Subscribe to our Newsletter

DESTINATIONS

Le Guide su Paesi, Città e Destinazioni

Guide pratiche e dettagliatissime su Paesi, città e destinazioni. Cosa vedere, quanto stare, in quale quartiere prenotare l'albergo, come spostarsi, che tempo fa. I miei suggerimenti su come organizzarti e tanti links utili dove cercare info aggiornate. Da stampare e portare in viaggio.

GREAT JOURNEYS

I Grandi Viaggi

Veri e propri programmi di viaggio spiegati in dettaglio, giorno per giorno, con tutte le informazioni ed i links che occorrono per poter prenotare, da solo e sul web, alberghi, trasferimenti e voli interni.

WHEN TO GO?

Il Clima

Il tempo che potresti trovare, Paese per Paese, regione per regione, quasi mese per mese. Quando è meglio andare e quando è più saggio starsene a casa. I links dove controllare forecasts ed averages di temperatura e piovosità.

Bryce Canyon National Park: Come Arrivare, Dove Alloggiare e Come Spostarsi. Il Clima ed i Pericoli

Bryce Canyon

La tua guida completa e super dettagliata al Parco Nazionale Bryce Canyon nello Utah. Come arrivare a Bryce Canyon National Park? Il percorso da Las Vegas, da Zion, dal Lago Powell e dal Grand Canyon: le strade, i chilometri ed i tempi di percorrenza. Dove alloggiare a Bryce Canyon? Le cose da sapere sugli alberghi di Bryce e di Tropic: i pro ed i contro. Come spostarti all’interno del parco? Meglio la tua auto a noleggio od il bus navetta gratuito? Quando andare a Bryce Canyon? Qual è il periodo migliore per visitare il parco? Ci sono pericoli? Le informazioni sul clima di Bryce: le temperature, la neve in inverno, il pericolo dei temporali in estate. Un articolo da leggere prima di prenotare il tuo viaggio nei parchi del Sud-ovest degli Stati Uniti. 

Bryce Amphitheater, Peekaboo Loop, Bryce Canyon National Park, Utah

Bryce Amphitheater, Peekaboo Loop, Bryce Canyon NP, Utah

Photo Credit: travelourplanet.com

Bryce Canyon National Park

Bryce Canyon in Breve  

  • Bryce è famosissimo e per il suo scenario insolito e spettacolare è uno dei parchi nazionali americani più amati dagli europei.
  • Si trova nella regione sud-occidentale dello stato dello Utah. Le due grandi città più vicine sono Salt Lake City, la capitale dello stato, e Las Vegas in Nevada. La maggior parte dei visitatori italiani arrivano a Bryce da quest’ultima.
  • Si chiama Bryce Canyon, ma curiosamente il canyon non c’è. Manca infatti una delle due pareti che contraddistinguono i canyons, a Bryce ne esiste una sola. Dalla parte opposta il terreno digrada dolcemente verso le desertiche immensità dell’Escalante.
  • Bryce è un parco di montagna, l’altitudine media è di 2.400 metri e raggiunge i 2.774 metri a Rainbow Point. Vieni attrezzato, con scarponcini, felpa e giubbottino, è uno dei posti più freschi di tutto il Sud-ovest degli Stati Uniti.
  • A differenza di Zion dove le escursioni più redditizie richiedono fatica, ed a volte qualche rischio, a Bryce tutto è facile ed a portata di mano. Anche se non sei un gran camminatore qui puoi fare gite grandiose. Non limitarti a guardare il panorama dai tanti viewpoints, osa qualcosina in più e scendi all’interno del celebro Anfiteatro, vedrai che la prospettiva cambia.
  • Per accedere a Bryce Canyon National Park occorre acquistare il biglietto di entrata. Il costo è calcolato per veicolo (incluso tutti gli occupanti) ed è valido per 7 giorni di permanenza. Se hai il pass annuale non occorre acquistare alcun biglietto supplementare. Ricontrolla sul sito (link in fondo al post) i costi aggiornati.
  • Il parco è aperto 24 ore al giorno e 365 giorni all’anno salvo eventuali interruzioni per neve della strada di accesso nei mesi invernali. Gli orari del visitor center cambiano in base alle stagionalità.
Bryce Amphitheater from Sunset Point, Bryce Canyon National Park, Utah

Bryce Amphitheater from Sunset Point, Bryce Canyon NP, Utah

Photo Credit: travelourplanet.com

Da Sapere Subito

  • Il celebre Bryce Amphitheater è straordinario e vale il viaggio dall’Italia. E’ la zona più spettacolare, conosciuta e visitata di tutto Bryce Canyon National Park.
  • Il parco è ampio e non si limita al Bryce Amphitheater, si estende verso sud per decine di chilometri, il paesaggio però è meno impressionante. Intendiamoci, è sempre interessante (così come la quasi totalità dello Utah meridionale) ma non ha quelle caratteristiche di unicità che contraddistinguono invece la zona dell’Anfiteatro.
  • Una strada asfaltata di 18 miglia one-way percorribile liberamente da tutti conduce fino a Rainbow & Yovimpa Point, il punto più meridionale del parco. Vale la pena di percorrerla? Secondo me no, salvo che tu non rimanga a Bryce per più giorni o se il tempo inclemente non ti permette escursioni a piedi.
  • E’ alla zona dell’Anfiteatro che è dedicata questa guida, è qui che si concentrano le escursioni più belle e redditizie da fare.
From Bryce Canyon looking to Barney Top Mesa and Grand Staircase-Escalante NM, Utah

From Bryce Canyon looking to Barney Top Mesa and Grand Staircase-Escalante NM, Utah

Photo Credit: travelourplanet.com

La Guida a Bryce Canyon National Park

Cosa Trovi in Questa Guida?

  • Questo articolo è interamente dedicato a come raggiungere Bryce Canyon, dove alloggiare e come spostarti all’interno del parco. Puoi leggere inoltre le informazioni importanti sul clima e le norme di sicurezza da osservare.
  • Se invece ti piace camminare, hai a disposizione almeno un’abbondante mezza giornata e vuoi scoprire quali sono le passeggiate ed i sentieri più famosi e spettacolari del parco, leggi il post dedicato Bryce Canyon National Park: le 3 Escursioni Più Belle. Contiene le schede dettagliate delle 3 gite più redditizie di tutto Bryce: la Amphitheater Traverse, la Figure 8 Combination ed il Fairyland Loop. Complete delle note tecniche su lunghezza dei sentieri e relativi dislivelli.

