Subscribe to our Newsletter

DESTINATIONS

Le Guide su Paesi, Città e Destinazioni

Guide pratiche e dettagliatissime su Paesi, città e destinazioni. Cosa vedere, quanto stare, in quale quartiere prenotare l'albergo, come spostarsi, che tempo fa. I miei suggerimenti su come organizzarti e tanti links utili dove cercare info aggiornate. Da stampare e portare in viaggio.

GREAT JOURNEYS

I Grandi Viaggi

Veri e propri programmi di viaggio spiegati in dettaglio, giorno per giorno, con tutte le informazioni ed i links che occorrono per poter prenotare, da solo e sul web, alberghi, trasferimenti e voli interni.

WHEN TO GO?

Il Clima

Il tempo che potresti trovare, Paese per Paese, regione per regione, quasi mese per mese. Quando è meglio andare e quando è più saggio starsene a casa. I links dove controllare forecasts ed averages di temperatura e piovosità.

San Francisco: Cosa Fare e Cosa Visitare in 2 Giorni

San Francisco: Cosa Vedere in 2 Giorni

Cosa fare a San Francisco? E soprattutto cosa vedere a San Francisco? Una guida completa e dettagliatissima per visitare San Francisco in 2 giorni: non un puro e semplice elenco di posti ma un vero e proprio itinerario di viaggio, giorno per giorno, quasi ora per ora, per poter organizzare al meglio la tua visita di San Francisco utilizzando i trasporti pubblici o la tua auto a noleggio. Con i quartieri più belli e le attrazioni più nuove ed interessanti. Primo giorno: un itinerario da percorrere a piedi e con i mezzi pubblici da Union Square a Fisherman’s Wharf visitando Chinatown, il quartiere di Embarcadero con il Ferry Building ed il Farmer’s Market, salire alla Coit Tower per ammirare il più bel panorama di San Francisco e concludere la serata al Pier 39. Secondo giorno: come raggiungere in auto i punti panoramici più belli sul Golden Gate Bridge, ammirare l’Oceano Pacifico dalle spiagge di Baker Beach, China Beach e Ocean Beach, visitare il Botanical Garden, il Japanese Tea Garden e le altre attrazioni del Golden Gate Park, e per ultimo esplorare i quartieri di Haight-Ashbury e Castro. Tutte le informazioni che devi conoscere ed i miei consigli per poter organizzare da solo ed in totale autonomia la visita di San Francisco, la città più scenografica della California ed una delle città più belle degli Stati Uniti. 

San Francisco from Fisherman’s Wharf at Sunset

San Francisco from Fisherman’s Wharf at Sunset, California

Photo Credit: travelourplanet.com

Visitare San Francisco in 2 Giorni

E’ un vero e proprio itinerario per visitare San Francisco in 2 giorni quello che trovi in questo post, ora per ora, quasi strada per strada. Tu leggi, valuta, guarda i posti che più ti ispirano, le attrazioni che ti interessano, prendi i consigli che ritieni validi.

  • Il primo giorno è interamente dedicato al centro di San Francisco, alla zona dell’Embarcadero ed a Fisherman’s Wharf. Coprirai gran parte dell’itinerario a piedi o con i mezzi pubblici, se anche hai noleggiato una macchina lasciala nel garage dell’albergo, non ti servirà.
  • Il secondo giorno raggiungi il famoso Golden Gate Bridge, il ponte simbolo della città, esplora il Presidio, la costa affacciata sull’Oceano Pacifico ed il Golden Gate Park. Nonostante quasi tutte queste attrazioni siano raggiungibili anche con i mezzi pubblici per questa seconda giornata risulta molto più comodo, efficiente e veloce utilizzare un’auto.
  • Per sapere come muoverti in autonomia girando San Francisco con i mezzi pubblici, in taxi od in auto leggi l’articolo San Francisco: Guida Completa ai Trasporti. Con le informazioni sulla metropolitana Muni, le linee dei cable cars, le linee dei trams storici e degli autobus, i biglietti e le tariffe. E le cose da conoscere se intendi guidare la tua auto a noleggio, cosa molto piacevole e divertente, ma attento ai parcheggi…
  • Puoi localizzare facilmente tutti i luoghi descritti in questa guida ed individuare gli itinerari da seguire utilizzando i point makers sulla mappa. La cartina è centrata sull’area di Union Square e Fisherman’s Wharf, fai lo zoom per un maggior dettaglio ed allargala per una visione d’insieme che includa il Golden Gate e le spiagge lungo l’Oceano Pacifico:

Primo Giorno

Oggi esplori il cuore di San Francisco. Iniziando dalla centralissima Union Square, passando da Chinatown e raggiungendo il quartiere di Embarcadero con il suggestivo Ferry Building affacciato sulla baia. Da qui una passeggiata sulla litoranea ti porta alle attrazioni di Fisherman’s Wharf, se vuoi puoi anche salire sulla panoramicissima Coit Tower.

Ti suggerisco di fare l’abbonamento giornaliero ai mezzi pubblici che include anche l’utilizzo dei cable cars, considera comunque che buona parte del percorso lo coprirai a piedi.

Il Cuore di Frisco: Union Square e Chinatown

Un buon punto da cui partire alla scoperta di San Francisco è l’angolo di Market con Powell Street, nel pieno centro della città ed a pochi passi da Union Square e da Chinatown.

Come Arrivare a Union Square?

  • Niente di più facile, la lunga ed importantissima Market Street è il principale asse dei trasporti di tutta San Francisco, percorso dalla linea F dei trams storici.
  • Ed è all’incrocio di Market con Powell che si trova una delle fermate più frequentate dei treni BART e della metropolitana leggera Muni.
  • Non solo, è proprio qui che sorge il capolinea di 2 delle celeberrime linee del cable cars, comodissime per arrivare se alloggi a Fisherman’s Wharf.
  • Il posto è sempre affollatissimo, sono sempre decine e decine i turisti che si affollano a questo incrocio, chi in coda in attesa di poter salire a bordo, altri a fotografare i manovratori che girano a mano i cable cars prima di iniziare la corsa di ritorno.
Market St. & Powell St. Cable Car Turntable, near Union Square, San Francisco, California

Market St. & Powell St. Cable Car Turntable, near Union Square, San Francisco, California

Photo Credit: travelourplanet.com

Union Square

Dominata dallo storico Westin St. Francis è la piazza principale, il cuore pulsante di San Francisco. Molto vivace e frequentata di giorno, meno la sera.

