Subscribe to our Newsletter

DESTINATIONS

Le Guide su Paesi, Città e Destinazioni

Guide pratiche e dettagliatissime su Paesi, città e destinazioni. Cosa vedere, quanto stare, in quale quartiere prenotare l'albergo, come spostarsi, che tempo fa. I miei suggerimenti su come organizzarti e tanti links utili dove cercare info aggiornate. Da stampare e portare in viaggio.

GREAT JOURNEYS

I Grandi Viaggi

Veri e propri programmi di viaggio spiegati in dettaglio, giorno per giorno, con tutte le informazioni ed i links che occorrono per poter prenotare, da solo e sul web, alberghi, trasferimenti e voli interni.

WHEN TO GO?

Il Clima

Il tempo che potresti trovare, Paese per Paese, regione per regione, quasi mese per mese. Quando è meglio andare e quando è più saggio starsene a casa. I links dove controllare forecasts ed averages di temperatura e piovosità.

Viaggio in Thailandia con i Bambini. Da Bangkok a Krabi. Parte I.

A Shot of Children Visiting Grand Palace in Bangkok

Cosa visitare in Thailandia? E soprattutto, dove andare con i bambini in Thailandia? Una guida ed un vero e proprio itinerario giorno per giorno alla scoperta di Bangkok e delle spiagge più belle della Thailandia da fare in famiglia, insieme ai tuoi figli. Con i suggerimenti sulle attrazioni più belle, come organizzare le tappe ed i trasferimenti, gli alberghi più indicati per le famiglie. E tutti i miei consigli per organizzare il viaggio da solo, prenotando sul web hotels e voli interni. In questo articolo puoi leggere la descrizione della prima parte del viaggio, da Bangkok a Krabi.

Viaggiare in Thailandia con i Bambini

La Thailandia è uno dei Paesi tropicali più facili dove andare con i tuoi figli. Perfetto per una delle prime esperienze di viaggio lontano da casa da farsi in famiglia. E puoi portarci anche bimbi piccoli, di soli 5 o 6 anni. 

Quello che devi fare è programmare con attenzione l’itinerario, fermandoti a Bangkok per visitarla ma senza prolungare troppo la permanenza. E dedicando invece gran parte del tempo al mare ed alle spiagge. 

Cosa Ti Propone Questa Guida? 

  • Un vero e proprio itinerario, descritto day by day, tu lo adatti in base ai posti che più ti interessano ed al tempo che hai a disposizione. Hai una traccia di viaggio su cui basarti.
  • Tanti suggerimenti pratici per organizzare il viaggio con facilità da solo, prenotando in autonomia voli, alberghi e ferries. Oppure per dare un input chiaro al tuo agente di viaggio affinché sia lui ad occuparsene per te. 

Perché Scegliere la Thailandia come Meta di Viaggio con i Bambini? 

  • Perché ad oggi non c’è malaria, né a Bangkok né in nessuna delle destinazioni mare che ti propone questo articolo. Nessuna vaccinazione contro la febbre gialla o profilassi antimalarica da fare.
  • Perché il mare con la sabbia con i bambini è un must. Ed in Thailandia ci sono almeno tre o quattro destinazioni balneari che valgono il viaggio. Vicine tra loro e facili da raggiungere senza perdere giornate nei trasferimenti. E sono spiagge tutt’altro che banali, con un mare perfettamente balneabile, generalmente calmo e senza onde. Perfetto per i tuoi piccoli.
  • Perché non c’è nessun problema per nutrirsi. I ristorantini sulla spiaggia abbondano, offrono la pasta, il riso, il pesce, la carne e le patatine fritte. Tutte cose a cui i tuoi figli sono abituati.
  • Perché la Thailandia è un Paese super economico. Gli alberghi hanno tariffe più che ragionevoli ed i ristoranti costano pochissimo. Puoi viaggiare in un Paese lontano senza mandare in crisi il budget famigliare.
  • Perché la Thailandia si presta ad essere visitata in luglio ed agosto quando i bambini sono a casa da scuola ed i genitori hanno le ferie. A Bangkok e sulla costa occidentale può piovere, ma non piove tutto il giorno e neanche tutti i giorni, tante giornate sono assolate. E’ bassa stagione, le tariffe alberghiere sono convenienti e trovi posto sugli aerei e nei ristoranti. A Koh Samui e Koh Phangan l’estate è il periodo forse migliore dell’anno. 
 A shot of Monks in Bangkok

Monks, Bangkok

Photo Credit: gaetano pappuini 

Highlights

  • Si inizia dalla fascinosa Bangkok. Due intere giornate ed una programmazione attenta delle visite sono sufficienti per mostrare ai tuoi figli le attrazioni più interessanti della capitale senza stancarli. Per spostarti utilizza il più possibile gli efficienti, panoramici ed economicissimi trasporti pubblici.
  • Una volta lasciata Bangkok il mare sarà sempre presente, i tuoi bambini potranno fare il bagno e stare in spiaggia ogni giorno della vacanza.
  • 4 destinazioni balneari, con caratteristiche e paesaggi diversi, tutte ben collegate tra loro. In ognuna passi tra i 3 ed i 4 giorni. Hai così tempo di riposare e godertele con calma e nello stesso tempo sperimenti situazioni ed ambienti differenti. E l’esperienza di viaggio sarà più completa.
  • Spiagge gloriose. Le baie di Railay a Krabi e la vicina Phi Phi Island offrono i paesaggi costieri più spettacolari dell’intera Penisola di Malacca. E la costa orientale di Koh Phangan riserva ancora numerose spiagge raggiungibili solo dal mare. Posti per i quali vale la pena di passare lunghe ore seduti su un seggiolino di aereo, destinazioni tranquille in mezzo alla natura, particolarmente adatte alle famiglie con bambini.
  • 3 i voli interni, brevi e poco costosi, da prenotare ed acquistare prima della partenza. I trasferimenti in barca tra le isole non necessitano prenotazione e li organizzi in un attimo e senza fatica sul posto. Così come i transfers aeroportuali.
  • Facile prenotare gli alberghi sul web. Trovi tutto sui soliti siti, l’offerta alberghiera di Bangkok, Samui e Koh Phangan è poderosa, molto più limitate le scelte a Railay e sulla East Coast di Phi Phi Island. 

