 bambini.
  • Pros: la splendida ambientazione Shanghai anni ’30 di camere ed ambienti comuni, un vero tuffo nel passato; la jazz lounge con musica dal vivo il tardo pomeriggio e la sera; i due ottimi ristoranti, il Cotton Restaurant per la colazione ed il raffinato Red Rose per la cena; il personale di solito gentile ed attento; tu chiedi riconferma all’arrivo ma se le cose non sono cambiate il minibar è gratuito e rifornito ogni giorno.
  • Cons: pochi direi, tieni però presente che il Shanghai Mansion occupa un edificio storico affacciato su una delle vie più trafficate di Bangkok e sui vicoli vicini, a ridosso di altri palazzi e quasi senza affaccio, le tradizionali finestre sono state quindi sostituite da lucernari colorati, nella quasi totalità delle camere la luce naturale è praticamente assente sostituita da una fascinosa illuminazione soffusa; chiaramente niente palestra e niente piscina, carina invece la spa; il quartiere è autentico ma non è un posto per tutti, se cerchi modernità e negozi alla moda sei totalmente fuori strada.
  • Consigliato: senza spendere molto hai l’opportunità quasi più unica che rara di dormire in un posto fascinoso, con l’atmosfera di quella lontana Cina che ormai sopravvive quasi solo nei films, nel cuore di un quartiere vivo, da dove volendo poter raggiungere a piedi con una passeggiata di 45 minuti il Wat Pho ed il Grand Palace, per poi tornare in albergo navigando lungo il fiume.
  • Distanza dalla metro e dai piers lungo il fiume: 700 metri sia dalla stazione centrale dei treni che dall’entrata della metropolitana Hualamphong MRT da dove con 2 fermate sei a Silom MRT/Sala Daeng BTS; 20 minuti di passeggiata (1 Km) per raggiungere l’imbarcadero di Tha Ratchawong  servito dai battelli pubblici di Chao Phraya Express Boat.
  • Come arrivare dall’aeroporto BKK in modo efficiente e veloce: sono 32 i Km che separano il Suvarnabhumi International Airport da Chinatown, molti prendono il taxi in aeroporto ma se vuoi fare più veloce utilizza i treni dell’Airport Rail Link fino a Phayathai, il capolinea di città, e solo da qui prendi il taxi per gli ultimi 5 Km.
  • Address: 479-481 Yaowarat (Yaowaraj) Road, Chinatown, Bangkok, Thailand
 Amorosa Bar and Wat Arun, Arun Residence, Rattanakosin, Bangkok

Amorosa Bar and Wat Arun, Arun Residence, Rattanakosin, Bangkok

Photo Credit: Arun Residence

Arun Residence

  • Dove: nel cuore della Bangkok storica, affacciato sul fiume di fronte al Wat Arun ed a pochi passi dal Wat Pho, in una zona ricca di alberghi di charme situati uno a fianco all’altro.
  • Perché andarci: per stare in un albergo piccolo, senza lussi ma raffinato, con pochissime camere, arredato in stile tipico thailandese e con un piacevole feel tropicale, in una zona molto caratteristica di Bangkok.
  • Rooms: la base sono le 3 Deluxe senza vista fiume e senza balcone ma tutte su due livelli con il pavimento in parquet ed oggetti di artigianato in legno; davvero molto belle le 3 suites, la Arun Suite, la Ratchapruek Suite e la nuova Jasmine, più ampie rispetto alle camere e con area soggiorno, il balcone con i vasi di fiori e la magnifica vista sul fiume ed il Wat Arun; la Arun Haveli è una villa ad una ventina di metri dalla costruzione principale, arredata in stile indiano con un’area living e dining con tavolo per pranzare e mini cucina con lavello e forno a microonde, non manca il balcone con vista sul fiume.
  • Pros: l’Amorosa Bar al quarto piano, aperto fino a mezzanotte e senza dress code, ed il ben noto ristorante The Deck un piano più sotto e con ambientazione sia interna che esterna, entrambi con vista gloriosa sul Wat Arun.
  • Cons: l’Arun Residence è stato il primo albergo di charme ad aprire in zona ed il peso degli anni un poco si nota, ora la concorrenza si è fatta agguerrita con strutture più moderne e sofisticate, da scegliere se ami l‘arredamento in legno tradizionale rispetto a quello più di design degli alberghi vicini.
  • Consigliato: se vuoi esplorare per bene ed a piedi senza necessità di prendere alcun mezzo tutta la zona dei templi, il Pak Khlong Talat (il Mercato dei Fiori) e la non lontana Chinatown; il vicino Tha Tien Pier ti permette di raggiungere velocemente in barca (dal mattino presto al tramonto) sia la stazione dello Skytrain di Saphan Taksin BTS sia il quartiere di Banglamphu e Khao San Road.
  • Distanza dai piers lungo il fiume: niente metropolitana e niente Skytrain nelle vicinanze dell’albergo; 350 metri dall’imbarcadero di Tha Tien dove attraccano gli economicissimi battelli pubblici di Chao Phraya Express Boat; attenzione che al momento della pubblicazione di questo articolo a dicembre 2017 sono in corso lavori per il rifacimento di tutta l’area prospiciente il molo di Tha Tien, che risulta al momento chiuso e non accessibile.
  • Come arrivare dall’aeroporto BKK: 34 i Km dal Suvarnabhumi, ti suggerisco di utilizzare l’Airport Rail Link fino a Phayathai e da qui raggiungere l’albergo in taxi, sono 7,9 Km.
  • Address: 36-38 Soi Pratoo Nok Yoong, Maharat Road, Rattanakosin Island, Bangkok, Thailand
  • L’alternativa: si chiama Sala Arun ed è il sister hotel dell’Arun Residence con il quale condivide la gestione; si trova tra l’Arun Residence ed il pier di Tha Tien; offre 3 Standard con vista sui tetti del Wat Pho (Temple of Reclining Buddha) di cui due con balcone, e 6 camere Deluxe tutte con vista sul fiume ed il Wat Arun (Temple of Dawn) di cui quattro con balcone; c’è il Bitter Deck Restaurant ed uno dei bars più noti di Bangkok, l’Eagle Nest Bar, entrambi con terrazza e veduta gloriosa, specialmente la sera quando i templi sono illuminati.
Above Riva Rooftop Terrace, Riva Arun, Rattanakosin, Bangkok