La cartina ti mostra la posizione di Bryce Canyon National Park rispetto alle grandi città più vicine ed ai più famosi parchi nazionali ed attrazioni di Utah ed Arizona. Allarga la mappa per una visione d’insieme e fai invece lo zoom per localizzare il dettaglio del parco e zone limitrofe, così da individuare le località dove dormire descritte di seguito nell’articolo:

Loading
Center map
Traffic
Bicycling
Transit

Come Arrivare a Bryce Canyon National Park?

  • Da Las Vegas: se segui la strada più breve e fascinosa (ma non la più veloce) sono 248 miglia (400 Km) dallo Strip al Bryce Canyon Visitor Center. Prendi l’autostrada Interstate 15 verso nord, dopo St George svolta ad est sulla State Route Utah 9, percorrila tutta attraversando Zion National Park fino a Mt Carmel Jct. Da qui dirigiti a nord sulla US Route 89, qualche chilometro prima di Panguitch svolta ad est sulla Utah 12. Un concentrato delle strade più belle del Sud-ovest degli Stati Uniti, calcola circa 6/7 ore di viaggio ed… innumerevoli soste per le foto.
  • Da Springdale/Zion National Park: 85 miglia (137 Km) percorrendo il famoso Zion-Mount Carmel Tunnel e la Utah 9 fino Mt Carmel Jct, da qui verso nord sulla US Route 89, svolta ad est sulla spettacolare Utah 12 qualche chilometro prima di Panguitch. Circa 2 ore di viaggio o poco più.
  • Da Cedar Breaks National Monument: circa 60 miglia (97 Km), segui per qualche chilometro la State Route 148 verso nord costeggiando il bordo orientale dell’Anfiteatro di Cedar Breaks, svolta ad est sulla 143 fino a Panguitch, nel pieno centro della cittadina non mancare la svolta di 90° a destra (est) sulla US Route 89 e seguila per pochi minuti, svolta ad est sulla Utah 12, goditi lo scenario e poco dopo sei a Bryce.
  • Da Page/Lake Powell: 152 miglia (245 Km), la quasi totalità sulla US Route 89 prima verso ovest fino a Kanab e poi verso nord, svolta ad est sulla spettacolare Utah 12 qualche chilometro prima di Panguitch. Lungo il percorso passi nelle vicinanze del Coral Pink Sand Dunes State Park, il parco è piccolo e la deviazione dalla US 89 è di sole 15 miglia (24 Km one-way), se hai tempo fai una rapida sosta per visitarlo. Stai solo attento a non farti investire da qualche spericolato in quad.
  • Dal Grand Canyon: 289 miglia (465 Km) dal South Rim/Grand Canyon Village al centro visitatori del parco via State Route 64, US Route 89 e Utah 12 passando attraverso le cittadine di Page e Kanab. In tutto tra le 6 e le 7 ore di viaggio.
  • Da Moab/Canyonlands/Arches: 275 lunghe miglia (443 Km) circumnavigando da nord Canyonlands e Capitol Reef via US 191, Interstate 70, US 89 e Utah 12.
  • Da Salt Lake City: 273 miglia (439 Km) dall’aeroporto di Salt Lake City a Bryce per la maggior parte sulla Interstate 15 in direzione sud, qualche chilometro sulla Utah 20 e per finire le solite US 89 ed Utah 12 fino al parco. Calcola circa 5 ore di viaggio.
Interior, The Lodge at Bryce Canyon, Bryce Canyon National Park, Utah

Interior, The Lodge at Bryce Canyon, Bryce Canyon NP, Utah

Photo Credit: Brandon

Dove Alloggiare a Bryce Canyon?

Soggiornare all’Interno del Parco

Un’unica struttura alberghiera è presente all’interno del parco nazionale, è The Lodge at Bryce Canyon. Offre una pizzeria, un ristorante più formale ed un comodo general store dove acquistare bevande, snacks, pizze, sandwiches e gelati. All’interno si trova il desk di Canyon Trail Rides per le gite a cavallo ed un negozietto vende souvenirs, mappe ed abbigliamento, dalle calze ai ponchos per la pioggia. Le facilities sono tutte accessibili anche ai visitatori esterni. Il lodge è spesso e volentieri al completo ed è chiuso in inverno.

Pros

  • Perfetto se ti fermi a Bryce solamente per 1 o massimo 2 notti, vuoi trovarti immerso nella natura e sei interessato solo a visitare il parco e non i suoi dintorni.
  • A differenza del lodge di Zion dove per raggiungere l’inizio dei sentieri più belli devi comunque prendere lo shuttle, qui a Bryce il lodge si trova a pochi passi da Sunset e Sunrise Point, punto di partenza di due dei più spettacolari itinerari all’interno del celebre Anfiteatro. Li raggiungi a piedi in pochi istanti.
  • Non solo puoi vedere alba e tramonto senza sforzo, la lontananza da fonti di luce ti permette la sera di ammirare l’incredibile spettacolo del cielo stellato. E se c’è la luna piena la vista dell’Anfiteatro di notte è magica.

Cons

  • Non molti, perlomeno se apprezzi la sua posizione isolata in mezzo al bosco e vieni qui con lo spirito giusto: relativamente costoso, aria un po’ demodé, il rapporto qualità/prezzo non elevato.
The Lodge at Bryce Canyon, Bryce Canyon National Park, Utah

The Lodge at Bryce Canyon, Bryce Canyon NP, Utah

Photo Credit: Brandon

All’Entrata del Parco: Bryce Canyon City

Il nome potrebbe ingannarti, ma tu non ti aspettare alcuna città. Trovi invece un complesso composto da tre differenti alberghi, due di questi hanno il classico aspetto da motel, il terzo invece offre qualcosa di un poco più ricercato.