Tour Overview 

  • La prima tappa del viaggio è la capitale Bangkok. Qui ti suggerisco di passare 3 notti in modo da avere almeno 2 giorni interi per visitare i templi, fare la gita in barca lungo i canali e portare i bambini al Lumphini Park, alla Snake Farm ed al bellissimo acquario Sea Life Bangkok Ocean World.
  • Da Bangkok a Krabi utilizza l’aereo, diversi i voli giornalieri tra cui scegliere, in poco più di un’ora sei a destinazione.  
  • 4 notti sulla grandiosa spiaggia di Railay a Krabi, con 3 intere giornate per giocare sulla sabbia e fare bellissime gite alle isole vicine. Una spiaggia senza strade e senza auto, raggiungibile solo in barca, dove stare in costume e ciabattine dal momento in cui sbarchi a quando te ne vai. Per i bambini è geniale.
  • Neanche 2 ore di ferry separano Krabi da Phi Phi Island, intanto che viaggi prendi il sole e guardi il panorama, tutt’altro che stancante.
  • 3 notti sulla riparata costa orientale di Phi Phi Island con a disposizione il pomeriggio del primo giorno e 2 intere giornate, tutte da dedicare al mare ed alla gita in barca alla famosa Maya Bay.
  • Da Phi Phi Island rientri a Krabi con il ferry e con un volo interno di soli 45 minuti raggiungi Koh Samui, situata sulla costa orientale e favorita climaticamente durante la nostra estate.
  • 3 notti a Koh Samui per godersi non solo il mare ma anche un po’ di shopping e le uscite serali. E’ questa l’isola dove c’è più vita e movimento.
  • Nemmeno 50 minuti di ferry per andare da Koh Samui a Koh Phangan, facile, veloce, tanti orari tra i quali scegliere e non occorre alcuna prenotazione preliminare.
  • 4 notti finali a Koh Phangan, selvaggia e dall’atmosfera ancora rurale, dove le strade sono poche e la giungla arriva fino al mare. Con 3 intere giornate da dedicare alla spiaggia ed a facili ma remunerative gite a baie selvagge raggiungibili solamente in barca.
  • Al mattino/primo pomeriggio dell’ultimo giorno lasci Koh Phangan in barca diretto all’aeroporto di Koh Samui o di Surat Thani, da qui in 1 ora e 20’ di aereo raggiungi Bangkok per proseguire con uno dei voli tardo pomeridiani/serali per l’Europa.
  • Solo se il volo intercontinentale è programmato per il mattino occorre fare un’ultima notte addizionale a Bangkok. In verità io ti consiglierei di aggiungerla in ogni caso, non solo avrai tempo per le ultime visite ed un po’ di shopping, ma in caso di disguidi/ritardi/imprevisti del volo domestico ti metti al riparo di perdere l’intercontinentale di rientro. Tienila come guideline per qualsiasi viaggio programmi, qualsiasi sia la destinazione.

Loading
Center map
Traffic
Bicycling
Transit

Il viaggio è descritto in 3 diversi articoli, ognuno copre una porzione dell’itinerario. 

  • Oggi trovi la prima parte con la descrizione del viaggio da Bangkok a Krabi.

All’interno di ogni post trovi i miei suggerimenti per poter organizzare il viaggio da solo nel modo migliore. Informazioni pratiche generali su quando viaggiare e come prenotare i voli e gli hotels al termine dell’ultimo articolo.   

Programma di Viaggio. Da Bangkok a Krabi. 

1° giorno: Arrivo a Bangkok 

Tutti atterrano al nuovo aeroporto Suvarnabhumi. Con o senza bambini c’è un solo mezzo davvero efficiente per andare dall’aeroporto al centro di Bangkok, e sono i treni dell’Airport Rail Link. Certo puoi prendere il taxi, sarebbe apparentemente la soluzione più ovvia, sistemi in un colpo solo figli e bagagli e non hai più pensieri. Ma il treno è panoramico, dall’alto si vedono canali e grattacieli, il tragitto risulta interessante per i piccoli ed i grandi, e soprattutto è almeno 3 volte più veloce del solito banalissimo taxi. 

  • La stazione dei treni si trova nel basement dell’aeroporto ed è ben segnalata, ci arrivi in un attimo. Fai i biglietti al chiosco della City Line, in solo 26 minuti arrivi al capolinea di Phayathai nel pieno centro di Bangkok.
  • A bordo del treno siediti sui sedili di sinistra, è il lato giusto, poco per volta appare la skyline di Bangkok, con decine di torri di vetro e cemento che si innalzano nel cielo. Quando dall’alto vedrai sotto di te le superstrade intasate di traffico capirai che il treno è stata la scelta giusta.
  • Arrivato a Phayathai scendi le scale, in città i taxi sono migliaia, tutti colorati, prendine uno e prosegui fino al tuo albergo. 

Ma quale hotel prenotare a Bangkok se viaggi con i bambini? L’offerta alberghiera è poderosa e sono centinaia gli hotels tra i quali scegliere. 

  • Prenota un albergo con piscina, con i bambini è un must, così quando nel pomeriggio rientri dalle gite i bambini hanno un’ora per sfogarsi e giocare in acqua. Intanto tu puoi rilassarti bevendo qualcosa.
  • Ma più che l’albergo è importante la sua location. Bangkok è enorme e ci sono quartieri meglio situati di altri, ossia più vicini alle attrazioni da visitare. Due buone zone dove stare sono i dintorni di Siam Square e la lunga Silom Road, scegliendo un hotel che sia walking distance da una delle stazioni del BTS/Skytrain, il treno sopraelevato che attraversa la città. Se il tuo budget è basso il posto giusto dove cercare è il tipico ed economico quartiere di Banglamphu, è qui che si trova la famosa Khao San Road. 

Ma se viaggi in famiglia c’è una zona di Bangkok che più di altre risulta geniale dove alloggiare. E’ quella lungo il fiume Chao Phraya. Due i motivi. 