  • E’ negli immediati dintorni di Union Square che sorgono alcuni dei più noti alberghi di lusso della città, dal Park 55 al Four Seasons, dal Grand Hyatt al Taj Campton Place al Marriott. Ma soprattutto è qui che trovi grandi magazzini e tanti negozi, c’è anche l’Apple Store, è questa la zona commerciale di San Francisco.  
  • Ci sono le panchine e le palme ma tu non aspettarti chissà cosa dal punto di vista architettonico, Union Square non è nulla di speciale, niente di indimenticabile. Ci passi, fai un giro, poi prosegui.
  • Sul lato nord-est della piazza, all’angolo di Stockton con Post Street si innalzano i 7 piani del magastore della Nike. E se continui qualche metro su Post Street incontri in rapida successione i negozi di North Face e Marmot: se stai partendo per Yosemite o Sequoia e ti mancano un paio di scarpe od una giacca impermeabile sono i posti giusti dove trovarli.
  • Ad ovest di Union Square, subito dopo aver attraversato Powell Street, inizia invece il distretto di Tenderloin che si estende fino a Van Ness Avenue. Anche se situato in pieno centro è un quartiere piuttosto malfamato, anche se non oserei dire pericoloso, perlomeno di giorno. Il motivo è la presenza di centinaia, se non  migliaia di homeless, che qui vivono e si ritrovano perché è qui che hanno sede le agenzie che si occupano di loro. Una passeggiata nel quartiere rivela edifici belli ma decrepiti, file di decine di poveri in attesa di un pasto, alcune prostitute e qualche drogato, negozi tristi e sexi shop, vagabondi a spasso con bottiglie di birra in mano. Ottimi alberghi si alternano ad autentiche topaie.
Relaxing in Union Square San Francisco, California

Relaxing in Union Square, San Francisco, California

Photo Credit: travelourplanet.com

Chinatown

Si trova immediatamente a nord-est di Union Square ed è la più grande Chinatown fuori dal continente asiatico. E la Chinatown più antica del Nord America: risale agli anni intorno al 1840-50 quando in città arrivarono i primi immigrati dalla Cina. Una volta quartiere poco raccomandabile e semidistrutta dal grande incendio del 1906 oggi Chinatown è posto piacevole ed ordinato, se gli dedichi una breve passeggiata non te ne pentirai.

  • L’entrata giusta di Chinatown è la celebre Dragon’s Gate all’intersezione di Bush Street con Grant Avenue. Da Union Square ci arrivi in pochi minuti.
  • E proprio Grant Street è la via principale del quartiere, piena di negozietti, quasi tutti dedicati ai turisti.
  • Cartoline, posters, souvenirs, articoli da regalo e materiale fotografico, magliette a poco prezzo a go-go. Naturalmente borse, borsine, borsoni, valigie piccole e grandi. Non mancano gioiellerie e qualche negozio un po’ più tipico con statue e pseudo antichità. Il tutto in un tripudio di colori tipicamente cinese.
  • Passeggia una ventina di minuti risalendo Grant Street, all’incrocio con California Street svolta a destra in discesa, in fondo alla via si trova la tua prossima meta, il quartiere di Embarcadero con il Ferry Building. Se hai l’abbonamento giornaliero ai mezzi non esitare a salire su uno dei cable cars che scendono California Street, in alternativa vai a piedi, ci arrivi in poco più di 20 minuti.
Dragon’s Gate, Chinatown, San Francisco, California

Dragon’s Gate, Chinatown, San Francisco, California

Photo Credit: travelourplanet.com

The Embarcadero

Il quartiere dell’Embarcadero è una delle aree forse più piacevoli di Frisco, od almeno questa è la mia impressione. Dominato dagli alti grattacieli del Financial District si trova al termine orientale di Market Street e di California Street, sullo sfondo appare il Bay Bridge, uno dei due ponti simbolo della città.

Come Arrivare all’Embarcadero?

Raggiungerlo è facilissimo, per la semplice ragione che l’Embarcadero è il vero hub dei trasporti di tutta la baia.

  • E’ qui che si trova una delle fermate più frequentate del BART (i treni interurbani che arrivano dall’aeroporto e proseguono per Oakland) e della metropolitana Muni e che passano numerose linee di trams.
  • E’ di fronte all’Embarcadero che parte la California Street-Van Ness Avenue Cable Car Line, di solito la meno affollata delle 3 famose linee di trams aperti che risalgono le colline di San Francisco.
  • Non solo, l’Embarcadero è il principale attracco (ed i piers sono più di uno) dei tanti ferries che attraversano la baia, incluso quelli diretti a Sausalito, Tiburon ed Alameda/Oakland.
Market Street from from Hyatt Regency Hotel, The Embarcadero, San Francisco

Market Street, The Embarcadero, San Francisco, California

Photo Credit: travelourplanet.com

Ferry Building

Risale al 1898, è posizionato proprio in faccia alla baia, in fondo all’importante Market Street, ed è uno degli edifici storici più attraenti di San Francisco. Bello dall’esterno con la caratteristica ed alta Torre dell’Orologio a dominare la scena, e suggestivo all’interno, dove il tetto di vetro ed acciaio lascia filtrare la luce naturale. E’ il simbolo dell’Embarcadero ed io ti suggerisco di inserirlo nel tuo programma di visite. Per quattro buone ragioni.

  • La prima: perché è un gran posto dove fare people watching, e le sue boutiques sfiziose (e piuttosto costose) dedicate agli alimentari attirano lo sguardo.
  • La seconda: ci trovi ottimi ristoranti, molti con vista, sia all’interno delle halls sia sulle terrazze esterne, la scelta è buona e per tutte le tasche, perfetto per pranzare.
  • La terza: non ci vengono solo i visitatori, il Ferry Building è ben frequentato anche dai residenti, l’atmosfera è ben più piacevole del super turistico ed affollato Fisherman’s Wharf.
  • La quarta: la vista sulla baia con le isole ed il vicino Bay Bridge è una delle più belle in città, sarebbe un peccato mancarla.
A Shop in the Ferry Building, The Embarcadero, San Francisco, California

Shop in the Ferry Building, The Embarcadero, San Francisco, California

Photo Credit: travelourplanet.com

Una curiosità: la Vista del Ferry Building dall’Alto

Vuoi avere una visione dall’alto del Ferry Building e di tutta l’area dell’Embarcadero con sullo sfondo la baia ed il Bay Bridge? Se si c’è un posto dove andare!