Above Riva Rooftop Terrace, Riva Arun, Rattanakosin, Bangkok

Photo Credit: Riva Arun

Riva Arun

  • Dove: nel cuore della Bangkok storica a Rattanakosin Island (che sembra tutto fuorché un’isola anche se affacciata sul fiume e circondata da canali) walking distance dal Wat Pho, dal Grand Palace e con gran vista sul Wat Arun, a meno di 100 metri dall’Arun Residence.
  • Perché andarci: perché è un vero piccolo 4 stelle di design, dalle camere luminose e molto stylish in stile moderno, bellissimi i bagni.
  • Rooms: sono solo 25 e se vieni per la vista sul fiume evita gli Studios (che danno sul lato città) ed anche le camere Superior e privilegia invece le Deluxe di 27 mq o le Grand Deluxe di 50 mq, tieni presente che tutte queste categorie sono pubblicizzate con balcone anche se in realtà il balcone è così minuscolo da risultare non vivibile; notevoli ma costose le ampie Grand Deluxe Jacuzzi di 63 mq e la Premium Jacuzzi Suite di 73 mq, entrambe con vere e proprie terrazze affacciate sul Chao Phraya.
  • Pros: il ristorante panoramico Above Riva situato sul rooftop con vista indisturbata sul fiume.
  • Cons: nulla da dire sulla validità dell’albergo, anche se a mio parere è meno fascinoso sia dell’Arun Residence che del Sala Arun rispetto ai quali risulta anche leggermente svantaggiato nella location, in quanto meno frontale rispetto al Wat Arun e più lontano dall’imbarcadero di Tha Tien; come per tutti gli altri hotels della zona, dal primo all’ultimo, tieni presente che la sera da fare non c’è assolutamente nulla, al di fuori dei locali degli alberghi il posto è privo di vita, se vuoi un po’ di animazione i piedi non ti basteranno e dovrai prendere taxi o tuk-tuk per spostarti.
  • Consigliato: se vuoi stare vicino ai templi più vecchi di Bangkok alloggiando in un albergo modernissimo e luminoso.
  • Distanza dai piers lungo il fiume: 450 metri a piedi per raggiungere l’imbarcadero di Tha Tien servito dai battelli pubblici di Chao Phraya Express Boat in funzione dall’alba fino a circa le 19.
  • Come arrivare dall’aeroporto BKK: Airport Rail Link fino a Phayathai più taxi da qui all’albergo.
  • Address: 392/26 Maharaj Road, Rattanakosin Island, Bangkok, Thailand
 03:00 PM Room, Inn A Day, Rattanakosin, Bangkok