Sono il semplice Bryce View Lodge, il famoso Ruby’s Inn che costituisce il cuore del complesso ed il vero punto di aggregazione di Bryce, ed il più costoso BW Plus Bryce Canyon Grand. Tutti i links sono di Booking.com, puoi controllare facilmente disponibilità e tariffe e prenotare se disponibili.

Pros

  • La posizione è ottima, immediatamente fuori dall’entrata del parco, a sole 2,6 miglia a nord del visitor center. A parte il lodge all’interno sono queste le strutture più vicine al cuore di Bryce.
  • Lo stop on-site del bus shuttle gratuito che porta ai view-points ed ai sentieri dell’Anfiteatro è comodissimo, una volta che sei arrivato ed hai posteggiato puoi anche scordarti la macchina.
  • Ci sono i ristoranti, un piccolo ma molto ben fornito supermercato, delle bancarelle/negozietti dove bighellonare il tardo pomeriggio e la prima serata, in estate c’è anche il rodeo. Se dopo la gita hai voglia di fare due passi e vedere gente qui sarai accontentato.
  • Il distributore di benzina è aperto 24 ore su 24 e c’è anche il meccanico e chi ripara le gomme, se hai noie al motore od hai bucato qui potranno aiutarti.
  • Tutti i tre alberghi offrono la piscina, se viaggi con i bambini è perfetta per farli sfogare al rientro dalle gite.

Cons

  • Bryce è vicinissimo ma la vista sul canyon non c’è. E non c’è nemmeno troppa atmosfera, questo è il posto più movimentato del parco, anche chi non ci alloggia prima o poi passa di qui.
  • Lo stile degli alberghi è anonimo, lunghe file di bassi edifici con il posteggio davanti, come i classici motels che trovi nelle periferie e lungo le highways degli States, magari ti saresti aspettato qualcosa di più tipico.
Ruby’s Inn, Bryce Canyon City, Utah

Ruby’s Inn, Bryce Canyon City, Utah

Photo Credit: travelourplanet.com

La Piacevole Tropic

Il paesino di Tropic si trova a sole 8,6 miglia (14 Km) dal capolinea dello shuttle bus del parco ed a 11 miglia (meno di 18 Km) dal Bryce Canyon Visitor Center. Te lo consiglio se ti fermi a Bryce 2 o 3 notti ed oltre al parco intendi esplorare i suoi spettacolari dintorni.

Non tutti gli alberghi di Tropic sono disponibili sui soliti siti di prenotazione ma ne trovi una buona selezione su Booking.com, ricorda che le tasse statali dello Utah sono sempre da aggiungere e di controllare sulla mappa l’effettiva posizione della struttura che più ti ispira.

Pros

  • La relativa vicinanza al parco, ci arrivi in non più di 25’ di auto, incluso il tempo per parcheggiare.
  • A Tropic c’è molta più scelta, per numero, qualità e prezzi, rispetto ai tre alberghi situati all’entrata del parco. Qui trovi oltre una decina tra motels e bed & breakfast, qualcuno anche carino e dalla bella atmosfera. Lo Stone Canyon Inn ed il Bullberry Inn ne sono un esempio.
  • Tropic offre le migliori opportunità di nutrirti di tutta la zona di Bryce, ricordati solo che la sera è meglio che ti presenti prima delle 21. Dagli hamburgers del Cowboy Grill alle pizze e la pasta di The Pizza Place del Bryce Canyon Inn all’ampio menu del Clarke’s. Od ancora la divertente atmosfera western con musica country del Showdowns Restaurant al Bryce Pioneer Village e l’elegante e costoso Stone Hearth Grille. Per non parlare delle torte e l’ottimo espresso di Bryce Canyon Coffee.
  • E’ la location migliore se oltre visitare Bryce Canyon vuoi anche fare gite nell’area situata subito ad est del parco. Il suggestivo Willis Creek dista 12 miglia (19 Km), il Kodachrome State Park è a 13 miglia (21 Km) e la cittadina di Escalante base di accesso agli spettacolari slot canyons del Grand Staircase-Escalante National Monument rimane alla ragionevole distanza di 39 miglia (63 Km).

Cons

  • Pochi, anzi uno solo e non determinante. Rispetto ad alloggiare all’interno del parco od in uno dei tre alberghi all’entrata, per raggiungere Bryce sei sempre costretto ad utilizzare la tua auto a noleggio.
Main Street, Cannonville, Utah

Main Street, Cannonville, Utah

Photo Credit: travelourplanet.com

La Minuscola Cannonville

Non si può neanche definire un paese Cannonville. Due strade, una manciata di case, un solo semplice motel, il Grand Staircase Inn. Ed i pochi rustici bungalows in legno del Bryce Canyon Villas recentemente spostati da Kodachrome. Un posto un po’ fuori dal mondo.

Pros

  • La distanza non certo proibitiva da Bryce, 16 miglia (meno di 26 Km) dal centro visitatori, rendono Cannonville una location accettabile se non trovi disponibilità altrove.
  • A sole 7 miglia (11 Km) dallo slot canyon di Willis Creek ed a 8 miglia (neanche 13 Km) da Kodachrome State Park. Se alloggi qui non li devi mancare, ti perderesti due dei posti più belli, particolari e meno visitati del Sud-ovest degli Stati Uniti.

Cons

  • A parte il minimarket e la pompa di benzina a Cannonville non c’è nulla, per cenare devi andare a Tropic, distante però solo 5 miglia (8 Km).
Utah 12, Dixie National Forest and Red Canyon, Utah

Utah 12, Dixie National Forest and Red Canyon, Utah

Photo Credit: travelourplanet.com

Tra Panguitch ed il Parco lungo la Utah 12

Panguitch si trova a 25 miglia (40 Km) dal centro visitatori del parco percorrendo la US Route 89 e la scenografica Utah 12, parecchie le strutture alberghiere tra cui scegliere.

Lungo la Utah 12 e molto più vicini al parco rispetto a Panguitch trovi tre altri semplici motels. Di questi il vecchio Bryce Canyon Resort è il più vicino all’entrata, il Bryce Canyon Pines è invece il più piacevole e conosciuto, organizza tra l’altro belle escursioni a cavallo all’interno del Red Canyon.