  • E’ l’Hyatt Regency Hotel, all’angolo di Drumm con Market Street. Nel 1973 quando fu inaugurato fu uno degli alberghi più discussi della città, per il motivo che fu il primo edificio ad avere un grande atrio aperto al suo interno, soluzione architettonica poi replicata in centinaia di altre costruzioni nel mondo.
  • L’ultima volta che ci sono stato era possibile: entrare all’interno dell’albergo, prendere uno dei panoramici ascensori nell’atrio, salire all’ultimo piano, incamminarsi lungo il corridoio sul quale si affacciano le camere e raggiungere le grandi finestre sul lato est del building.
  • Il panorama si spalanca grandioso esattamente sullo spiazzo antistante il Ferry Bulding, che visto dall’alto risulta ancora più bello e maestoso, con sullo sfondo la baia ed il Bay Bridge.
A Great View of Ferry Building and Bay Bridge from Hyatt Regency Hotel, The Embarcadero, San Francisco

Ferry Building from Hyatt Regency Hotel, The Embarcadero, San Francisco, California

Photo Credit: travelourplanet.com

Il Ferry Plaza Farmer’s Market

  • Il Ferry Building risulta ancor più interessante quando si tiene il famoso Farmer’s Market. Se le cose non sono cambiate succede tre giorni la settimana, martedì, giovedì e sabato, quando i coltivatori di frutta e verdura fresca (ma non solo) dei dintorni di San Francisco portano in città i loro prodotti.
  • Il martedì ed il giovedì (10AM-2PM) i venditori non sono molti e piazzati sul piazzale antistante l’edificio (di fronte a Market Street per capirci, lato città). Le cose cambiano e risultano molto più  interessanti il sabato, quando non solo il mercato apre prima, alle 8AM, ma i venditori sono ben più numerosi, quasi un centinaio con le bancarelle piazzate tutto intorno all’edificio.
  • Se anche non sei interessato a acquistare frutta e verdura fresca il Farmer’s Market è un gran posto dove far colazione, uno spuntino o pranzare. Si paga cash.
Farmer’s Market, Ferry Building, The Embarcadero, San Francisco, California

Farmer’s Market, Ferry Building, The Embarcadero, San Francisco, California

Photo Credit: travelourplanet.com

Dal Ferry Building al Pier 39

  • Se non vuoi stancarti e fare veloce il mezzo di gran lunga più comodo è il tram, se le cose non sono cambiate la linea giusta è la F.
  • L’alternativa è incamminarti sulla litoranea (si chiama proprio The Embarcadero) che da Ferry Plaza porta al Pier 39 costeggiando i moli, sono circa 1,3 miglia (poco più di 2 Km), impieghi mezzora.
  • Non esitare a fare una passeggiata sul Pier 7, il molo che si inoltra nella baia 200 metri a nord del Ferry Building: non solo puoi scattare belle foto del ponte e di Yerba Buona Island ma se ti volti verso la città c’è una prospettiva insolita del Transamerica Pyramid e dei grattacieli del Financial District.
  • Che tu abbia deciso per il tram o di andare a piedi, durante il percorso tra il Ferry Building ed il Pier 39 c’è un posto interessante dove fermarti. E’ la Coit Tower.
Transamerica Building and Coit Tower from Pier 7, The Embarcadero, San Francisco, California

Transamerica Building and Coit Tower from Pier 7, The Embarcadero, San Francisco, California

Photo Credit: travelourplanet.com

Il Panorama dalla Coit Tower

Si trova in cima a Telegraph Hill ed è una delle icone di San Francisco. E’ una torre in stile art déco di cemento grezzo alta 64 metri ed inaugurata nel 1938. E’ inserita nel U.S. National Register of Historic Places, ci si sale con un ascensore ed offre una delle più grandiose vedute della città. Il panorama è a 360°.

  • L’ingresso alla Coit Tower è a pagamento, il costo non è esorbitante se sei solo ma le cose cambiano se viaggi in famiglia.
  • Di solito aperta 7 days a week 10AM-6PM, da novembre a marzo chiude un’ora prima, chiusa Thanksgiving, Christmas Day e New Year’s Day.
  • Ricontrolla orari e costi aggiornati sul website ufficiale: Coit Tower

Ma Come Raggiungere la Coit Tower?

  • Volendo puoi raggiungere la Coit Tower con la tua auto a noleggio, l’accesso è da Lombard Street, c’è però un ma. Ed è un ma importante.
  • Nei mesi estivi e durante i week-ends il minuscolo parcheggio sotto la torre è quasi sempre completo, salvo che tu non arrivi al mattino prima che la torre apra.
  • L’alternativa è utilizzare l’autobus Muni in partenza dal Pier 39 (dovrebbe essere il bus 39 ma ricontrolla, percorre Powell Street), qui il link SFMTA | Routes and Stops
Coit Tower from Fisherman's Wharf, San Francisco, California

Coit Tower from Fisherman’s Wharf, San Francisco, California

Photo Credit: davebloggs007

Le Scalinate per la Coit Tower

Ma se stai andando a piedi (o col tram) tra il Ferry Building ed il Pier 39 c’è una soluzione migliore. Anche se più faticosa. Raggiungere la torre a piedi inerpicandoti su una delle scalinate (ce ne sono 4 o 5 diverse) che raggiungono Telegraph Hill.

  • Dalla litoranea (The Embarcadero) sono 2 le vie di salita: le famose The Filbert Street Stairs e la meno conosciuta Greenwich Stairway.
  • Se stai camminando dal Ferry Building in direzione del Pier 39 passeggiando su The Embarcadero l’accesso ad entrambe è unico: vi si accede quando sulla tua sinistra apparirà un piccolo parco conosciuto come Levi’s Plaza. Se sei a bordo del tram proprio qui c’è la fermata The Embarcadero & Greenwich Street, scendi.