03:00 PM Room, Inn A Day, Rattanakosin, Bangkok

Photo Credit: Inn A Day

Inn A Day

  • Dove: stessa location dei due alberghi precedenti, nel cuore della Bangkok storica a Rattanakosin Island, a 80 metri dalle mura del Wat Pho ed a 200 metri dal suo ingresso principale, di fronte al fiume ed al Wat Arun, vicino all’Arun Residence, al Sala Arun ed al Riva Arun, nell’area che offre la maggior concentrazione di boutique hotels di tutta Bangkok.
  • Perché andarci: per stare in un piccolo bed & breakfast di charme a gestione famigliare, tenuto con grande passione, dove l’attenzione verso l’ospite è continua e sincera, con vista sul Wat Arun ed a poco più di 15 minuti a piedi dall’entrata del Grand Palace e dal Wat Phra Kaeo.
  • Rooms: solo 10 camere in stile industrial-chic, tutte meno una hanno il balcone e sono decorate in modo diverso tra loro; escluso le più grandi Honeymoon Suite e Family Suite le altre camere hanno una metratura tra i 20 ed i 25 mq e curiosamente prendono il nome dalle differenti ore della giornata, c’è ad esempio la camera 8:00AM e quella 3:00PM; possono avere vista giardino, vista sul vicolo vicino oppure gran vista sul fiume ed il Wat Arun, tu guarda le foto di ciascuna camera prima di prenotare.
  • Pros: il piccolo ristorante Jin Chieng Seng by Inn A Day è uno dei migliori di tutta Bangkok, autentico cibo thailandese di qualità a prezzi bassissimi, il posto giusto dove provare il pad thai (il piatto nazionale della Thailandia, noodles di riso saltati nel wok insieme a uova, gamberi, pollo o tofu, germogli di soia, verdure, peperoncino, spezie e salsa di pesce).
  • Cons: i bagni a vista nelle camere ne fanno un posto particolare di quelli dove magari non andare con tua madre; ben più costoso di quello che ti potresti aspettare da un B&B, che per quanto molto stylish rimane comunque una struttura semplice; come spesso succede con i boutique hotels il rapporto qualità/prezzo va un po’ a farsi benedire, con gli stessi soldi a Sukhumvit od a Silom potresti avere una camera al 30° piano di un scintillante grattacielo in un grande albergo di lusso con piscina e mille altri servizi, ma chiaramente non sarebbe la stessa cosa.
  • Consigliato: se vuoi alloggiare in un posto che non sarebbe troppo fuori luogo a Chelsea o nel Meatpacking District, fuori dalla finestra ci sono però le bouganville e sullo sfondo appare la slanciata cuspide in stile khmer del Wat Arun… particolarmente suggestiva la sera con le luci.
  • Distanza dai piers lungo il fiume: meno di 200 metri a sud di Tha Tien Pier, ci arrivi in 2 minuti.
  • Come arrivare dall’aeroporto BKK: ti suggerisco di utilizzare l’Airport Rail Link fino a Phayathai e da qui raggiungere l’albergo in taxi, sono 7,9 Km; l’Inn A Day si trova vicino al Wat Pho tra il Sala Rattanakosin e l’Arun Residence, il tassista non avrà la più pallida idea di dove è localizzato l’albergo, tu dai come riferimento il Wat Pho, studiati prima la cartina, stampala e portala con te.
  • Address: 57-61 Maharat Road, Rattanakosin Island, near Wat Pho, Bangkok, Thailand
River Breeze Room, Navalai River Resort, Banglamphu, Bangkok