Trovi tutte (o quasi) le strutture alberghiere di Panguitch su Booking.com, se apri la mappa individui anche i semplici motels lungo la Utah 12.

Pros

  • La grande scelta di motels e bed & breakfast a tariffe basse di Panguitch, qui l’accommodation costa tra la metà ed un terzo rispetto alle tre strutture di Bryce Canyon City all’entrata del parco. Non mancano una decina di ristoranti dove poterti nutrire la sera.
  • Se oltre a visitare il Bryce Canyon National Park vuoi percorrere i sentieri o fare passeggiate a cavallo nella Dixie National Forest e nel Red Canyon. E’ la scenografica area di rocce rosse ai lati della Utah 12 che attraversi poco prima di raggiungere Bryce.

Cons

  • Prenotare a Panguitch ha senso solamente se hai a disposizione un budget davvero molto basso e ti fermi solo 1 notte, la distanza dal parco rende scomodo fare avanti ed indietro.
  • Dei tre motels situati lungo la Utah 12 solo uno è sufficientemente carino da giustificare e rendere confortevole un soggiorno di 2 o 3 notti, gli altri sono tristi.
Utah 12 between Panguitch and Bryce Canyon National Park, Utah

Utah 12 between Panguitch and Bryce Canyon NP, Utah

Photo Credit: travelourplanet.com

Come Spostarsi Attraverso il Parco?

A differenza di Zion National Park e di gran parte del South Rim del Grand Canyon, per visitare Bryce NON sei obbligato ad utilizzare lo shuttle, puoi guidare invece liberamente per il parco con la tua auto a noleggio, anche nel pieno dell’affollata stagione estiva.

Utilizzare la Tua Auto a Noleggio oppure lo Shuttle Gratuito?

Utilizza la Tua Auto a Noleggio Se…

  • Se vieni a Bryce in bassa stagione quando lo shuttle non è operativo, se sei diretto a Fairyland Point oppure intendi visitare la zona meridionale del parco dove lo shuttle non arriva.
  • Puoi utilizzare l’auto anche in luglio ed agosto, in particolare se sei uno che si sveglia presto e prima delle 9 del mattino hai già raggiunto e posteggiato in uno dei parcheggi vicino ai view points dove partono i sentieri.
  • Nonostante alcuni parcheggi in prossimità dei punti panoramici siano piccoli (come a Fairyland, te ne puoi rendere conto guardando le foto satellitari su google map) ed in alcuni momenti possano risultare completi, in verità io non ho mai trovato problemi a parcheggiare, anche viaggiando in pieno agosto. La mia impressione è che a Bryce il ricambio di auto sia quasi continuo.

Prendi Invece lo Shuttle Se…

  • Se all’interno di un viaggio dove passi decine di ore a guidare vuoi disfarti qualche ora della tua auto a noleggio e rilassarti guardando il panorama, se ti piace fare le cose con calma e se vuoi contribuire a ridurre le emissioni inquinanti.
  • Se vieni a Bryce durante uno dei week-ends lunghi americani quando il parco si riempie di visitatori e risulta davvero affollato.
Bryce Amphitheater Traverse, Bryce Canyon National Park, Utah

Bryce Amphitheater Traverse, Bryce Canyon NP, Utah

Photo Credit: travelourplanet.com

Visitare Bryce con lo Shuttle Bus

  • A differenza di Zion, qui a Bryce l’uso dello shuttle NON è obbligatorio, perlomeno al momento della stesura di questo post.
  • E’ completamente gratuito. Puoi utilizzarlo liberamente pagando il biglietto di entrata a Bryce o se sei in possesso del pass annuale valido per tutti i parchi nazionali degli Stati Uniti.
  • E’ operativo solo tra fine aprile ed inizio ottobre, le date esatte variano di anno in anno e sono indicate sul sito del parco. Se vieni in un altro periodo per visitare il parco devi necessariamente utilizzare la tua auto a noleggio.
  • Il miglior posto dove posteggiare la tua auto e prendere lo shuttle è negli immediati dintorni del Ruby’s Inn e del Ruby’s Campground, in quest’area ci sono 3 diverse fermate e parcheggio a volontà.
  • Il Bryce Canyon Shuttle serve la sola sola area dell’Anfiteatro: oltre al visitor center ed all’area del Ruby’s Inn si ferma a Sunrise, Sunset, Inspiration e Bryce Point. Il percorso completo andata e ritorno dura circa 1 ora. Se invece vuoi raggiungere Fairyland Point dovrai farlo con la tua auto a noleggio in quanto qui lo shuttle non arriva.
  • Prima corsa di solito intorno alle 8 del mattino ed ultima poco prima delle 20. Frequenze ogni 10’ nelle ore centrali della giornata ed ogni circa 20’ tra le 8 e le 10 e tra le 17 e le 20. Puoi salire e scendere dove vuoi e tutte le volte che vuoi.
  • Sul sito del parco (link in fondo a questo articolo) trovi la mappa dettagliata con il percorso e gli stops, tieni presente che alcune fermate vengono effettuate solo in un senso, di solito sulla via di ritorno. Ricontrolla date ed orari aggiornati, le cose possono cambiare.

Rainbow Point Shuttle Tour

  • Il Bryce Canyon Shuttle NON serve tutta la zona meridionale del parco a sud dell’Anfiteatro. Se vuoi dare uno sguardo a quest’area senza utilizzare la tua auto puoi però utilizzare il Rainbow Point Shuttle Tour.
  • Più che un servizio shuttle è un vero e proprio tour guidato e commentato della durata di 3 ore e mezza (tra andata e ritorno) che si spinge fino all’estremo punto meridionale di Bryce percorrendo per intero le 18 miglia fino a Rainbow & Yovimpa Points e facendo brevi stops nei principali view points.
  • Di solito operativo da maggio ad ottobre con due partenze al giorno, una al mattino e l’altra all’ora di pranzo. Gratuito, prenotazione consigliata, maggiori dettagli sul sito.
Bryce Amphitheater, Queens Garden Trail, Bryce Canyon National Park, Utah