  • Qui gli alberghi hanno grandi terrazze con piscina affacciate sul fiume, che allargano gli spazi e rendono l’ambiente più simile a quello di un resort che ad un classico albergo di città, bello passarci qualche ora con i tuoi bambini. 
  • La location poi è perfetta, vicina alle tre attrazioni turistiche più importanti: il Grand Palace, Chinatown ed i klongs di Thonburi. Le raggiungi facilmente, in pochi minuti e spendendo pochissimo, utilizzando gli efficienti e panoramici battelli pubblici Chao Phraya Express Boat. I trasferimenti sono ridotti al minimo e nello stesso tempo i bambini hanno qualcosa da vedere che li tiene occupati. 
A shot of Chao Phraya River and Wat Arun in Bangkok

Chao Phraya River and Wat Arun, Bangkok

Photo Credit: travelourplanet.com  

2° giorno: Bangkok. Templi, Canali ed Eleganti Rooftop 

Da dove si inizia? La cosa più bella da vedere a Bangkok sono i templi del Grand Palace e del Wat Pho, giusto mostrarli ai tuoi figli, con l’accortezza di non prolungare troppo la visita. 

  • Per andarci utilizza le barche pubbliche Chao Phraya Express Boat. Sono economiche, panoramiche, più veloci dei taxi ed i bambini hanno qualcosa a cui interessarsi durante il tragitto. Il manovratore al lavoro e le lunghissime chiatte che viaggiano sul fiume. Molto meglio che stare in fila nel traffico chiusi all’interno di un taxi.
  • Ti imbarchi in uno qualsiasi dei piers lungo il fiume. Se alloggi a Sukhumvit, Siam o Silom raggiungi con lo Skytrain la fermata di Saphan Taksin, il Central Pier è proprio sotto le scale della stazione. L’imbarcadero giusto dove scendere è Tha Chang, da qui in meno di 5 minuti a piedi sei di fronte alla biglietteria del Grand Palace. 

Il Grand Palace ed il Wat Pho sono vicini, calcola 3 ore per visitarli entrambi, un tempo sufficiente per apprezzare il posto senza far annoiare i bambini. 

  • I tempietti colorati e le statue con le facce tutte strane del Grand Palace incuriosiranno i tuoi figli, così come la vista dei loro coetanei delle scolaresche locali in visita al palazzo.
  • L’attrazione da non perdere è il Tempio del Buddha di Smeraldo, ma la statuetta è minuscola e la si vede velocemente.
  • Il Wat Pho è vicinissimo al Grand Palace, in 20 minuti di passeggiata sei arrivato. E’ il più antico ed importante dei monasteri di Bangkok ma il motivo per portarci i bambini è perché qui possono osservare un vero e proprio gigante. E’ il famoso Buddha reclinato, e la sua statua lunga 46 metri non è una cosa che si vede tutti i giorni.
  • Inclusa nel biglietto di entrata al Wat Pho c’è una bottiglietta di acqua minerale, comoda per dissetarsi una volta terminata la visita. 
A Shot of school children at Grand Palace in Bangkok

School Children at Grand Palace, Bangkok

Photo Credit:  travelourplanet.com 

Se sei uscito dall’albergo per le 9 avrai completato entrambe le visite entro la mattinata. I bambini saranno affamati e se cerchi un posto carino dove pranzare a pochi passi dal Wat Pho ti suggerisco la terrazza sul fiume del ristorante The Deck. Si trova all’interno del boutique hotel Arun Residence situato 5 minuti a piedi dal Wat Pho, pochi metri a sinistra dell’imbarcadero di Tha Tien. Non è economico ma la vista sul movimento di barche lungo il fiume è un diversivo per i bambini. Tu intanto ti godi la slanciata guglia del Wat Arun, uno dei templi più famosi della città, situato esattamente di fronte. 

Ed il pomeriggio? Basta templi e storia, occorre fare qualcosa di diverso. E visto che ti trovi già lungo il fiume è il momento giusto per organizzare la gita in barca ai klongs di Thonburi. 

  • Niente di più facile, basta noleggiare una longtail. Ne trovi sia al pier di Tha Tien, sia al vicino Tha Chang, 400 metri più a monte, dove sei sbarcato arrivando al Grand Palace.
  • Il giro in barca è rilassante, tu ed i tuoi bambini non avrete altro da fare che stare seduti e guardarvi intorno. Davanti agli occhi scorrerà una Bangkok inedita, quasi rurale.
  • I canali di Thonburi mostrano un lato pittoresco della città, lontano anni luci dalla Bangkok moderna dei grattacieli e delle superstrade sopraelevate. Le case su palafitte lungo il fiume, le barche ed i bambini thailandesi che si tuffano in acqua saranno motivo di curiosità per tutta la famiglia. 

Due ore il tempo massimo da dedicare al giro in barca. Se alloggi lungo al fiume al termine puoi farti accompagnare dal barcaiolo direttamente al tuo albergo. E dirigerti poi dritto in piscina, così i bambini avranno il resto del pomeriggio per giocare e divertirsi. 

A Photo of a Klong in Thonburi, Bangkok

Klong in Thonburi, Bangkok

Photo Credit: gaetano pappuini

E la sera? Se i bimbi non sono minuscoli ed hanno ancora autonomia puoi far loro una super proposta, difficilmente verrà rifiutata. 

Salire con un ascensore super veloce in cima ad un grattacielo alto quasi come le nuvole per andare a bere un cocktail in un bellissimo bar panoramico. Di solito i bambini sono entusiasti di queste cose, quindi la questione non è se ma dove andare. Anche perché a Bangkok i Rooftop abbondano ed hai solo l’imbarazzo la scelta. 