The Filbert Street Stairs

  • Con le spalle alla baia e guardando in alto verso la Coit Tower attraversa il parco, sono non più di 30 di metri. Prosegui in direzione della torre, ben visibile, lungo l’ampio camminamento pedonale del complesso della Levi’s (si, quelli dei jeans), gli edifici hanno un colore rosso e sono ben riconoscibili.
  • Attraversa Sansome Street e continua dritto per una ventina di metri fino al termine di Filbert Street. Qui iniziano i 383 ripidi gradini che, con la breve interruzione di Montgomery Street, portano al tornante che precede il piazzale della Coit Tower.
  • Man mano che sali l’ambiente diventa sempre più verdeggiante, intorno a te case bellissime ed antiche (se la cosa ti può interessare valgono milioni di dollari…) e non è insolito osservare alcuni dei pappagalli selvaggi che vivono in zona. E’ uno degli angoli più belli di Frisco.

Greenwich Stairway

  • Con le spalle alla baia e guardando in alto verso la Coit Tower tu dirigiti all’estremità orientale del parco, ossia a destra.
  • Attraversa Battery Street, prendi Greenwich Street e seguila per una cinquantina di metri, passa ora l’incrocio con Sansome Street e subito dopo inizia la prima delle due distinte scalinate che formano la Greenwich Stairway: sono 210 gradini, al termini sbuchi su Montgomery St. Pochi metri sulla destra ed inizia la seconda scalinata, 178 gradini che ti portano esattamente nel piazzale davanti alla Coit Tower.
  • Come per le Filbert Stairs anche lungo la Greenwich Stairway appaiono magnifici giardini privati, un sacco di alberi e fiori…
Visiting Pier 39, Fisherman’s Wharf, San Francisco, California

Visiting Pier 39, Fisherman’s Wharf, San Francisco, California

Photo Credit: travelourplanet.com

Fisherman’s Wharf

Devo essere chiaro… Fisherman’s Wharf è la più grande tourist trap di tutta quanta la città… Ma c’è poco da fare, la maggior parte dei visitatori di San Francisco adora questa zona, probabilmente per la sua atmosfera particolarmente vacanziera.

  • In ogni caso è impensabile venire a San Francisco senza farci un giro, che sia la tua prima visita o che tu conosca già la città. Il panorama comunque è magnifico, abbraccia la baia dal Golden Gate ad Alzatraz, situata proprio di fronte.
  • Da visitare ci sono i moli e la parte del quartiere compresa tra Jefferson e Beach Street, in quest’ultima trovi un buon numero di ristoranti dove cenare e di locali dove bere qualcosa. In effetti il quartiere di Fisherman’s Wharf dà il meglio di sé tra il tardo pomeriggio e la prima serata.
  • Attenzione se vieni in auto: salvo che tu non venga presto il mattino parcheggiare in strada è quasi impossibile ed i garages in zona sono oltre che gettonatissimi (a volte impieghi 20 minuti per trovare uno slot libero) anche terribilmente costosi, non è infrequente lasciarci 30 o 40 dollari per una sosta di 3 o 4 ore.

Il Pier 39

  • E’ il cuore di Fisherman’s Wharf e probabilmente l’attrazione più popolare di San Francisco. Un molo pieno di ristoranti di pesce, banchi che propongono granchi, zuppe di vongole e frutti di mare ed un buon numero di negozietti di souvenirs.
  • La cucina è quella che è, il posto è iper turistico ed i visitatori vi sciamano in continuazione, dal mattino fino a sera.
  • E’ all’estremità del molo che incontri la famosissima colonia di leoni marini, placidamente stesi al sole sulle piattaforme galleggianti.
Sea Lion at Pier 39, Fisherman’s Wharf, San Francisco, California

Sea Lion at Pier 39, Fisherman’s Wharf, San Francisco, California

Photo Credit: travelourplanet.com

Gli Altri Moli di Fisherman’s Wharf

  • E’ dal Pier 41, il molo a fianco del Pier 39, che operano i ferries diretti a Sausalito, Tiburon, Angel Island ed Alameda/Oakland. Biglietteria nel Marine Terminal, il bianco edificio subito all’inizio del molo lungo la passeggiata.
  • Vuoi visitare un vero sommergibile? Niente di più facile, basta che ti rechi al Pier 45 e fai il biglietto per il USS Pampanito, durante l’ultima guerra mandò a picco 6 navi giapponesi. Puoi esplorarne prima la coperta e poi entrare al suo interno, con la sala macchine e gli (angusti) alloggi dell’equipaggio. Il sommergibile è gestito dalla San Francisco Maritime National Park Association, entrata a pagamento, audioguida in Inglese. Procedendo sullo stesso molo incontri un’altra imbarcazione, anch’essa visitabile, la SS Jeremiah O’Brien, utilizzata dalla marina americana durante la II Guerra Mondiale come nave da rifornimento. Occorre un altro biglietto, attenzione ai costi.
  • Le vecchie navi proprio non mancano a San Francisco, e ne trovi una discreta collezione al San Francisco Maritime National Historic Park gestito dal National Park Service e situato 300 metri ad ovest del Pier 45 su Jefferson Street all’angolo con Hyde Street. Oltre al museo vero e proprio puoi salire a bordo della Balclutha, un grande veliero da trasporto a 3 alberi risalente al 1886. Il costo è ragionevole ed i bambini fino a 15 anni non pagano. Se hai il National Park Pass annuale l’entrata è inclusa e non dovrai pagare nulla. Il visitor center è di solito aperto dalle 9.30 alle 17 ma ricontrolla gli orari sul sito.
  • Vuoi fare la gita ad Alcatraz? Se si devi spostarti in tutt’altra direzione, ossia 300 metri ad est di Fisherman’s Wharf e del Pier 39 incamminandoti lungo The Embarcadero, i battelli turistici per l’isola salpano infatti dal Pier 33.

Come Tornare da Fisherman’s Wharf a Union Square?

Se alloggi nella zona di Union Square puoi tornare al tuo albergo utilizzando una delle due linee di cable cars in partenza da Fisherman’s Wharf, entrambe dirette al terminale di Powell con Market Street.