Bryce Amphitheater, Queens Garden Trail, Bryce Canyon NP, Utah

Photo Credit: travelourplanet.com

I Pericoli a Bryce Canyon National Park

Orsi, Puma e Coyote

  • Non preoccuparti, orsi neri (black bears), puma (mountain lions) e coyotes vivono nel territorio del parco ma ben difficilmente ne avvisterai qualcuno facendo gite in giornata nell’area dell’Anfiteatro, la zona maggiormente frequentata dai visitatori.
  • Se invece tu volessi effettuare lunghe escursioni nella selvaggia area meridionale di Bryce fermandoti a dormire in tenda (overnight backcountry hikes), allora ci sono precauzioni da prendere. Per la presenza di orsi è fortemente consigliato infatti l’utilizzo di speciali contenitori (bear-resistant food canisters) dove stivare cibo, deodorante, dentifricio, crema solare e qualsiasi cosa emani odore. Ovviamente non tenere cibo all’interno della tenda e non dormire con gli abiti che hai usato per cucinare. I contenitori sono disponibili gratuitamente al visitor center.

Temporali e Fulmini

  • Così come a Zion anche a Bryce i temporali estivi sono la cosa a cui devi prestare più attenzione. I fulmini sono un pericolo reale, te ne puoi rendere conto dagli alberi inceneriti sul bordo del canyon.
  • Controlla sempre le previsioni aggiornate prima di intraprendere qualsiasi gita e dai uno sguardo critico al cielo durante l’escursione. Se senti un tuono vuol dire che il temporale è distante meno di 10 miglia (16 Km), cerca rifugio, il posto più sicuro dove rifugiarti è all’interno di un edificio oppure dentro la tua auto, finestrini chiusi ovviamente. Evita il bordo del canyon, gli altipiani aperti, stai lontano dall’acqua e da qualsiasi albero o palo isolato.
  • Suggerimento: se vai a Bryce tra luglio ed settembre organizza qualsiasi camminata partendo presto il mattino per essere di ritorno entro il primo pomeriggio, così riduci al minimo i rischi.
Summer Storm Approaching Fairyland Point, Bryce Canyon National Park, Utah

Summer Storm Approaching Fairyland Point, Bryce Canyon NP, Utah

Photo Credit: travelourplanet.com

Il Clima a Bryce Canyon

Il parco nazionale di Bryce Canyon è ad un’altitudine media di 8.000 piedi (2.438 metri sul livello del mare), sei in montagna, questo vuol dire neve e temperature rigide per buona parte dell’anno.

In estate Bryce è uno dei posti più freschi dello Utah meridionale e di tutto il Sud-ovest degli Stati Uniti, vieni preparato con felpa e giubbottino impermeabile.

Da Giugno a Settembre

  • A Bryce le temperature estive sono piacevoli, perfette per fare escursioni. Stai però attento ai temporali, frequenti tra luglio e settembre.
  • I records. In piena estate, nelle prime ore del pomeriggio in una bella giornata di sole a Bryce può fare caldo: i records di massima mai registrati in giugno sono di 92 F° Fahrenheit (33° Celsius), e di 98°F (37°C) in agosto. Attenzione però che questi sono casi estremi, le temperature medie dicono tutta un’altra cosa.
  • Le temperature medie. La media massima di luglio, il mese solitamente più caldo, è di solo 80°F (ossia 27° Celsius), e la media minima è di 53°F (non più di 12°C). Che vuol dire serate, notti e prime ore del mattino fresche. Tieni presente che si sono registrate minime fino a -6°C in giugno e -2° in agosto… sii preparato!
  • Agosto è il mese più piovoso, si registra pioggia una giornata su tre. Non significa che piove tutto il giorno, ma le probabilità che tu parta al mattino per una gita con sole pieno e cielo azzurro e finisca a metà pomeriggio sotto una pioggia violenta non sono così remote.
  • Luglio ed agosto sono i mesi dei temporali, mediamente se ne registrano tra 11 e 12 al mese. Non sono pochi. Si formano di solito nel pomeriggio, non durano molto ma scaricano grandi quantità di acqua. E temporale vuol dire fulmini.
Entrance to Wall Street Slot Canyon on the Navajo Loop, Bryce Canyon National Park, Utah

Wall Street, Navajo Loop, Bryce Canyon NP, Utah

Photo Credit: travelourplanet.com

Da Ottobre a Maggio

  • A Bryce le tempeste di neve iniziano in ottobre e si prolungano fino ad aprile, qualche volte anche oltre. Non è che nevichi ogni giorno, spesso ci sono giornate meravigliose e soleggiate, ma se viaggi in questo periodo tienine conto.
  • In inverno a Bryce di solito fa molto freddo, da maggio ad ottobre le temperature quasi ogni notte vanno sotto lo zero. Dicembre, gennaio e febbraio i mesi in assoluto più rigidi.
  • Le temperature medie minime sono comprese tra i 32° Fahrenheit (0° Celsius) di ottobre, i 15°F (-9°C) di gennaio ed i 29°F (- 2°C) di aprile.
  • Le medie massime vanno dai 78°F (25°C) di ottobre ai 52°F (11°C) di gennaio. Da notare che in gennaio, di norma il mese statisticamente più freddo, si sono registrati estremi nelle massime di -2°F (-19°C) ma anche di 71°F (21° Celsius)
  • Quando nevica? Da ottobre a maggio, i mesi con più precipitazioni nevose sono statisticamente gennaio ed aprile.