  • Vestiti come si deve e prendi il tuk-tuk, per i bambini è ben più entusiasmante del taxi, a loro sembra quasi di essere in moto. Ed una veloce corsa notturna in tuk-tuk lungo le avenues di Bangkok è una cosa da non perdere.
  • Fatti portare al Banyan Tree su South Sathon Road. Entra nella hall e chiedi dove si trovano gli elevators per il Vertigo & Moon Bar, te li indicheranno con un sorriso. Tu schiaccia il numero 58 ed una volta arrivato in cima sali due rampe di scale.
  • Sarà il vento ad accoglierti, ed un panorama straordinario. Il Vertigo è all’aperto, sul tetto di uno dei grattacieli più alti di Bangkok, è un locale sofisticato ed elegante. Tieni per mano i bimbi, passa tra i tavoli del ristorante e dirigiti al Moon Bar, ti lasceranno il menù ed un piccola luce per leggerlo.
  • A differenza del famoso Sirocco qui i bambini sono i benvenuti anche se sono in bermuda e non in pantaloni lunghi. Nessuno ti farà problemi. Ed i drinks costano la metà. Anche per i piccoli preparano ottimi cocktails, senza alcol ovviamente. 
A shot of Sampang Lane, Chinatown, Bangkok

Sampang Lane, Chinatown, Bangkok

Photo Credit: travelourplanet.com 

3° giorno: Bangkok. Mercati Misteriosi, Lucertoloni e Serpenti, Colorati Night Markets 

E’ il momento di andare con i bambini a Chinatown. Ed arrivarci in barca via fiume è panoramico, super economico e veloce. 

  • Il pier giusto è solo uno: Tha Ratchawongse. Ed una volta sceso hai una sola possibilità. Ossia prendere l’unica via che dal fiume porta verso l’interno del quartiere. Non puoi sbagliare.
  • Non devi fare molta strada, percorsi poco più di 200 metri intersechi una viuzza, è la Sampang Lane ed è la stradina più tipica e frequentata di Chinatown. E’ lunga, minuscola, tutta pedonale e quasi sempre molto affollata, i negozietti si susseguono a centinaia uno a fianco all’altro.
  • Vicoli stretti e bui si aprono a tratti sui suoi lati, l’atmosfera è un po’ misteriosa, i bimbi se ne accorgono e se sono piccoli diventano subito bravi dando la mano a mamma e papà.
  • In un’ora ti fai una buona idea del posto. Poi raggiungi la vicina Yaowarat Road, è la via principale del quartiere. Le grandi insegne luminose con gli ideogrammi, i tanti ristoranti cinesi ed il luccichio dell’oro nelle gioiellerie attireranno l’attenzione dei tuoi figli. 

Ritorna all’imbarcadero e prendi una delle Chao Phraya Express Boat con direzione Sathorn/Central Pier, sfilerai a fianco dei più begli alberghi di Bangkok, dal Peninsula al famosissimo Oriental.   

  • Al Central Pier scendono tutti. Fallo anche tu, poi sali le scale che trovi di fronte, ti portano alla sovrastante stazione del BTS di Saphan Taksin. Ai bambini piacciono i mezzi di trasporto, è ora di provare lo Skytrain.
  • Le stazioni sono all’aperto, luminose, si vedono i treni arrivare, ed una volta a bordo dall’alto si osserva la grande Bangkok sfilare tutto intorno.
  • Per i bambini la situazione è tutt’altro che noiosa. E vero che i convogli sono spesso affollati ma lo Skytrain è rapido e permette di spostarsi velocemente da una parte all’altra di Bangkok. 

Sono solo 3 fermate da Saphan Taksin a Sala Daeng, è questa la fermata dove scendere. Prendi la passerella sopraelevata in direzione del Lumphini Park. Ti aspetta una delle più emozionanti avventure urbane che può offrirti Bangkok. 

  • Draghi. Draghi veri. Non sputano fuoco ma sono lunghi anche più di due metri. E non sono racchiusi in gabbie. Se ne vanno invece tranquillamente a spasso, completamente liberi, nel bel mezzo del parco più centrale della capitale.
  • Non tutti conoscono la cosa ma andare alla ricerca dei grandi varani nel Lumphini Park è una delle attività più coinvolgenti che Bangkok può offrire ai bambini. Ed è completamente gratuita. Stimolali nella ricerca, i posti giusti dove scovare i lucertoloni sono il lago situato al centro del parco ed i canali d’acqua antistanti. 

Si è fatta ora di pranzo. La vicina Thanon Surawong è la strada giusta dove fermarti per uno spuntino, tanti i ristorantini tra cui scegliere. 

  • A pochi passi da qui c’è una delle family-top attractions della città. E’ la Snake Farm ed il primo pomeriggio alle 14.30 c’è lo spettacolo dei serpenti. Vedi di non perderlo, arriva 20 minuti in anticipo per prendere i posti migliori.
  • Il Queen Saovabha Institute è il vecchio Istituto Pasteur, ora è gestito dalla Croce Rossa thailandese e non è un posto solo turistico. I serpenti che vedi sono usati per estrarre il veleno e produrre gli antidoti.
  • Lo spettacolo dura poco ma è coinvolgente. Cobra, vipere e boa si vedono da vicino, i bambini ne sono attratti, seguono tutti attenti. Ed al termine se se la sentono possono fare la foto con un giovane pitone sulla spalla. 
A Shot of Central World Shopping Mall, Bangkok

Central World Shopping Mall, Bangkok

Photo Credit: Central World

Dopo due attività tutte dedicate ai più piccoli è ora il momento di cercare qualcosa che soddisfi anche i loro genitori. Ed in particolare le mamme… 

  • Il quartiere di Siam è vicino, per arrivarci bastano due fermate di Skytrain od una veloce corsa in tuk-tuk. E’ qui che uno a fianco all’altro sorgono i più spettacolari shopping malls di Bangkok.
  • Prenditi un’ora per farci un giro, dai almeno uno sguardo a Central World ed a Siam Paragon, rispettivamente il più grande ed il più lussuoso dei centri commerciali della città.
  • Le dimensioni sono impressionanti, qualcosa di diverso da quello a cui siamo abituati. I negozi sono migliaia, si vende di tutto, scarpe, vestiti e giochi, i prezzi mi sono parsi buoni. E se ti viene fame hai centinaia di eateries dove fermarti, di sicuro non rischi di soffrire la fame.
  • E’ nel basement di Siam Paragon che si trova Sea Life Bangkok Ocean World, uno degli acquari più belli e tecnologici di tutta l’Asia. Altra attrazione che piacerà ai bambini. E’ questo il primo posto dove dirigerti in una giornata di pioggia. 
A Shot of Khao San Road in Bangkok

Khao San Road, Bangkok

Photo Credit: gaetano pappuini

Dove andare a cena? C’è un quartiere dove non sei ancora stato, si chiama Banglamphu ed è poco distante da Siam. Per arrivarci puoi utilizzare un mezzo di trasporto che non hai ancora provato e che è quasi sconosciuto a gran parte dei turisti. Così i tuoi figli vedranno una cosa nuova. 