  • La Powell-Mason Cable Car Line parte da Bay St, la Powell-Hyde Cable Car Line parte invece da Beach Street, quasi di fronte al Maritime Museum e 900 metri ad ovest del Pier 39.
  • Quest’ultima durante il percorso su Hyde Street transita dove inizia la famosa (e sinuosa) discesa di Lombard Street, la piccola strada a tornanti più celebre della città. In direzione di Union Square siedi sul lato sinistro, è quello che assicura le vedute più belle.
Inside a Cable Car, Fisherman’s Wharf, San Francisco, California

Inside a Cable Car, Fisherman’s Wharf, San Francisco, California

Photo Credit: travelourplanet.com

Secondo Giorno

Giornata dedicata all’esplorazione della costa lungo l’Oceano Pacifico, ed il primo posto da andare a vedere è il famoso Golden Gate Bridge. Una volta ammirato come si deve e da entrambi i lati il celebre ponte dedica il resto del tempo alle ventose spiagge di San Francisco ed alle attrazioni del Golden Gate Park. Non mancare una visita ai quartieri di Haight Ashbury e Castro.

  • La quasi totalità dei posti descritti di seguito è raggiungibile singolarmente utilizzando le rete di trasporto pubblico ma se vuoi legarli insieme in un unico itinerario – così come qui presentato – si rende necessario l’utilizzo di un’auto a noleggio.
  • Tieni presente che la disponibilità di un’auto ti permette inoltre di fare anche altre cose, velocemente e senza perdere troppo tempo. Come percorrere gli stretti tornanti dell’iconica Lombard Street. Oppure farti un giro per Fillmore Street e Union Street, piene di boutiques e bei locali, nel facoltoso quartiere di Pacific Heights dove risiede la ultra-elite di San Francisco. Od ancora andare ad Alamo Square per ammirare le Painted Ladies, le famose case vittoriane ritratte in innumerevoli foto.
Golden Gate Bridge at Night from the North Side of San Francisco Bay, California

Golden Gate Bridge at Night from the North Side of San Francisco Bay, California

Photo Credit: Nicolas Raymond

Il Golden Gate Bridge

E’ stato inaugurato nel 1937, è il vero autentico simbolo di San Francisco e probabilmente è il ponte più fotogenico del mondo. Veramente impensabile venire a San Francisco senza andare a dargli uno sguardo da vicino.

  • Il Golden Gate Bridge è un ponte sospeso, collega la città di San Francisco con la Marin County a nord della baia.
  • Costruito in acciaio, verniciato di uno splendido rosso arancio, è lungo quasi 2,7 km e la campata centrale si estende per ben 1.280 metri. Il ponte è alto 85 metri sopra il livello dell’acqua mentre i due piloni si elevano a ben 227 metri di altezza. Spesso e volentieri in estate sono avvolti nella nebbia.
  • 27 metri di larghezza, 6 corsie riservate alle auto, ai lati una corsia per chi passeggia ed una per chi va in bici sfidando il vento, teso, gelido e quasi sempre presente. Ci passano la US Route 101 e la California State Route 1. Il pedaggio si paga solamente se stai viaggiando in direzione sud, verso San Francisco.

Ma come ammirare il Golden Gate Bridge? Oltre a percorrere il ponte in auto ci sono numerosi punti panoramici da dove osservarlo e fotografarlo con calma, sia a sud che a nord della baia.

View of Golden Gate Bridge from Welcome Centre, The Presidio, San Francisco, California

View of Golden Gate Bridge from Welcome Centre, The Presidio, San Francisco, California

Photo Credit: travelourplanet.com

Il Golden Gate Bridge da Sud: il Presidio

Non solo il Presidio è un quartiere ricco, soprattutto è un magnifico parco che ti offre belle vedute sul Golden Gate Bridge e su tutta la baia. Si trova a sud del ponte ed è molto facile da raggiungere, anche se non hai un’auto a noleggio. Ci puoi arrivare in bici, col bus, qualcuno ci va anche a piedi con una lunga camminata da Fisherman’s Wharf.

Il Golden Gate Bridge Welcome Center e Crissy Field

Al Presidio sono due i posti dove ammirare come si deve il ponte, vicini tra loro ed accessibili volendo dallo stesso parcheggio. Per raggiungerli se stai arrivando dal centro di San Francisco sulla Hwy 101 tieniti pronto a svoltare a destra immediatamente prima di imboccare il ponte.

  • Il primo è il Golden Gate Bridge Welcome Centre, il centro visitatori. Offre un parcheggio (a pagamento), un negozietto, le toilettes ed un café. C’è anche l’ufficio del NPS, è qui che io ho acquistato l’Annual Pass per la visita ai parchi. Una volta posteggiata l’auto ti basta fare pochi metri lungo il sentiero lastricato verso nord ed il ponte ti apparirà davanti agli occhi.
  • Il secondo si trova poco lontano e ci puoi arrivare a piedi dal parcheggio scendendo dalla collina in direzione est lungo il sentiero subito alle spalle del Welcome Center. E’ Crissy Field, un grande spiazzo erboso che termina direttamente sulla spiaggia. Tra le tante locations super fotogeniche di cui è ricca San Francisco questa è una delle più belle: il Golden Gate appare dal basso e nella sua interezza, la veduta è ravvicinata e senza restrizioni. Tieni presente che Crissy Field è raggiungibile direttamente anche in auto da Old Mason Street.
View of Golden Gate Bridge from Crissy Field, San Francisco, California

View of Golden Gate Bridge from Crissy Field, San Francisco, California

Photo Credit: Eugene Kim

Altre Cose da Fare al Presidio

Se poi il tempo non ti manca, ti fermi a San Francisco più giorni ed hai qualche ora da dedicare al posto allora il Presidio offre altre cose interessanti da fare.