Forecasts & Averages

  • Averages: consulta la pagina Weather | National Park Services | Bryce Canyon National Park sul sito ufficiale del parco, riporta il dettaglio, mese per mese, di temperature minime e massime, quantitativi di pioggia medi e massimi mensili e giornalieri, numero di giorni in cui si registrano precipitazioni e numero dei temporali mensili.
  • Goditi la bellezza di Bryce in inverno con la neve in questo video a cura di Rick Coleman:

Gli Spettacolari Dintorni di Bryce…

Sono in pochi a conoscere che pochi chilometri ad est di Bryce, al di fuori del parco ma raggiungibili facilmente, ci sono due altri posti magnifici. Uno è il piccolo Kodachrome Basin State Park, l’altro è l’immenso Grand Staircase-Escalante National Monument. E quest’ultimo contiene al suo interno dei veri, autentici gioielli…

  • Se ami camminare in quasi totale solitudine non mancare la visita allo splendido Kodachrome: il Parco Nascosto dello Utah ad una ventina di miglia da Bryce. Ci arrivi velocemente lungo una strada tutta asfaltata, i sentieri sono facili ed il parco è piccolo, in solo mezza giornata puoi fartene una buona idea.
  • Si chiama Willis Creek ed è uno dei canyons più fascinosi e facili da esplorare di tutto lo Utah, puoi portarci anche i tuoi bambini. E’ situato nel Grand Staircase-Escalante National Monument a nemmeno un’ora da Bryce, le ultime 6,4 miglia sono sterrate. Se non c’è alcun pericolo di pioggia e la strada è asciutta puoi andarci anche senza il 4WD, ti basta un SUV con la scocca ben rialzata dal terreno.
  • Sei abituato a gite non troppo facili e sei in cerca di avventurosi percorsi a piedi in mezzo al deserto? Sconosciuti agli italiani? Ti senti intrepido, prepari con estrema attenzione le tue escursioni, non ti intimidiscono gli scenari selvaggi e le condizioni meteo sono più che perfette? Se la risposta a tutte queste domande è un si convinto, allora Peekaboo e Spooky Gulch, due dei più incredibili, divertenti e misteriosi slot canyons dell’Escalante sono raggiungibili da Bryce Canyon con gite in giornata. Andarci non è facilissimo, i chilometri di sterrata sono tanti e senza alcuna copertura cellulare, l’ideale sarebbe avere un 4WD ma puoi anche osare con un SUV. Oppure rivolgiti ad uno degli outfitters di Escalante che ti ci portano in jeep. Per saperne di più: Peekaboo e Spooky: gli Slot Canyons Più Famosi dell’Escalante

Links Utili

E Non c’è Solo Bryce…

Le Guide sui Grandi Parchi dell’Ovest degli Stati Uniti

Tutti i posts dedicati a parchi nazionali ed aree protette dell’Arizona, del Nevada, dello Utah, della California e del Nord-ovest degli Stati Uniti già apparsi od in corso di pubblicazione su questo blog, ogni directory raggruppa più articoli.

  • Page e Lago Powell: sono ben poche le destinazioni nel Sud-ovest degli Stati Uniti ad offrirti più cose da fare. A Page non c’è solo l’Antelope, qui puoi passare anche 4 giorni interi ed organizzare gite sempre diverse ogni giorno: esplorare in solitudine il fascinoso Waterholes Canyon, andare in barca sul Lago Powell, scendere in gommone il Colorado od ammirarlo da uno dei tanti punti panoramici, il celebre Horseshoe Bend su tutti. Non mancano le escursioni in elicottero e le cavalcate a cavallo. Page inoltre è un’ottima base per raggiungere posti remoti dove non sono in molti ad aver messo piede. Dalla favolosa The Wave, alla lontana e difficile da raggiungere White Pockets, al grandioso Buckskin Gulch…
  • Monument Valley: le cose da sapere sulle poche sistemazioni alberghiere della vallata e le alternative di stare a Kayenta o Mexican Hat. Cosa vedere alla Monument Valley: visitare la valle con la tua auto a noleggio oppure partecipare ad una delle escursioni guidate? Le gite alla scoperta della Monument Valley più segreta e meno conosciuta, il Goosenecks e Forrest Gump Point…
  • Las Vegas e Valley of Fire: qualcuno lo snobba, molti altri invece non ne hanno mai sentito parlare, ma Valley of Fire è uno dei gioielli più autentici dell’Ovest americano, probabilmente il posto più bello del Nevada. E se ami le escursioni facili in ambienti però selvaggi e desertici non lo devi mancare…
  • Zion: uno dei parchi più belli dello Utah e di tutto il Sud-ovest americano, famosissimo e ben conosciuto dai visitatori. I consigli su dove alloggiare ed i miei suggerimenti sulle gite ed i sentieri più belli, da quelli facili e brevi alle escursioni più lunghe e complete.
  • Kodachrome e Cedar Breaks: due parchi piccoli, sconosciuti alla stragrande maggioranza dei turisti europei che affollano i sentieri dei vicini Bryce e Zion. Uno dei gioielli segreti dello Utah il primo, il posto perfetto per chi viaggia in famiglia ed ama camminare in solitudine su sentieri facili e ben tenuti. Ed un parco a 3.000 metri di altitudine il secondo, suggerito al viaggiatore curioso e che non va di fretta.
  • Grand Staircase-Escalante: una delle più vaste aree protette degli Stati Uniti, un territorio immenso, l’ultimo ad essere stato cartografato negli Stati Uniti continentali. Che nasconde al suo interno dei veri autentici tesori, dal facile canyon di Willis Creek agli spettacolari e più sportivi slot della Dry Fork, con i celebri Peek-A-Boo e Spooky…
  • Death Valley e Mojave: oltre una decina di guide completissime e gallerie di foto per conoscere ed esplorare in dettaglio la Valle della Morte e l’assai poco visitato deserto del Mojave con i suoi panorami sconfinati e le imponenti dune di sabbia…
  • Sequoia e Yosemite: le informazioni su come arrivare e dove alloggiare con i pro ed i contro delle diverse località all’interno ed all’esterno dei parchi. Due guide sono interamente dedicate alle passeggiate ed ai sentieri più redditizi della Yosemite Valley ed un articolo ti racconta come scoprire il meglio di Sequoia in solo mezza giornata…
  • Yellowstone e Nord-ovest USA: un solo articolo per ora, dedicato al bianchissimo deserto di sale di Bonneville Salt Flats nell’estremo nord-ovest dello Utah ai confini col Nevada, un posto surreale ed assai poco conosciuto…

Last Update: February 1st 2018

Creative Commons 2.0 GenericFront cover photo credit: Todd Petrie, a big tks for the great shot. Photos in this page come from Flickr: Creative Commons Attribution Licensed Photos. Please read here the Summary of the Legal Code. Terms of license are valid at the time of publishing this post.