  • Sono i velocissimi water taxi che percorrono lo stretto Klong Saen Seap, una delle ultime vie d’acqua interne ancora utilizzate a Bangkok.
  • La fermata di Tha Hua Chang dista poche centinaia di metri dai malls di Siam, ci arrivi a piedi in un quarto d’ora. Una volta arrivato meglio che aspetti ad imbarcarti, lascia passare la prima imbarcazione e guarda insieme ai tuoi bambini come si sale a bordo.
  • La barca arriva veloce e si ferma solo pochi istanti, non ci sono parapetti e neanche il corridoio centrale, si sale rapidi e senza incertezze, ci si siede al volo nella prima panca libera. E la barca è già ripartita a gran velocità.
  • Si scende con più calma al capolinea di Tha Phan Fa, poi prendi il primo tuk-tuk, la direzione è Khao San Road, una delle vie più famose di Bangkok. Ci arrivi in 3 minuti. 

Perché andare con i bambini a Khao San? 

  • Perché è una via mercato, piena di animazione e passeggio. E la sera è tutta pedonale.
  • Ci sono i ristorantini carini all’aperto dove mangiare spendendo poco, gli spettacoli con i mangiafuoco ed i carretti ambulanti che vendono anche gli scarafaggi. Ed i bambini saranno tutti incuriositi. 
A Shot of Railay West Beach, Krabi

Railay West Beach, Krabi

Photo Credit:  gaetano pappuini 

4° giorno: da Bangkok a Krabi 

Si va al mare. E per non buttare la giornata occorre partire relativamente presto. Ma ne vale la pena, se prendi uno degli aerei tra le 8 e le 10 del mattino riesci ad arrivare per l’ora di pranzo, così hai il pomeriggio per giocare sulla sabbia e nuotare. 

  • E’ un volo veloce quello da Bangkok a Krabi, un’ora e venti minuti e sei a destinazione. L’aeroporto di Krabi è piccolo, sbarchi ed in un attimo recuperi il bagaglio.
  • Due chioschi situati nella sala arrivi hanno il totale monopolio del taxi dell’aeroporto. Le tariffe sono fisse, per nulla economiche e neanche contrattabili ma non hai altra scelta.
  • Chiedi un taxi per Ao Nang, occorrono 45 minuti per arrivarci, è il punto di partenza più utilizzato per imbarcarsi verso le grandiose spiagge di Railay

E’ una penisola ma è raggiungibile solo in barca. Offre forse il più spettacolare di tutti i paesaggi costieri dell’intera penisola di Malacca. E’ conosciuta come Railay e se c’è un posto in Thailandia che non devi mancare è questo

Ignora invece le altre spiagge di Krabi, alcune sono carine ma non sono nemmeno lontanamente paragonabili alle selvaggia bellezza di Railay, se ti fai ammaliare dalle foto dei boutique hotels di Tubkaak poi ti ritrovi in un albergo bellissimo su una spiaggia banale. 

  • Niente pontili, né ad Ao Nang né a Railay West. Si sale e scende dalla longtail con i piedi ed i polpacci in acqua, tienilo presente quando il mattino ti vesti.
  • Fare il biglietto è facile, anche qui c’è il chiosco e le tariffe sono fisse, non occorre contrattare. Si parte quando la barca è piena, 8 persone minimo. Il tragitto è veloce, non più di 20 minuti, ogni metro che procedi il panorama diventa più bello. 

Railay West è una spiaggia ampia e lunga, a mezzaluna, con le palme subito dietro. L’atmosfera è grandiosa, tutto intorno si erge una corona selvaggia di montagne calcaree, ricoperte di giungla e strapiombanti sul mare. Nessuna costruzione in vista. 

  • Delle quattro baie di Railay la spiaggia di Railay West è il posto dove alloggiare. Non è la sola alternativa ma è la migliore. Perlomeno se viaggi in famiglia. Perché significa avere bungalow, ristorante, piscina e spiaggia tutto vicino.
  • Niente strade e niente macchine. Qui si arriva in barca poi ci si muove a piedi. I tuoi bambini possono stare in costume e ciabattine dal mattino alla sera.
  • Di giorno in spiaggia si passeggia e si gioca. E’ importante portarsi una palla, calamita l’attenzione degli altri bambini, facile organizzare una mini partita di calcio. Ci sono anche le porte.
  • Al tramonto le cose cambiano e l’atmosfera tende a farsi romantica e suggestiva. I ristorantini stendono sulla sabbia le stuoie, si accendono le torce, tutti convergono sulla spiaggia per bere qualcosa. Intanto che tu prendi l’aperitivo i tuoi bambini giocano nella sabbia, a pochi metri da te. 

Si cena ai bordi della spiaggia. L’atmosfera è tranquilla, Railay è un posto da famiglie e da coppie. Dopo le 10 di sera l’unico rumore che senti è quello del vento e delle onde. 

Leggi la continuazione del viaggio nel post Viaggio in Thailandia con i Bambini. Da Krabi a Phi Phi Island. Parte II.

A Shot of BTS Skytrain in Bnagkok

BTS Skytrain, Bangkok

Photo Credit: travelourplanet.com 

Transportation & Accommodation Tips 

Trovi ora, tappa per tappa, tutto quanto ti occorre per organizzare voli, trasferimenti e prenotare per tuo conto gli alberghi in Thailandia. 