  • Non sarà una delle highlights di San Francisco ma se sei in zona uno sguardo veloce al Palace of Fine Arts Theatre puoi darlo. All’interno si tengono mostre e spettacoli ma è forse il piacevolissimo giardino all’aperto con il laghetto e le fontane a risultare più suggestivo. Costruito originariamente per la 1915 Panama-Pacific Exposition è stato completamente ricostruito nel 1965. Si trova all’inizio del Presidio, lato città, ossia all’estremità orientale del parco dove termine il Marina District, facilmente accessibile sia da Marina Blvd che da Richardson Avenue.
  • Per i grandi appassionati di storia del fumetto qui al Presidio c’è un museo che non andrebbe mancato, è il Walt Disney Family Museum. Video, oggetti, disegni originali e foto raccontano la storia del mitico Walt e famiglia. Forse più indicato per adulti che per bambini, attenzione che non è particolarmente economico.
  • Al Presidio c’è anche una passeggiata da fare, richiede poco meno di 3 ore ma ti permette di visitare il San Francisco National Cemetery, di accedere alla parte più alta della collina e di raggiungere l’Oceano Pacifico per ammirare da un’angolazione insolita il famoso ponte.
  • Per saperne di più hai ben due siti ufficiali da consultare. Il primo è a cura del National Park Service che amministra l’area. Il secondo è The Presidio ed è ancor più utile: ci trovi le info dettagliate su come arrivare in bus dal centro di San Francisco, le mappe, le linee e gli orari degli shuttle bus gratuiti che percorrono le diverse aree del Presidio, le info su dove noleggiare una bicicletta e le cartine con i percorsi da fare in bici…
Golden Gate Bridge from Vista Point, San Francisco, California

Golden Gate Bridge from Vista Point, San Francisco, California

Photo Credit: James Bachleta

Il Golden Gate Bridge da Nord

Dal lato nord della baia, al di là del ponte per capirci, sono due i punti panoramici che non devi perdere. Per essere indipendente e visitarli entrambi l’ideale è andarci con la tua auto a noleggio.

  • Il primo è conosciutissimo, si chiama Vista Point. Tieniti pronto perché la deviazione per raggiungerlo si trova immediatamente al termine del ponte viaggiando in direzione nord, è la prima svolta a destra che incontri, non esitare altrimenti la manchi, meglio se quando stai guidando sul ponte occupi la corsia più a destra. Il parcheggio è relativamente piccolo e sempre affollato ma il ricambio di auto è continuo, aspettando un attimo è facile che si liberi un posto. Da Vista Point il panorama del Golden Gate è frontale, con le corsie stradali ed il traffico di auto ben visibili.
  • Un altro punto panoramico si trova invece sulla collina ad ovest del ponte, ed è ancor più bello del precedente. In verità i punti panoramici alti sulla collina sono più di uno, li trovi in rapida successione percorrendo la Conzelman Road. Da Vista Point devi rimetterti sull’autostrada, percorrerla per non più di 70 metri e prendere nuovamente la prima uscita a destra, segnata come Alexander Ave. Percorsi 30 metri sii pronto a prendere la svolta a sinistra, passando sotto l’autostrada e portandoti sull’altro lato, come se dovessi tornare indietro a San Francisco. Invece di imboccare nuovamente il ponte sulla destra apparirà una strada che si inerpica sulla collina, prendila senza esitare, prosegui per circa 450 metri sulla Conzelman Road ed arrivi al primo viewpoint, se continui per altri 300 metri ti ritrovi al secondo punto panoramico. Sono questi i due belvedere più emozionanti in assoluto di tutto il Golden Gate Bridge, la vista è di lato ed il ponte è visibile nella sua interezza, con la collina del Presidio e la città di San Francisco sullo sfondo.
  • Terminato di fotografare puoi ripercorrere il ponte e tornare a San Francisco. In alternativa già che sei qui vai a fare una passeggiata al vicino villaggio di Sausalito, oppure raggiungi le sequoie a Muir Woods. Se vuoi saperne di più c’è un articolo che ti racconta tutto, è Le Più Belle Escursioni da San Francisco e sarà pubblicato prossimamente su questo blog.
Golden Gate Bridge from the hill on the North Side of San Francisco Bay, California

Golden Gate Bridge from the hill on the North Side of San Francisco Bay, California

Photo Credit: travelourplanet.com

Le Spiagge Più Belle di San Francisco

Attraversato nuovamente il Golden Gate Bridge, al termine del ponte prosegui verso sud sulla Hwy 1, percorri il tunnel di Veterans Blvd ed all’incrocio con California Street gira a destra in direzione ovest, poco distante ci sono tre spiagge dove recarti per ammirare l’Oceano Pacifico.

Baker Beach

  • Baker Beach si trova all’interno della Golden Gate National Recreation Area ed è la spiaggia più settentrionale. Fa parte dell’area del Presidio ma è più facilmente raggiungibile in auto da Lincoln Blvd.
  • Offre una veduta insolita del Golden Gate Bridge ed è una spiaggia molto lunga e dall’aspetto selvaggio, priva di infrastrutture, niente chioschi e niente locali, se ci vuoi fare il pic-nic organizzati prima portando panini e bevande. Particolarmente fascinosa il tardo pomeriggio verso il tramonto.
  • Area parcheggio molto ampia affacciata direttamente sull’oceano ed a pochi passi dalla spiaggia, percorrendo Lincoln Blvd la raggiungi dall’entrata settentrionale di Bowley Street e svoltando poi a destra in Gibson Road.

China Beach

  • Molto pittoresca, assai più piccola e raccolta della precedente. Anche da China Beach si vede il Golden Gate Bridge, qui distante circa 2 miglia. Ci vengono i surfers ed i pescatori.
  • Situata nell’esclusivissimo e silenzioso quartiere di Sea Cliff ricco di ville stupende. Il parcheggio non è semplicissimo, la parking area c’è ma è piccola e spesso piena, è accessibile dalla parte più occidentale di El Camino del Mar.
  • Dal parcheggio accedi alla spiaggia con un sentiero pavimentato/scalinata lungo un centinaio di metri. Chiaramente come in qualsiasi altra spiaggia di San Francisco nessuno osa nemmeno lontanamente fare il bagno e nuotare.