River Breeze Room, Navalai River Resort, Banglamphu, Bangkok

Photo Credit: Navalai River Resort

Navalai River Resort

  • Dove: nel quartiere di Banglamphu, affacciato sul Chao Phraya River, walking distance dalle decine di ristoranti, dai bars, dalla musica e dal mercatino notturno della mitica Khao San Road, dove se vuoi puoi tirare tardi la sera.
  • Perché andarci: perché è un ottimo 3 stelle superiore, piccolo, raccolto e con la vista sul fiume, uno dei più gradevoli (anche se non il più conveniente né tantomeno il più lussuoso) degli alberghi di Banglamphu; perché i vicoli e le animate viuzze subito alle spalle della via su cui sorge l’albergo costituiscono una delle zone più pittoresche dell’intera Bangkok dove passeggiare.
  • Rooms: solo 74 camere, carine e piacevolmente arredate ma meno scintillanti rispetto a come appaiono nelle foto, tutte hanno il balcone; si dividono innanzitutto in Serene Corner di 30 mq e Scenic City di 34 mq affacciate sulla vivace e rumorosa Phra Arthit Road; poi vengono le River Breeze di 38 mq e le River Serenade di 45 mq, entrambe con vista sul fiume, sarebbero quelle da scegliere ma non sono particolarmente economiche.
  • Pros: la posizione stra comoda direttamente sul fiume in corrispondenza del pier ed il piacevolissimo bar ristorante sulla terrazza; la piccola piscina sul tetto; ma soprattutto il poter raggiungere velocemente, spendendo pochissimo ed in modo panoramico il Grand Palace, il Wat Pho, il Wat Arun e Chinatown navigando lungo il Chao Phraya senza nemmeno notare l’incredibile traffico delle strade di Bangkok.
  • Cons: niente metropolitana e niente Skytrain, ed è la prima cosa in assoluto da tenere presente, sia per il Navalai che per qualsiasi altro albergo di Banglamphu; non aspettarti un 4 stelle, il Navalai non lo è; il rapporto qualità/prezzo non è granché, ma qui quelli che paghi è l’affaccio sul fiume e la comodità di avere il molo dove attraccano i battelli a non più di 2 metri dai tavolini all’aperto del bar ristorante dell’albergo; questo non è un posto che si sceglie per caso, se vieni è perché desideri ardentemente alloggiare qui, in questo albergo ed in questo quartiere.
  • Consigliato: se sei un viaggiatore che si prepara in anticipo il viaggio e vuoi dedicare la maggior parte del tuo tempo alle visite della Bangkok storica; se non te ne importa nulla dei red light districts, se ti importa poco dei grandi malls, se vuoi vivere Bangkok lontano dalle sopraelevate e dai grattacieli di cristallo; se non ti stressi a contrattare con gli esosi autisti di tuk-tuk, la sera insieme ai taxi ed ai tuoi piedi l’unico mezzo di trasporto disponibile; se ti piace farti sorprendere da visioni inaspettate, come il Wat Chanasongkhram, il tempio che separa Phra Arthit Road dalla famosa Khao San, i turisti non lo conoscono ma tu puoi attraversarlo, vedrai i monaci bambini a scuola intenti a studiare, come nella Bangkok esotica che uno si immagina e che di certo non trovi a Siam Square od a Sukhumvit.
  • Distanza dai piers lungo il fiume: accesso diretto al Phra Arthit Pier, il molo n° 13 servito dai panoramici e super economici battelli pubblici che solcano il Chao Phraya in funzione dalle 6 del mattino fino a circa le 19.
  • Come arrivare dall’aeroporto: Airport Rail Link fino a Phayathai più 5,5 Km di taxi o tuk-tuk fino all’albergo.
  • Address: 45/1 Phra Arthit Road, Banglamphu, Bangkok, Thailand
Deluxe Riva Room, Riva Surya, Banglamphu, Bangkok

Deluxe Riva Room, Riva Surya, Banglamphu, Bangkok

Photo Credit: Riva Surya

Riva Surya

  • Dove: nel quartiere di Banglamphu, affacciato sul Chao Phraya River, vicino al Navalai e meno di 10 minuti a piedi da Khao San Road.
  • Perché andarci: è il sister hotel del Riva Arun, le camere sono belle in entrambi ma il Surya pur mancando la grandiosa vista del Wat Arun ha più atmosfera, in effetti assomiglia ad un piccolo resort dove puoi passare anche mezza giornata a rilassarti tra piscina e terrazza, qui puoi goderti di più l’albergo.
  • Rooms: sono solo 68 e tutte molto ben arredate con colori chiari; la base sono le Urban di 32 mq con affaccio su Phra Arthit Road e piccolo balconcino; metratura appena inferiore, 30 mq, per le Riva Rooms senza balcone e con vista limitata sul Chao Phraya; ma le camere per le quali vale davvero questo albergo sono le Riva Deluxe di 40 mq e le Premium (Executive) di 48 mq, entrambe con ampia e vivibile terrazza esterna ambientata con divanetto e tavolo, e naturalmente vista magnifica sul fiume e sul via vai di barche.
  • Pros: l’arredo moderno delle camere, la piccola piscina e la terrazza con i lettini affacciata sul fiume; il ristorante con i tavoli all’aperto a pochi passi dall’acqua; la vicinanza a Khao San dove passare la serata rientrando poi in albergo a piedi; ad oggi il più bell’albergo di Banglamphu.
  • Cons: come per il Navalai il rapporto qualità/prezzo non è dei migliori, ci sono alberghi di 5 stelle lusso sul fiume che costano meno del Surya che è un 4 stelle, ed a Silom o Sukhumvit per la stessa cifra puoi avere una camera grande il doppio, ma non c’è storia, se vieni qui è perché vuoi assolutamente alloggiare in questo quartiere e non in altri; come tutti gli hotels in riva al fiume se puoi prenota una River View, non solo ci guadagni enormemente in vista ma anche in tranquillità, le camere che danno su Phra Arthit Road sono rumorose, perlomeno fino a poco dopo la mezzanotte, chiaramente nessun problema se rientri più tardi.
  • Consigliato: se vuoi stare nel pittoresco quartiere di Banglamphu alloggiando sul fiume in un albergo che assomiglia ad un resort, ossia se non vai troppo di fretta e dopo aver passato mattina e primo pomeriggio a spasso per Bangkok intendi goderti qualche ora di relax in piscina, per poi nuovamente uscire e passare la serata nel delirio di Khao San.
  • Distanza dai piers lungo il fiume: poco più di 250 metri da Phra Arthit Pier, ci arrivi in 4 minuti.
  • Come arrivare dall’aeroporto BKK: Airport Rail Link fino a Phayathai più 5,5 Km di taxi o tuk-tuk fino all’albergo.
  • Address: 23 Phra Arthit Road, Banglamphu, Bangkok, Thailand
Garden Suite, Old Capitale Bike Inn, Banglamphu, Bangkok