  • Dall’Aeroporto Suvarnabhumi BKK al Centro di Bangkok. Due le scelte, il taxi od il treno. Se opti per il taxi ignora i Limousines Counters situati all’interno del terminal e segui invece le indicazioni Public Taxi, le tariffe sono molto più ragionevoli e sempre a tassametro, calcola almeno un’ora per raggiungere la città. Il treno costa ancor meno del taxi e soprattutto è decisamente più veloce. Airport Rail Link gestisce la linea ferroviaria che dall’aeroporto Suvarnabhumi BKK porta al centro di Bangkok, in soli 26 minuti viaggi dall’aeroporto al capolinea di Phayathai. Poi prosegui in taxi fino al tuo albergo. Per approfondire leggi l’articolo dedicato Bangkok: Guida ai Trasporti. L’Airport Rail Link ed i Battelli sul Chao Phraya. Come Utilizzare Skytrain, Taxi e Tuk Tuk 
  • Dove Dormire a Bangkok? Oltre mille gli alberghi in città ma quelli che si affacciano direttamente sul fiume sono poco più di una ventina, parecchi quelli di fascia medio-alta, con camere lussuose e super panoramiche. La buona notizia per te è che a Bangkok le tariffe sono ragionevoli e se trovi una discreta offerta probabilmente potrai alloggiarvi senza mandar troppo in crisi il budget di viaggio. Non sono necessariamente i migliori ma tra gli hotels che ti suggerisco se viaggi con bambini ve ne sono alcuni che puoi tenere come riferimento quando controlli costi e disponibilità per le tue date. Il Millennium Hilton, sorge nel tratto più centrale del fiume ed offre una delle viste più drammatiche di tutta Bangkok, davvero carino il rooftop dove andare a bere qualcosa la sera. Leggermente più defilati il Chatrium Riverside e l’economico Ibis Riverside, quest’ultimo con family rooms con lettone più letto a castello, entrambi con terrazza sul Chao Phraya River. Non sul fiume ma vicino e con vista grandiosa il Centre Point Silom, la location è più che perfetta: a soli pochi passi dal Central Pier e dall’importante stazione del BTS di Saphan Taksin. Nel suggestivo quartiere di Banglamphu due strutture valide sono il geniale Navalai con piscina e terrazza sul fiume a non più di 10 metri dall’imbarcadero di Tha Phra Arthit ed il nuovo ibis Styles Bangkok Khaosan Viengtai inaugurato nel 2017 a pochi passi da Khao San Road. I seguenti links di Booking.com sono tutti segmentati per quartiere, così da rendere più facile la ricerca: gli hotels nelle vicinanze del Chao Phraya River e nella parte più prossima al fiume di Silom Road, gli alberghi della centralissima Siam Square e le economiche sistemazioni del quartiere di Banglamphu. Se vuoi saperne di più sotto trovi il link ad un post tutto dedicato ai quartieri più interessanti ed agli alberghi più validi di Bangkok.
  • Il Volo da Bangkok a Krabi KBV. E’ un volo breve, nemmeno 1 ora e 20’ e sei già atterrato a Krabi. Almeno tre le compagnie tra cui scegliere. La Thai Airways TG opera dall’aeroporto Suvarnabhumi BKK con diversi voli giornalieri, il primo di solito intorno alle 8 ed il secondo tra mezzogiorno e l’una. Sempre da BKK puoi utilizzare uno dei voli della Bangkok Airways PG. La low cost Air Asia FD opera invece da Bangkok Don Mueang DMK (il vecchio e glorioso aeroporto di Bangkok situato a nord della capitale, lo raggiungi in taxi) con 4 o 5 voli al giorno, di solito le tariffe sono più che ottime! Se trovi posto su uno dei voli che partono tra le 9 e le 10 sarai a destinazione per l’ora di pranzo. Tutte queste 3 compagne sono prenotabili facilmente in Expedia, per Air Asia scegli l’opzione con il bagaglio incluso, in alternativa per la sola Air Asia utilizza il website ufficiale per scegliere anche posti/pasti.
  • Dall’Aeroporto di Krabi alle Spiagge di Railay. Dall’aeroporto di Krabi occorre prima prendere un taxi fino alla spiaggia di Ao Nang. Il taxi si prenota ad uno dei due chioschi situati all’interno del terminal, le tariffe sono fisse, calcola 40 minuti per arrivare ad Ao Nang. Chiedi al tassista di lasciarti dove partono le barche per Railay: circa a metà della spiaggia di Ao Nang, affacciato sulla strada e ben visibile, c’è il chiosco dove fare il biglietto per la barca. Anche qui tariffe fisse, si paga il posto singolo, le longtail partono non appena ci sono 8 persone, raramente dovrai aspettare più di qualche decina di minuti. Una famiglia di 3 o 4 persone volendo può noleggiare una longtail in esclusiva e partire immediatamente ma ti costerà almeno il doppio, probabilmente conviene aspettare qualche minuto e viaggiare insieme ad altri. Il percorso in barca è veloce, meno di 20 minuti e sbarchi sulla sabbia di Railay West. Due cose importanti da sapere. La prima, sia il taxi che la barca non richiedono alcuna prenotazione preliminare, ci si organizza facilmente sul posto senza alcuna difficoltà. La seconda, l’imbarcadero di Ao Nang è il più utilizzato ma non è l’unico, per saperne di più vedi l’articolo dedicato Krabi. I Trasporti per Railay, Phi Phi Island, Koh Lanta e Phuket 
  • Dove Dormire a Railay? Di tutta la penisola di Railay la spiaggia di Railay West è quella che offre la miglior combinazione tra location, mare ed intrattenimento. La spiaggia è molto scenografica, si può nuotare e c’è anche qualche ristorantino dove mangiare o bere qualcosa. A Railay West i resorts sono solo 3: il Railay Bay, il Railay Village ed il più semplice Sand Sea, tutti fronte spiaggia. Non balneabile invece la spiaggia di Railay East dove però c’è più scelta e le tariffe sono in genere minori, considera che le due spiagge distano non più di 10 minuti di piacevole passeggiata. Bada bene che anche se a volte li trovi pubblicizzati come 4 stelle le cose in verità non stanno così, escluso il lussuoso Rayavadee la maggior parte delle altre strutture alberghiere di Railay sono dei 3 stelle, accoglienti ma molto semplici, il servizio è un optional… Qui la pagina specifica dedicata all’intera offerta della penisola di Railay su Booking.com, così puoi farti un’idea immediata di disponibilità e tariffe, ricorda di leggere sempre le note riguardo alla policy dei bambini in camera con i genitori riportata in fondo alla pagina di ogni albergo.
      