Related posts:

Share

6 comments to Bryce Canyon National Park: Come Arrivare, Dove Alloggiare e Come Spostarsi. Il Clima ed i Pericoli

  • Ciao Annarita, grazie! E’ bello concentrato il tuo tour, ma se siete dei tipi mattinieri (e nei primi giorni di permanenza negli Stati Uniti alle 4 del mattino si è già completamente svegli e pronti all’azione) si può fare. E senza particolari traumi.

    giovedì: zero problemi, all’entrata di Zion fai il pass valido per tutti i parchi, fermati subito dopo il tunnel e fai la gita a canyon overlook (l’unico problema è il parcheggio), gustati la splendida Utah 9, arrivata al Bryce Canyon Lodge vai al desk per vedere se il mattino dopo ci sono posti per la gita a cavallo

    venerdì: forse meglio della gita a cavallo è se fai a piedi il facile e redditizio Navajo / Queens Combination Loop (perché puoi iniziarlo all’alba e per le 10 del mattino averlo terminato, così puoi partire con calma verso Moab, prima di quanto partiresti se vai a cavallo); la strada che da Bryce porta a Escalante ed il tratto da Escalante verso Fruita è spettacolare; guida con prudenza sul tratto tra Fruita e Hanksville (altrettanto grandioso dei precedenti) fino all’incrocio con la I-70, spesso gli animali attraversano la strada; non prenotare nulla, se sei stanca ti fermi a Green River (e la cosa non ti pregiudica le visite del mattino dopo) dove i motels costano poco

    sabato: sveglia presto (come sempre!), vai a vedere l’alba a Dead Horse Point, raggiungi la vicina sezione di Island in the Sky a Canyonlands e fai la breve passeggiata al bellissimo Mesa Arch, raggiungi Arches ed in 2 ore vedi Double Arch e la Windows Section, poi procedi verso la Monument Valley, l’importante (importantissimo) è che fai le ultime 28 miglia col chiaro, con la Monument Valley che si approssima riempiendo il parabrezza (se lasci Moab per le 14.30 va bene)… e se sei in anticipo con i tempi (difficile) fermati al vicino Goosenecks

    domenica: in 3 ore la scenic drive della Monument Valley è fatta, hai tempo di raggiungere Page ed andare ad Horseshoe Bend oppure a vedere il tramonto al Lago Powell

    lunedì: magnifico l’Antelope… poi una volta entrata nel parco nazionale del Grand Canyon non mancare i primi viewpoints, Desert View è molto bello

    martedì: se dedichi ai viewpoints del South Rim le 4 ore dalle 8 alle 12 poi riesci ad arrivare a Vegas senza eccessivo affanno, comunque saggio non prenotare nulla come dici tu, al limite ti fermi

    mercoledì: mattina in piscina… e pm a spasso per lo Strip…

  • annarita

    salve,
    ho appena scoperto il Vostro splendido blog, complimenti per l accuratezza delle informazioni! sono in partenza con mio marito per in tour di una settimana las vegas/parchi. premesso che non ci interessa trascorrere molto tempo in casino e hotel di lusso, avremmo individuate questo itinerario: mer arrivo a las vegas in serata. pernottamento al westin di las vegas.
    gio zion park. trasferimento a Bryce canyon. pernottamento nel Bryce lodge.
    ven visita Bryce canyon. ci piacerebbe la visita a cavallo, ma non e’ prenotabile, al momento, vedremo in loco.trasferimento a moab. sono preoccupata perche mi sembra una lunga distanza, non so se riusciremo a farla in in pomeriggio/sera. non ho prenotato nessun hotel per la notte, ci fermeremo in base alla stanchezza.
    sab visita a arches o Canyonlands, quale vale la pena? non penso infatti che riusciremo a visitarli entrambi. trasferimento a monument valley. pernottamento al gouldings
    dom visita a monument valley. trasferimento a page. pernottamento al days e suites page
    lun visita antelope(prenotata per le 12.30). horseshoe and lake powell. trasferimento a grand canyon. notte al grand canyon plaza.
    mar visita grand canyon. trasferimento a las vegas, o fin dove si arriva vista la lunga distanza. pernottamento non prenotato.
    mer visita a las vegas. alle 23.40 volo di rientro.
    itinerario fattibile secondo voi? ci sono correzioni da apportare? ho visto dal Vostro blog che a Bryce avremo bisogno di abiti pesanti, ci sono altre situazioni particolari da affrontare, a parte il fatto di guidare per ore e ore?
    grazie in anticipo per la vostra cortesia e professionalita’

  • Ciao Nico (e Cinzia e Raffaello), beh sicuro, capita di dover fare delle tappe di 1 sola notte, e quando l’itinerario di viaggio lo richiede, ossia quando è davvero necessario, allora vanno inserite.

    Solo per darti un’idea, nella prima parte del viaggio di quest’anno, tra San Francisco e la Death Valley ho inserito 2 tappe di 1 sola notte:
    – la prima a Merced, raggiunta nel pm dopo aver passato l’intera mattinata a San Francisco, e comodissima per poter raggiungere poi il mattino successivo entro l’alba la valle di Yosemite
    – la seconda a Fresno, raggiunta in prima serata dopo aver passato l’intera giornata sul Panorama Trail a Yosemite, e perfetta il giorno dopo per raggiungere (sempre entro l’alba) la Giant Forest a Sequoia NP, visitarla per bene percorrendo il facile Congress Trail senza praticamente incontrare altri escursionisti, e proseguire poi già alle 09.30 con una lunghissima giornata di guida fino a Furnace Creek nella Death Valley (dove suggerisco, almeno in estate, di dormire 2 notti; so che nella Valle della Morte le sistemazioni sono poche e costose ma dal punto di vista logistico è determinante).
    La parte successiva del viaggio poi è stata più tranquilla, inserendo spesso tappe di 2 o 3 notti nella stessa località.

    P.S. se arrivi da nord (che sia Yosemite o Frisco), vuoi visitare Sequoia e poi proseguire verso sud (che sia la Death Valley o LA) suggerisco di dormire a Fresno, così il mattino dopo puoi entrare a Sequoia dal lato di Grant Grove/Kings Canyon, percorrere tutta la General Hwy (la 198) in direzione sud ed uscire da Sequoia dal lato di Three Rivers, in questo modo non fai backtracking ed ogni istante la strada riserva nuovi panorami.