Garden Suite, Old Capitale Bike Inn, Banglamphu, Bangkok

Photo Credit: Old Capital Bike Inn

Old Capital Bike Inn

  • Dove: ai margini orientali del quartiere di Banglamphu, a pochi passi dal Democracy Monument, dagli splendidi tetti del Wat Ratchanatda e dalla collina del Wat Saket più conosciuto come Golden Mount o Montagna Dorata, 800 metri da Khao San Road.
  • Perché andarci: perché è un delizioso heritage hotel di charme, dal tocco vintage, dove tornare indietro nel tempo, all’Asia di una volta, prima dei grattacieli e delle sopraelevate.
  • Rooms: ci sono le semplici Twin di 23 mq con i letti in legno scuro e le lampade antiche, le Queen Loft Suites di 31 mq su due livelli con un letto queen in basso ed una caratteristica zona living sul mezzanino, simili le King Loft di 29 mq, anch’esse su due livelli e con letto più grande; ma le accommodations più fascinose sono le Garden Suites di 28 mq con piccola corte privata dotata di daybed e vasca free standing, e l’ampia split-level Honeymoon Suite di 39 mq; non manca la Family Suite di 48 mq, su due livelli, con due camere da letto, giardino privato e grande vasca da bagno in pietra e ceramica.
  • Pros: l’ottima ed attenta gestione; le biciclette gratuite a tua completa disposizione durante il giorno per pedalare lungo le tranquille viuzze del quartiere; i tours in bici, gratuiti e guidati, tre sere la settimana (se non è cambiato il martedì, giovedì e domenica) per ammirare i mercati ed i templi illuminati di Bangkok, un modo molto diverso e coinvolgente per scoprire la capitale; la vicinanza a Khao San, raggiungibile a piedi in 20 minuti.
  • Cons: i costi non sono bassi, anzi, ed il rapporto qualità/prezzo è quello che è, ma come in altri boutique hotels qui quello che paghi è l’unicità del posto; come per l’intero quartiere di Banglamphu niente metropolitana e niente Skytrain.
  • Consigliato: a veri viaggiatori, che magari non è la prima volta che vengono a Bangkok, che arrivano preparati sulla geografia ed i trasporti della città e si sanno spostare in modo autonomo, che apprezzano rooftop e mega malls ma che per dormire cercano qualcosa di molto diverso dai grattacieli di acciaio e cristallo, che si prendono il loro tempo per passeggiare anche in posti di solito non frequentati da altri turisti.
  • Distanza dai piers sul Klong Saen Saep e Chao Phraya: 5 minuti a piedi (300 metri) dal molo di Tha Phan Fah, terminale occidentale della linea di klong taxi che con frequenza praticamente continua ad intervalli di pochissimi minuti dall’alba alla tarda serata percorrono il poco conosciuto Klong Saen Saep una delle ultime vie d’acqua interne di Bangkok e via alternativa ed efficiente per raggiungere velocemente la Jim Thompson House, l’intera area di Siam Square e Sukhumvit Road; il Phra Arthit Pier sul fiume Chao Phraya sta a 1,4 Km, volendo è raggiungibile in mezz’ora o poco più a piedi anche se il tuk-tuk risulta sicuramente più comodo.
  • Come arrivare dall’aeroporto BKK: 31 Km dal Suvarnabhumi ma solo 3,9 Km da Phayathai dove arrivano i veloci treni dell’Airport Rail Link, chiaro che la cosa più saggia da fare per evitare perdite inutili di tempo nel traffico di Bangkok è prendere prima il treno e poi, solo una volta che sei arrivato in città, proseguire in taxi.
  • Address: 607 Pra Sumen Road, near Democracy Monument, Banglamphu, Bangkok, Thailand
  • Le alternative: non sono la stessa cosa, ma sempre in zona due altri piccoli semplici boutique hotels potrebbero fare al caso tuo, entrambi si affacciano sul Lamphu Canal e per entrambi le tariffe sono interessanti; il primo è il Lamphu Tree House con le camere arredate in stile tipico thai e la piscina a 750 metri da Khao San Road; il secondo è il Villa Phra Sumen Bangkok, con un piacevole giardino e le sdraio di fronte al canale, stessa identica distanza da Khao San.
Bathers Bar, The Siam, Dusit, Bangkok