A Shot of a Tuk Tuk in Chinatown, Bangkok

Tuk Tuk in Chinatown, Bangkok

Photo Credit: gaetano pappuini

Articles & Links

I posts apparsi nel blog e dedicati a Bangkok e Krabi con approfondimenti sulle visite, i trasporti, il tempo e tanti links dove trovare le informazioni che mancano necessarie all’organizzazione del viaggio. 

 

Viaggio consigliato a partire dai 6 anni. Anche se il clima è caldo e con un’alta percentuale di umidità le temperature nei mesi di luglio ed agosto non raggiungono mai valori troppo elevati da risultare fastidiosi. Nelle località balneari del sud del Paese spesso vento e brezze rinfrescano l’aria. La cucina è diversa da quella abituale ma a Bangkok non mancano ristoranti italiani e fast-food. I ristorantini sulle spiagge frequentati dai turisti offrono piatti di carne, pesce, patatine fritte e non di rado la pasta. In caso di bisogno a Bangkok e Koh Samui si trovano ottimi ospedali con medici parlanti inglese. Per tutte le destinazioni descritte in questo articolo ad oggi non sono necessarie profilassi o vaccinazioni.

Last Update: May 5th 2017 

Front cover photo credit: gaetano pappuini. Photos by Central World and gaetano pappuini are Copyright © and all Rights Reserved. 

All other photos in this page come from Flickr: Creative Commons Attribution Licensed Photos. Please read here the Summary of the Legal Code. Terms of license are valid at the time of publishing this post. 

Related posts:

Share

13 comments to Viaggio in Thailandia con i Bambini. Da Bangkok a Krabi. Parte I.

  • Francesca Bovo

    Grazie mille davvero per i tuoi preziosissimi consigli!!!

  • Ciao Francesca, grazie! Esattamente come è descritto il viaggio che trovi qui presentato è perfetto per famiglie (un minimo intraprendenti e che amino e siano abituate a viaggiare) con bambini a partire dai 5 o 6 anni, quando non occorre più il passeggino e non c’è più la necessita della nanna pomeridiana. E’ l’esatto itinerario che io e mia moglie abbiamo fatto quando nostro figlio aveva 7 anni e mezzo. Con qualche spostamento in meno, limitandosi ad una sosta iniziale a Bangkok e ad uno o massimo due soggiorni balneari (il viaggio ne presenta quattro) è fattibile anche con bambini più piccoli.

    Ora, dove andare in Thailandia ad agosto con 2 bambini (di cui uno piccolino) con circa 15 giorni a disposizione? Ipotizzando 13 notti effettive in albergo io la vedrei così:

    1) non fermarsi a Bangkok renderebbe privo di senso l’intero viaggio, 3 notti e due intere giornate sono perfette, senza avere la pretesa di vedere tutto ma programmando invece le visite con calma, a misura di bambino, senza correre e senza strafare, certo il bellissimo Grand Palace non va mancato ma privilegiando cose che incuriosiscano i piccoli (varani a Lumphini Park, Skytrain, barca nel canali di Thonburi, la centralissima snake farm gestita dalla croce rossa thailandese…)

    2) Il soggiorno mare principale va programmato sulla costa orientale, favorita climaticamente, che sia Koh Samui (meno tipica ma più facile, senza la necessità dei trasferimenti in barca) oppure la più bella ed intrigante Phangan (la baia di Thong Nai Pan è particolarmente adatta alle famiglie), considera 5 o 6 notti, sarà il finale del viaggio

    3) mancano 4 o 5 notti, da piazzare a metà tra Bangkok e Samui/Phangan, ed io oserei… anche se climaticamente non è il momento migliore non mancherei un soggiorno nella penisola di Railay a Krabi, lato Mare delle Andamane, e per diversi motivi: perché il posto è davvero grandioso; perché le baie di Railay sono discretamente riparate e di solito il mare è calmo ed adatto per nuotare anche nella nostra estate; perché non circolano né auto né motorini ed una volta arrivati (in solo 20 minuti di barca) si gira esclusivamente a piedi, in infradito, grandi e minuscoli; perché le diverse baie sono tutte vicine tra loro, ci si sposta da una all’altra in pochi minuti; perché ci sono belle e facili gite in barca da fare; perché salvo non si sia particolarmente sfortunati e si prendano i 4 giorni peggiori dell’intera estate il tempo è accettabile, certo che può piovere, ma solitamente non da rovinare la vacanza; perché il comodissimo e breve volo della Bangkok Airways a metà giornata da Krabi a Samui permette di trasferirsi dalla costa occidentale a quella orientale con facilità e senza stress, in soli 45′ minuti ed a tariffe ragionevoli.

    I gechi? Scegli un bell’albergo, ed una bella camera, niente capanne di legno, ma camere come si deve in muratura e soprattutto con l’aria condizionata. E non avrai gechi in camera!

  • Francesca Bovo

    Ciao, ho letto tutto d’un fiato questo articolo….Noi stiamo.pianificando e raccogliendo info per il nostro viaggio che faremo il prossimo anno…Ci prendiamo per tempo?…
    Innanzitutto abbiamo due figli, di 6 e 2 anni, ma vedo che si riesce ad affrontare comunque un viaggio così con loro…ottimo…
    Noi andremo.in agosto e la domanda cruciale è : mar delle andamane si o no???
    Mi dispiacerebbe molto non vedere krabi e phi phi, ma se poi i collegamenti tra isole diventano difficoltosi e non si riesce a fare il bagno..Mi chiedo se ne valga la pena…Per questo chiedo a te.. (A noi hanno sempre sconsigliato i Caraibi da giugno ad ottobre e invece li ho fatti sempre d’estate…mezz’ora di pioggia e poi tempo stupendo!)…
    Abbiamo 15 giorni a disposizione: cosa non dobbiamo assolutamente farci mancare??
    Ultima domanda…Ti sembrerà assai stupida, ma ahimè, ognuno ha le sue fobie. …I gechi….me li ritroverò in ogni stanza???
    Grazie

    Francesca

  • Ciao Mirta, non penserai mica di fare un viaggio del genere senza portare con te tuo figlio? Io il mio lo ho sempre portato, ora è grandicello ma la prima volta che siamo stati insieme in Thailandia aveva 7 anni e mezzo, mai mi sarei sognato di passare le vacanze senza di lui. Per il dengue dovresti essere particolarmente sfortunata, per i box jelly fish quando lui è in acqua tu sei lì ad un metro da lui. Gli incidenti con le meduse hanno avuto grande risonanza (non sulla stampa italiana), ma se vogliamo parlare di numeri registriamo due o tre incidenti dovuti alle meduse su qualche milione di turisti, molto più probabile avere un incidente col taxi o col tuk-tuk.