Ocean Beach e Land’s End 

  • La vista che si ha dell’Ocean Beach dall’alto della Cliff House è una delle più belle ed inaspettate di tutta San Francisco: la spiaggia si estende, enorme e lunghissima, per chilometri, a perdita d’occhio…
  • Arrivarci in auto è facile, basta che guidi fino all’estremità orientale di Geary Blvd e prosegui dritto lungo Point Lobos Avenue. Immediatamente dopo che finiscono le case la strada curva a sinistra in discesa ed appare sulla destra prima la Cliff House e subito dopo la spiaggia.
  • Numerosi i posti auto, tutti sul lato est della strada, il lato oceano per capirci; se possibile parcheggia subito in prossimità della Cliff House per avere la visione dall’alto, in alternativa trovi un parcheggio più grande in fondo alla discesa.
  • Se il tempo non ti manca non esitare ad incamminarti sul Coastal Trail: un sentiero ben segnalato lungo circa 800 metri che dalla Cliff House si inoltra verso nord costeggiando l’oceano passando da Point Lobos e dalle rovine dei Sutrio Bath fino al promontorio di Land’s End. Vedute grandiose delle onde che si infrangono contro le rocce con sullo sfondo, lontano, il Golden Gate Bridge. Portati una giacca per il vento.

Una volta che hai ammirato come si deve la spiaggia ed il panorama dell’Oceano Pacifico riprendi l’auto, immettiti su Fulton Street e costeggiando il Golden Gate Park dirigiti verso ovest, tornando verso il centro di San Francisco.

Ocean Beach from the Cliff House, San Francisco, California

Ocean Beach from the Cliff House, San Francisco, California

Photo Credit: travelourplanet.com

Il Golden Gate Park

Col ponte non c’entra nulla, anzi dal parco il ponte proprio non si vede. Ma è la più grande area verde di San Francisco e se ti fermi in città almeno due giorni merita una visita. Puoi passeggiare liberamente per il parco senza spendere nulla oppure dedicare la tua attenzione a due posti particolari.

San Francisco Botanical Garden

Piante e fiori da tutto il mondo. Ci sono le magnolie, i fiori della foresta e delle Ande, le specie tipiche della California, dell’Australia ed anche del Mediterraneo. I cactus e le palme. Ma soprattutto puoi ammirare una piccola collezione di Coast Redwoods, le famose sequoie, qui della specie Sequoia Sempervirens, quelle più alte ma meno massicce che crescono lungo la costa della California.

  • Il tutto molto ben presentato, tanti e precisi i cartelli esplicativi, alcune zone del giardino vengono lasciate deliberatamente con un aspetto un po’ selvaggio.
  • Ingresso a pagamento salvo che tu non vada presto al mattino quando tra le 7.30 e le 9 (se le cose non sono cambiate) non si paga nulla. Consigliato a mio avviso solo ai veri appassionati di botanica.

Le Atmosfere Zen al Japanese Tea Garden

La pagodina in legno all’ingresso ha un aspetto fascinoso ed invita ad entrare. All’interno trovi i prati verdi, i bonsai ed i bambù, gli aceri e le siepi curate, la sabbia pettinata a formare le onde del mare. Non mancano il laghetto con le carpe, il ponte ad arco, le costruzioni tradizionali ed una scenografica pagoda a più piani, di un caratteristico colore rosso. C’è anche la Tea House dove sorseggiare una tazza di té.

  • E’ il più vecchio giardino giapponese degli Stati Uniti ma purtroppo non è gratuito, e sebbene il costo non sia particolarmente elevato il posto è davvero piccolo e non saprei se consigliartelo, perlomeno se viaggi in famiglia e devi acquistare 3 o 4 biglietti…

I Musei del Golden Gate Park

All’interno del parco sorgono due dei musei più interessanti di San Francisco, valuta tu se visitarli in base ai tuoi interessi ed al tempo che hai a disposizione.

  • Se viaggi con bambini il posto giusto dove portarli è il California Academy of Sciences situato in uno spettacolare edificio progettato da Renzo Piano. All’interno un museo di storia naturale, un acquario, un planetario e tanto altro ancora.
  • Altra costruzione che non passa inosservata è quella che ospita il de Young Museum. In mostra l’arte americana dal 17° al 21° secolo ed un’importante raccolta di arte africana e dei Paesi del Sud Pacifico. Si trova a pochi passi dal California Academy of Sciences.
Nice houses in Haight-Ashbury District, San Francisco, California

Masonic Ave, Haight-Ashbury District, San Francisco, California

Photo Credit: travelourplanet.com

I Quartieri di Haight-Ashbury e Castro

Due dei quartieri più piacevoli ed autentici di San Francisco, adiacenti tra loro ed entrambi situati poco ad est dell’estremità orientale del Golden Gate Park. In auto li raggiungi in un attimo, poi scendi e dedica ad ognuno almeno una passeggiata, l’atmosfera è gradevole ed assai meno turistica di quell’autentico delirio che è Fisherman’s Wharf.

Haight-Ashbury District

La nostalgia dell’estate del 1967, dell’amore libero e della Beat Generation. La contro-cultura ed i figli dei fiori. Eh si, è qui a The Haight come lo chiamano gli abitanti di San Francisco che è nata la cultura hippy ed è qui che risiedevano e suonavano Janis Joplin, i Grateful Dead ed i Jefferson Airplane. Certo, oggi tante cose sono cambiate ma l’atmosfera almeno in parte è rimasta. Se puoi vienici tra l’ora di pranzo ed il tardo pomeriggio durante i week-ends quando il quartiere è pieno di vita.

  • Sono due le anime di Haight-Ashbury e vanno conosciute entrambe. La prima è la commerciale Haight Street, ricchissima di vita e movimento. La seconda sono le ben più tranquille viuzze sui suoi lati, piene di magnifiche ed incantevoli case.
  • I narghilé, l’incenso, i simboli della pace, i dischi usati ed i cafes biologici. Negozi vintage e la cultura hippy. Il piercing ed i tatuaggi. Edifici colorati e vestiti anni ‘70. Ma anche numerosi ristoranti etnici ed una successione continua di bars. E’ tutto questo la mitica Haight Street, vero cuore del quartiere, e non perdertela per nessuna ragione.
  • Tutto cambia, molto rapidamente, se da Haight Street ti inoltri in salita nelle ampie ed alberate vie laterali che rimontano la collina in direzione sud. Niente più confusione e niente più atmosfere dark. Quello che qui colpisce sono le magnifiche ville a 2 o 3 piani, con la ripida scalinata all’entrata. Case bellissime, di quelle che ti fanno venire voglia di piantare tutto e di trasferirti. Per farti un’idea del posto fai una rapida passeggiata tra Masonic Avenue, Ashbury St. e Cole Street immediatamente a sud di Haight Street.
  • E’ all’estremità nord-orientale del quartiere che si trova la celebre Alamo Square, con le casette vittoriane tutte colorate che appaiono in quasi qualsiasi articolo su San Francisco. Se hai un’auto ci arrivi in un lampo.
Haight Street, Haight-Ashbury District, San Francisco, California

Haight Street, Haight-Ashbury, San Francisco, California

Photo Credit: travelourplanet.com

The Castro

E’ il quartiere gay di San Francisco. Ma che tu sia gay o no e qualsiasi sia il tuo orientamento sessuale Castro è uno dei distretti più piacevoli, colorati e vivaci di San Francisco dove venire a fare un giro.