  • Nico

    Grazie Fabio ^_^
    Ad inzi 2017 ( al massimo entro MArzo 2017 ) verificheremo definitivamente la fattibilità economica e operativa del Tour.
    Ho letto con molta attenzione i tuoi consigli; mi sono personalmente già mosso nel capire distanze e cosa fare e vedere .. per ora l’unico fattore da dover semmai modificare sono alcune soste di cui prevediamo 1 sola notte in quanto si trovano lungo il tragitto che vorremmo fare e/o vicino a luoghi che vorremmo vedere ( es. Tecopa e poi Goldfield per la Death Valley — 1 giorno ciascuno per evitare di andare a spasso con la macchina dalle 12 alle 17/18 e visitare quindi nelle prime ore del gionro ed intorno al tramonto— Bridgeport per Yosemite, Three Rivers per il Sequoia )..lieto di capire se ne vale la pena o meno, sapendo che per me che guiderò queste tratte saranno quelle più impegnative per ciò che concerne l’aspetto “drive” ^_^

    Nico Cinzia & Raffaello

  • Ciao Nico, prima di parlare delle singole destinazioni (se andrai ci sarà eventualmente tempo, nel caso chiedi commentando il post di riferimento, io se so rispondo volentieri) ci tengo a darti alcuni suggerimenti di massima, dalla mia esperienza:

    – farai migliaia di km, privilegia una macchina grande e comoda, magari un suv, se devi investire 400 euro in più fallo nella vettura a noleggio piuttosto che negli alberghi, in macchina passerai ore ed ore (ed ore) della tua vacanza

    – quanto studi l’itinerario presta attenzione alle miglia ed alle ore di percorrenza, non fidarti ciecamente delle tempistiche di google map, evita il più possibile di guidare col buio e se lo devi fare vai piano, sotto i limiti; in Nevada, Arizona e Utah sovente gli animali attraversano la strada, quest’anno poco a nord di Capitol Reef prima delle 5 di mattina mi sono trovato davanti a fari, a non più di 40 metri, una cerva con i suoi 2 piccoli bambi, loro non si sono mossi, sono rimasti esattamente nel centro della strada, se non fossi andato piano avrei combinato un disastro

    – ancora, quando prepari l’itinerario ed occorre decidere quante notti dedicare ad un posto devi sapere esattamente cosa vuoi farci in quel posto, cosa vuoi vedere, quali passeggiate vuoi fare e quanto tempo richiedono; inizia magari ad approfondire alcune delle destinazioni principali, così poi quando è il momento di decidere di fare il viaggio hai già una buona idea; questo blog credo possa essere di aiuto, nei prossimi mesi potrai leggere tanti altri posts dedicati all’Ovest degli Stati Uniti

    – perché il viaggio riesca meglio e tu non abbia l’impressione di passare l’intera vacanza in auto cerca – ove possibile – di organizzare il viaggio a blocchi di 2 notti nella stessa località in modo da avere la giornata in mezzo per goderti come si deve e senza fretta il posto, alcune località che offrono molto come Bryce, Page e Moab meritano assolutamente 3 notti

    – dalla mia esperienza ai bambini i panorami interessano ben poco, sono i particolari ad attrarli, molto meglio le passeggiate che i viewpoint pieni di gente; i parchi americani hanno sentieri meravigliosi e straordinariamente ben tenuti, sono decine le gite facili, inferiori alle 3 ore e spesso con poco e nullo dislivello da fare in famiglia, pienamente fattibili senza fatica anche con un bambino di 6 anni; falle con calma, andando piano, osservando piante e rocce e mostrandole al tuo piccolo

    – il programma giornaliero tipo di un viaggio nell’Ovest con bambini è: sveglia presto, sempre, tra le 5 (i primi giorni, per il fuso orario) e le 7, gita principale da fare il mattino con termine intorno all’ora di pranzo in modo da non trovarsi sotto il sole nelle calde ore del pomeriggio, e quest’ultimo dedicato invece ai transfers in auto (il bambino dorme) oppure alla piscina (dove lui si sfoga ed i genitori si riposano) più gitina breve il tardo pomeriggio; se puoi cerca di programmare il viaggio in questo modo, verrà meglio

    – per la colazione ed il pranzo pic-nic spendi pochissimo rifornendoti la sera precedente al supermercato (poi infilando tutto nel minibar della camera, così il mattino hai già tutto pronto senza perdere tempo), per la sera hamburger e patatine faranno la gioia di tuo figlio; per cenare c’è una catena di diner con un menù eccellente + servizio al tavolo + prezzi ragionevolissimi, è Denny’s ed ha tantissime locations, è una vera istituzione, non mancarlo

    – includi nel budget dedicato alla vacanza un’assicurazione con a) pagamento spese medicale con massimale estremamente alto od illimitato e b) pagamento diretto delle spese mediche; vale centinaia di euro, ma è un must, non partire mai senza

  • Nico

    Buonasera.
    Ho letto alcuni vostri post sulla visita con bambini dello Zion
    National Park, della Monument Valley e dell’Antelope Canyon….da qui
    ad inizi 2017 valuteremo definitivamente la possibilità di effettuare
    un Tour negli States a cavallo fra Agosto e Settembre 2017 ( circa 21
    giorni effettivi negli States) che nella nostra idea ci dovrebbe
    portare a toccare : Yellowstone, Salt Lake, Moab,Mesa Verde, Monument
    Valley, Bryce Canyon, Zion National Park, Gran Canyon Las Vegas, Death
    Valley,Yosemite, Sequoia National Park ed infine Joshua three….
    monumentale e faticoso ma credo fattibile.. il fatto che avremo con
    noi ( me e mia moglia Cinzia ) il nostro piccolo Raffaello che avraà
    6 anni a Settembre 2017…avete consigli da darci e/o indicazioni sul
    dove nel vostro cercare indicazioni e consigli per avere un tour
    quanto più piacevole e spettacolare?…Grazie ^_^

Leave a Reply

You can use these HTML tags

<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>