Bathers Bar, The Siam, Dusit, Bangkok

Photo Credit: The Siam

The Siam

  • Dove: affacciato sul fiume nello storico quartiere di Dusit, il distretto amministrativo della Thailandia, sede del Parlamento e residenza del Re, a nord del centro di Bangkok e poco frequentato dai turisti.
  • Perché andarci: è l’albergo di gran lusso più particolare (e di gran lunga più costoso) di tutta Bangkok.
  • Suites e ville: al Siam ci sono solo suites e ville, ognuna con private butler service a completa disposizione; l’arredamento è sontuoso e riporta ai tempi andati, difficile chiedere di più; la più piccola è la Siam Suite e misura ben 80 mq, seguono la Mae Nam di 90 mq e la River View di 100 mq; poi ci sono le ville, con giardino e minuscola piscina privata, divise in Pool Villa Courtyard e Pool Villa River View, entrambe di 130 mq; la sistemazione più fascinosa è il Connie’s Cottage, una vera e propria casa in teak vecchia di oltre 100 anni trasformata nella residenza più bella dell’albergo, con arredi su misura, una piscina e 160 metri quadrati di spazio a tua disposizione.
  • Pros: gli arredi davvero raffinati delle suites e negli ampi spazi comuni, la bellissima piscina a pochi metri dal fiume, l’alto livello di servizio.
  • Cons: la location è decentrata, scomodissima per tutto, sia per visitare la Bangkok storica dei templi che per le boutiques di Siam Square; le pools nelle camere non sono vere piscine, vanno bene giusto per bagnarti, sono appena più grandi di una vasca; costosissimo, e forse le tariffe sono davvero troppo esagerate, con gli stessi soldi alloggi in suites sontuose, altrettanto spaziose e spesso panoramiche in alberghi magnifici e molto più centrali.
  • Consigliato: se non sei di corsa ed hai di tempo di goderti con calma la tua suite e gli ambienti comuni dell’albergo; venire qui per stare tutto il giorno in giro a visitare Bangkok sarebbe una cosa senza alcun senso.
  • La barca privata dell’albergo: i fortunati ospiti del Siam hanno gratuitamente a disposizione un’elegante imbarcazione che in 40 minuti di panoramica navigazione ammirando i templi più belli di Bangkok collega l’albergo al Central Pier ed alla stazione dello Skytrain di Saphan Taksin BTS; gli orari sono fissi, 9 partenze al giorno in entrambe le direzioni, su prenotazione, puoi farla tu o chiedere al tuo maggiordomo personale di farla per te.
  • Come arrivare dall’aeroporto BKK: chi va al Siam il treno non lo considera neppure per un attimo, e di solito non prende nemmeno in considerazione il taxi, più semplicemente chiede in anticipo all’albergo di organizzare un’auto privata con autista, e senza chiedere il costo.
  • Address: 3/2 Thanon Khao, Vachirapayabal, Dusit, Bangkok, Thailand
The Speakeasy Rooftop Bar, Muse Bangkok Langsuan - MGallery Collection, Lumphini, Bangkok

The Speakeasy Rooftop Bar, Muse Bangkok Langsuan – MGallery Collection, Lumphini, Bangkok