  • Mirta

    Questo articolo è molto interessante complimenti.
    Noi andiamo tra 1 mese e faremo Bankok 2 isole e singapore da qualche mese siamo indecisi se portarci il nostro bimbo.volevo chiederti a riguardo com’è la situazione per la zanzara dengue e per ultimo la medusa cube….so che hanno tirato delle reti di protezione….siamo combattuti grazie

  • Ciao Stefania, ho soggiornato un’infinità di volte a Bangkok, gli anni universitari in guesthouses semplicissime, poi in alberghi più tradizionali, qualche volta anche in posti belli e lussuosi come il Royal Orchid. Una volta, mio figlio aveva 7 anni e mezzo ed era la prima volta con lui in Thailandia, abbiamo alloggiato al Rikkha Inn di Khao San Road, stra semplice, senza alcuna pretesa, ma anche con una bella piscina sul tetto (fondamentale con i bambini) e super economicissimo. Un’altra proprietà, ben più confortevole e strutturata, e che trovo molto carina ed adatta a chi viaggia con bambini è il Navalai, con l’imbarcadero accessibile direttamente dall’albergo, comodo per andare a Chinatown e visitare i templi. Guarda comunque che a BKK sono centinaia i buoni alberghi, hai solo l’imbarazzo della scelta…

  • Sicuramente Sabrina, senza problemi, sono solo 10 minuti di piacevole passeggiata tutta in piano tra le due baie di Railay. Pensa che la sera non sono pochi i villeggianti di Railay West a recarsi a Railay East in quanto c’è un minimo di abbozzo di vita serale, con qualche locale un po’ più vivace dove bere qualcosa e sentire un po’ di musica. Portati una pila. La spiaggia più bella di tutta la penisola di Railay che è Phra Nang si trova più vicina a East che a West. Non mancare la gita in longtail alle Four Islands. Railay è un posto dove stare 4 o 5 notti.

  • stefania

    Questo articolo è preziosissimo davvero.
    Quest’estate andrò in Thailandia con la mia bimba di 7 anni e mi stavo ponendo mille quesiti ai quali ho trovato risposta qui.

    Voi in che Hotel avete alloggiato a Bangkok?

    Grazie

  • sabrina

    Ciao. Innanzitutto grazie per il dettaglio di notizie che hai scritto su questi posti…utilissime, pratiche e puntuali.
    Ti volevo chiedere un consiglio. Ho iniziato a guardare gli alloggi a Railay dove dormire, devo dire la verità, essendo stata qlc anno fa in Malesia, mi aspettavo alloggi più spartani e soprattutto molto più economici. Stavo quindi valutando l’idea di alloggiare nella parte East forse un po’ più spartana ed economica rispetto alla West.Si può tranquillamente passare da l’una all’altra? Anche la sera con il buio? in pratica posso alloggiare ad East e vivermi tutta la giornata nella parte West e tornare solo la sera a dormire nell’altra costa?
    Grazir mille,
    Sabrina

  • Ciao Giovanni, penso tu intenda il Phi Phi Relax Beach Resort sulla spiaggia di Pak Nam.

    Io non ho visitato il resort (alloggiavo al Phi Phi Erawan sulla non lontana spiaggia di Laem Thong, sempre sulla costa orientale) ma ho solo visto dove si trova. Ora:

    1) la parte dell’isola è quella giusta, in qualsiasi mese tu vada
    2) la spiaggia dove si trova il Phi Phi Relax Beach è sottile ma molto bella, acqua meravigliosa
    3) è una spiaggia isolata, da qui ti sposti solo ed unicamente in barca, per un massimo di 3 notti può andare bene ma tienine conto
    4) da quanto conosco e da quanto ho letto il Relax Beach è un posto super semplice (io non avrei difficoltà ad alloggiarci, ma bada bene che è davvero super basic) con solo acqua fredda nei bagni e senza elettricità durante la gran parte della giornata
    5) se sei in cerca della Thailandia di 30 anni fa e se siete abituati a viaggiare in zone tropicali può essere una buona scelta, se così non è e cerchi invece qualche comodità in più o la possibilità di fare due passi ed avere maggior scelta per gite/passeggiate/escursioni in barca allora prova a confrontarlo con il Phi Phi Erawan, quest’ultimo costa un po’ di più ma i cottages (sono questi quelli da scegliere, NON le camere) sono ben più confortevoli e la spiaggia di Laem Thong è un poco più movimentata ed hai più scelte per noleggiare le longtail/cenare.

  • GIOVANNI

    ciao interessantissimo articolo complimenti.
    In luglio andro’ per la prima volta in Thailandia con moglie e bimbi di 8 e 11 anni.
    volevo alcuni consigli relativamente al soggiorno a Phi Phi Island e precisamente un opinione sul Phi Phi beach resort
    piu’ che altro sulla posizione in cui si trova questo bungalow a phak nam bay.
    l’idea era quella di pernottare 3 notti e volevo sapere un consiglio su questa parte dell’isola.
    quello che cerchiamo e relax e spiaggia

    grazie per i tuoi consigli

  • Grazie Simona, gentilissima!

  • Simona

    Bellissimo ed interessante articolo, oltre ad essere molto utile,anche per chi come me c’è già stato in Thailandia.

Leave a Reply

You can use these HTML tags

<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>