  • Fino alla metà degli anni sessanta Castro era il quartiere dell’immigrazione irlandese. Poi poco per volta qui confluirono da tutti gli Stati Uniti tanti ragazzi omosessuali, e presto divenne il loro quartier generale.
  • Oggi Castro è un quartiere tollerante, allegro, qualche personaggio stravagante a passeggio per le strade c’è ma le case sono belle, tutto è curatissimo e si capisce che buona parte di chi vive qui è benestante. Il posto non è abitato solo da ragazzi omosessuali, anzi, da quanto ho letto più dell’80% della popolazione è etero.
  • Castro è localizzato in cima a Market Street, alla sua estremità occidentale. E la parte più interessante del quartiere, ricca di locali e negozi è compresa tra la 17th e la 19th Street. E’ proprio qui lungo Castro Street che Harvey Milk, forse il più celebre degli attivisti politici in favore dei diritti degli omosessuali aprì il suo primo negozio di fotografia. Ed è qui tra le tante bandiere arcobaleno di Castro Street che si trova lo storico Castro Theatre.
  • Il momento migliore per farvi una passeggiata è probabilmente tra il tardo pomeriggio e la prima serata. Dedicaci almeno un’oretta, camminando con calma, ci sono negozietti interessanti e locali carini dove fermarti a mangiare o bere qualcosa, come il celebre Harvey’s, vera icona del quartiere al 500 di Castro Street, oppure il pesce e le ostriche all’acclamato Anchor Oyster Bar.
Castro Street and 19th Street, Castro, San Francisco, California

Castro Street and 19th Street, Castro, San Francisco, California

Photo Credit: travelourplanet.com

San Francisco ed il Resto della California

Numerose le guide dedicate alle città ed alle grandi meraviglie della California già apparse su questo blog, ecco dove trovarle, ogni directory comprende più articoli:

  • San Francisco, con i posts dettagliati dedicati ai trasporti, come arrivare dall’aeroporto e come girare la città in auto, tram, bus e metropolitana, ed ai quartieri migliori dove alloggiare, con idee e suggerimenti su dove prenotare l’albergo a seconda tu abbia noleggiato una macchina oppure tu preferisca utilizzare i trasporti pubblici. Una delle guide è interamente dedicata alle escursioni più belle della baia, dalla foresta di sequoie di Muir Woods a Sausalito alla suggestiva gita ad Alcatraz.
  • Sequoia e Yosemite con tutte le informazioni su come arrivare e dove alloggiare con i pro ed i contro delle diverse località all’interno ed all’esterno dei due parchi. Due guide sono interamente dedicate alle passeggiate ed ai sentieri più spettacolari e redditizi della Yosemite Valley ed un articolo ti racconta come visitare il meglio di Sequoia in sola mezza giornata.
  • Death Valley e Mojave, tante guide super dettagliate e photogallery per conoscere le attrazioni della Valle della Morte e l’assai poco visitato deserto del Mojave con i suoi panorami sconfinati e le imponenti dune di sabbia.

Last Update: May 28th 2017

Creative Commons 2.0 GenericFront cover photo credit: San Francisco Financial District from Coit Tower by gags9999. Photos in this page come from Flickr: Creative Commons Attribution Licensed Photos. Please read here the Summary of the Legal Code. Terms of license are valid at the time of publishing this post.

Related posts:

Share

2 comments to San Francisco: Cosa Fare e Cosa Visitare in 2 Giorni

  • Ciao Elena, grazie! Per i parcheggi a San Francisco mi sono organizzato in tre modi:

    – soste brevissime, tappa di qualche minuto: magari per scattare due foto, tenevo d’occhio l’auto senza allontanarmi
    – soste brevi, da mezzora a meno di 2 ore: parchimetri lungo la strada, questo link ti sarà di aiuto https://www.sfmta.com/getting-around/parking/meters, c’è anche un mappa con evidenziate tutte le zone a pagamento con parchimetri
    – soste più lunghe, esempio per andare ad Alcatraz: in questo caso parcheggi privati (anche una 30 di USD per 3 o 4 ore), soprattutto nell’area di Embarcadero/Fisherman’s Wharf dove c’è un limite massimo di 2 ore al parcheggio lungo le strade

    Tieni presente che:
    – la domenica nell’area centrale di San Francisco, ossia Union Square, il parcheggio è gratuito (salvo che le cose non siano improvvisamente cambiate) e grande facilità nel trovare posti liberi
    – guidare per le strade di San Francisco è straordinariamente piacevole, anzi direi divertente (nonostante io sia un fan dei mezzi pubblici)

  • Ciao! Questo post è fenomenale, complimenti!
    Sto organizzando l’itinerario per i miei 2 giorni a San Francisco e mi stai aiutando moltissimo! Vorrei appunto dividere il giorno 1 con il percorso a piedi al mattino, arrivando al Pier 39 per noleggiare una bicicletta e arrivare a Sausalito per poi rientrare con il traghetto. E fin lì ok! Il secondo giorno vorrei raggiungere con l’auto i vari view point e la maggior parte di quello che citi nel post. Ho solo un dubbio: come mi devo comportare con i parcheggi? Per quanto riguarda le Painted Ladies pensavo proprio ad una sosta foto e via. Esistono invece parcheggi gratis nella zona del Golden Gate Park, al Lands End e nella zona di Castro e Haight Street? Come hai fatto tu?
    Grazie mille per i tuoi consigli e il tuo tempo!

Leave a Reply

You can use these HTML tags

<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>