Photo Credit: Muse Bangkok Langsuan – MGallery Collection

Muse Bangkok Langsuan – MGallery Collection

  • Dove: in posizione centrale, nell’elegante quartiere di Lumphini, 700 metri a nord del parco più bello di Bangkok, tra ambasciate, condomini ed alberghi di gran lusso, il distretto più esclusivo della capitale.
  • Perché andarci: perché è un vero 5 stelle, un albergo di grande charme e raffinatezza, dallo stile classico europeo anni ’20/’30 con deliziosi tocchi orientali, walking distance (850 metri) da Central World e dagli altri grandi malls di Siam Square.
  • Rooms: il Muse è ben più piccolo e raccolto di tanti altri 5 stelle, le camere sono solo 174, tutte dall’arredamento ricercato; la base sono le Jatu Deluxe (Muse Deluxe) di 39 mq con letti king o twin, sofa e scrivania con iPod Docking Station, bellissimi ed ampi bagni in marmo nero con vasca free standing e doccia separata; identica metratura sia per le Dowadueng Corner Deluxe (Muse Grand Deluxe), camere angolari con affaccio su due lati dell’edificio, e le più luminose Yama Executive (Muse Executive), queste ultime situate negli ultimi sei piani dell’edificio; poi vengono le penthouses, ben più costose delle camere, alcune su due livelli.
  • Pros: le camere spaziose dagli arredi ricercati; i suoi 3 ristoranti, incluso l’acclamato ristorante italiano Medici Kitchen and Bar, chef abruzzese e sapori di casa, e la Babette’s Steakhouse con cucina americana ed ambientazione Chicago anni ’20; lo Speakeasy Rooftop Bar, su due livelli, al 24° e 25° piano del palazzo con vista sulla skyline di Bangkok; per la piccola fascinosa piscina a sfioro al 19° piano che appare quasi sospesa in mezzo agli altri grattacieli, aperta fino a sera.
  • Cons: l’arredamento anni ’20 e ’30, i marmi neri, i mobili in legno scuro e l’illuminazione soffusa rendono il posto un po’ tenebroso, non è detto che ti piaccia; attento ai costi dei ristoranti, l’ambientazione è sontuosa ma anche il conto sarà da ricordare.
  • Consigliato: se vuoi alloggiare in un boutique hotel di gran classe nel pieno centro di Bangkok.
  • Distanza dallo Skytrain: a soli 400 metri da Chit Lom BTS, ci arrivi in 5 minuti.
  • Come arrivare dall’aeroporto BKK: il Suvarnabhumi dista 33 Km, la stazione dell’Airport Rail Link di Ratchaprarop è invece a soli 2 Km, io ti suggerisco il treno fino a quest’ultima e solo da qui il taxi, fai prima e ti godi il panorama invece di rimanere bloccato in fila nel traffico.
  • Address: 55/555 Langsuan Road, Lumphini, Bangkok, Thailand
Ariyasom Villa, Sukhumvit, Bangkok

Ariyasom Villa, Sukhumvit, Bangkok

Photo Credit: Ariyasom Villa

Ariyasom Villa

  • Dove: nella parte alta del quartiere di Sukhumvit, vicino al Bumrungrad International Hospital, uno dei più grandi e noti ospedali privati multi specialità di tutto il Sud-est dell’Asia, con centinaia di posti letti e migliaia tra medici e personale infermieristico, quasi tutti parlanti inglese.
  • Perché andarci: perché è una delle residenze di charme più belle e raffinate di Bangkok, con una piccola spa ed un ottimo e quotato ristorante vegetariano (e di pesce, ma niente carne).
  • Suites: in tutto sono solo 24 delle quali 10 sono Studio (due nella villa originale degli anni ‘40 e le rimanenti 8 nella new wing) tutte di circa 34 mq con pavimento in teak, oggetti di artigianato e tessuti in seta; 8 sono le Deluxe di circa 42 mq e 3 le Executive Deluxe di quasi 60 mq con patio o balcone, charmosi four poster beds e magnifici bagni; 3 sono anche le Suites, di cui due con balcone e vista sulla piscina ed il canale Saen Saeb più una situata nella old house, quest’ultima molto fascinosa.
  • Pros: il livello del servizio, molto alto; l’attraente architettura della villa principale e della palazzina adiacente; la tranquillità del bel giardino e la gradevolissima piscina.
  • Cons: la parte alta di Sukhumvit è decisamente meno frizzante e piacevole rispetto alla sua sezione centrale tra Nana ed Asoke; la scomodità come tutti gli altri alberghi di Sukhumvit per raggiungere e visitare le vere meraviglie di Bangkok, il fiume, i templi e Chinatown stanno tutti dalla parte opposta della città, ed è vero che c’è lo Skytrain ma le distanze sono quelle che sono e devi anche cambiare linea.
  • Consigliato: a mio parere sconsigliato come soggiorno principale e consigliato invece, per la vicinanza alla stazione dell’Airport Rail Link di Makkasan, come breve soggiorno finale di una notte a Bangkok dopo il mare ed immediatamente prima di rientrare in Europa; così se hai un volo in partenza la sera puoi rilassarti la mattina nel giardino dell’albergo, fare gli ultimi acquisti nel pomeriggio nei vicini malls di Siam Square (a 2 sole fermate di Skytrain senza cambi) ed in serata raggiungere velocemente l’aeroporto con il treno; ma sempre che tu te lo possa permettere, le tariffe dell’Ariyasom sono alte…
  • Distanza dallo Skytrain: 700 metri dalla stazione dello Skytrain Phloen Chit BTS; l’albergo è posizionato esattamente in fondo al Soi 1 nella parte alta di Sukhumvit Road ed immediatamente a ridosso dal Klong Saen Saeb ma da quanto ho avuto modo di vedere nessun pier risulta né vicino né di facile accesso.
  • Come arrivare dall’aeroporto BKK: circa 26 Km dal Suvarnabhumi ma a soli 1,8 Km dalla stazione intermedia di Makkasan dell’Airport Rail Link, il percorso in taxi o tuk-tuk da quest’ultima è velocissimo.
  • Address: 65 Sukhumvit Soi 1, Bangkok, Thailand
  • L’alternativa: stessa zona, sempre Soi 1 di Sukhumvit, ma dal design modernissimo è invece l’Ad Lib Bangkok; si trova praticamente a fianco al Bumrungrad International Hospital e più vicino alla stazione dello Skytrain rispetto all’Ariyasom, ha solo 48 camere super stylish, le suites hanno bagni addirittura favolosi, bella la piscina a sfioro sul tetto.

I point makers su questa mappa di Bangkok segnalano l’esatta posizione di tutti i boutique hotels di charme e design qui descritti così ti rendi immediatamente conto della loro location; fai lo zoom per un maggior dettaglio ed identificare le stazioni dello Skytrain, della metropolitana, dell’Airport Rail Link e gli imbarcaderi lungo il fiume Chao Phraya, ed allarga invece la mappa per localizzare l’aeroporto Suvarnabhumi situato ad est della città: 

Loading
Center map
Traffic
Bicycling
Transit

Le Guide su Bangkok e la Thailandia

Tutti i posts su Bangkok e la Thailandia pubblicati fino ad oggi in questo blog.

  • Bangkok: 7 diversi articoli con le informazioni dettagliate sui trasporti, i migliori quartieri dove alloggiare, i malls ed i mercati più interessanti, i rooftop e gli skybars dove andare la sera, cosa fare con i bambini. Ed una guida dettagliatissima per visitare il meglio di Bangkok in 2 giorni, da solo, in completa autonomia ed utilizzando i trasporti pubblici.
  • I tours organizzati a Bangkok: ho ricercato e confrontato decine di escursioni guidate, qualcuna di gruppo ma la maggior parte con auto e guida privata, organizzate da agenzie diverse, e descritto le più valide, con pro e contro di ciascuna escursione ed i links diretti per confrontare i costi e prenotare in internet con carta di credito. In I Migliori Tours Organizzati a Bangkok trovi le escursioni più interessanti per visitare la città con una guida privata, dalla Bangkok moderna di Siam Square al complesso del Palazzo Reale e del Tempio del Buddha di Smeraldo, dal Wat Arun al Wat Pho con la sua statua del Buddha sdraiato lunga 46 metri. In I Migliori Tours Organizzati ad Ayutthaya leggi le mie recensioni delle escursioni che da Bangkok portano all’antica capitale del Regno del Siam ed a Bang Pa-In. Se vuoi invece una guida che ti accompagni a visitare i suggestivi floating markets nei dintorni della capitale, da Damnoen Saduak ad Amphawa, od il famoso mercato attraversato da treno, allora il post giusto è I Migliori Tours Organizzati ai Floating Markets da Bangkok. Tu leggi, valuta, e vedi se c’è qualcosa che ti interessa.
  • Spiagge e Isole della Thailandia: le guide dedicate a Koh Samui, Koh Phangan, Krabi, Phi Phi Island e Phuket, con la descrizione dettagliata di ogni isola, le caratteristiche delle diverse spiagge, i miei suggerimenti su dove stare, i resorts più belli e quelli col miglior rapporto qualità/prezzo, le gite da non mancare, il clima.

Last Update: December 4th 2017

Front cover photo credit: Ariyasom Villa, Bangkok. All Photos are taken from official Hotel Websites. Copyright © All Rights Reserved

Related posts:

Share

Leave a Reply

You can use these HTML tags

<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>