Subscribe to our Newsletter

DESTINATIONS

Le Guide su Paesi, Città e Destinazioni

Guide pratiche e dettagliatissime su Paesi, città e destinazioni. Cosa vedere, quanto stare, in quale quartiere prenotare l'albergo, come spostarsi, che tempo fa. I miei suggerimenti su come organizzarti e tanti links utili dove cercare info aggiornate. Da stampare e portare in viaggio.

GREAT JOURNEYS

I Grandi Viaggi

Veri e propri programmi di viaggio spiegati in dettaglio, giorno per giorno, con tutte le informazioni ed i links che occorrono per poter prenotare, da solo e sul web, alberghi, trasferimenti e voli interni.

WHEN TO GO?

Il Clima

Il tempo che potresti trovare, Paese per Paese, regione per regione, quasi mese per mese. Quando è meglio andare e quando è più saggio starsene a casa. I links dove controllare forecasts ed averages di temperatura e piovosità.

Viaggiare con i Bambini a Miami

Photo of Ocean Drive, South Beach, Miami

Una guida super dettagliata per visitare Miami con i bambini. In quale zona dell’Art Deco District scegliere l’albergo, le spiagge più adatte ai bambini a Miami Beach e Key Biscayne. Visitare insieme ai tuoi figli Downtown Miami utilizzando il Metromover e pranzare a Bayside Marketplace. Le attrazioni per i più piccoli: il Miami Seaquarium, Jungle Island ed il Miami Metrozoo. Le spiagge più tranquille: Bal Harbour ed il Matheson Hammock Park Beach. Le passeggiate più belle. Cosa fare a Miami se piove. Un vero e proprio programma giornaliero con tutte le informazioni che occorrono per organizzare il soggiorno a Miami con la tua famiglia.

Photo of Ocean Drive, SoBe, Miami Beach

Ocean Drive, SoBe, Miami Beach

Photo Credit: Nathan Forget

Overview

Una città solare e luminosa come Miami ben si presta ad essere visitata con bambini di ogni età, le ampie spiagge sono il più fantastico campo da gioco che possa esistere.

A Miami Beach le diverse passeggiate pedonali lungo la spiaggia ti permetteranno di lasciare liberi i bambini senza pericoli derivanti dal traffico. Intanto che loro corrono avanti ed indietro tu potrai godere della vista dell’oceano e dello skyline di Miami Beach.

Perché Visitare Miami con i Bambini

  • In città le spiagge sono numerose, oltre a Miami Beach ve ne sono altre, potrai esplorarne una diversa ogni giorno, mentre tu vedrai posti diversi loro potranno divertirsi senza pericoli con la sabbia.
  • Il mare a Miami è generalmente calmo, diverso dal mare della California, è un mare che invita a nuotare e a giocare in acqua, i colori a volte sono magnifici.
  • Gli spostamenti tra un quartiere e l’altro sono brevi, i bambini non avranno il tempo di annoiarsi, i grandi si godranno il panorama.
Photo of South Beach, Miami

SoBe, Miami Beach

Photo Credit: bjaglin

A Cosa Devi Prestare Attenzione

  • Al sole innanzitutto, in particolare i primi giorni che vai in spiaggia. Sei ai tropici ed il sole è ben più potente che nel Mediterraneo. Una crema ad alto fattore di protezione è un must imperativo, e non solo per i piccoli, non avrai alcun problema ad acquistarla sul posto se ti sei scordato di portarla da casa.
  • Alla location dell’albergo. Miami è grande, stai a Miami Beach, se possibile scegli uno degli hotels con accesso diretto alla spiaggia in modo che non occorra attraversare il lungomare, nell’Art Deco il posto migliore dove alloggiare è tra la 16th e la 21st Street. Presta anche attenzione alla dimensione delle camere, sull’Ocean Drive le camere sono spesso piccole, poco adatte se viaggi con bambini. Se leggi su questo blog il post dedicato Miami, Trasporti, Hotels e Sicurezza in Città puoi farti un’idea migliore di quale zona della spiaggia di Miami Beach privilegiare quando prenoti l’albergo.
  • Prima di entrare in mare guarda le bandiere. Gli Stati Uniti sono un posto organizzato, molto organizzato, anche dove non sono presenti i bagnini (ed a Miami ci sono quasi dappertutto) in spiaggia ci sono comunque bandiere e cartelli indicatori. Mai entrare in acqua con bandiera viola, Dangerous Marine Life, in genere meduse, o con bandiera rossa, High Hazard, High Surf and Strong Currents, onde o correnti pericolose. Se segui le indicazioni, molto chiare, ben difficilmente potrà succedere qualcosa a te od ai tuoi bambini.
  • Prima di partire è imperativo fare un’assicurazione spese mediche con un massimale alto, possibilmente illimitato, questo vale per tutti, non solo per i bambini. Negli Stati Uniti 2 ore di controlli in un pronto soccorso possono costare qualche migliaio di dollari, l’assicurazione medica è una voce di costo su cui non devi risparmiare.

Se Hai un Bimbo Piccolo sul Passeggino

  • Miami è particolarmente adatta ad essere visitata anche con i più piccoli, non avrai alcun problema a girare i diversi quartieri con un passeggino. A South Beach il lato mare dell’Ocean Drive o la Lincoln Road, la via pedonale, sono piacevolissime da percorrere spingendo il tuo bimbo sullo stroller, non ti perderai nulla dell’atmosfera gioiosa della città.
  • A South Beach lungo la spiaggia c’è una bellissima sinuosa passeggiata fronte mare dove spingere il passeggino, senza macchine in vista, gli alberghi ed i condomini da un lato, la spiaggia e l’oceano dall’altro, volendo potrai percorrere chilometri costeggiando la spiaggia. Un’analoga passeggiata, questa in legno, suggestiva, la trovi più a nord tra la 21st e la 46th Street, è lunga oltre due miglia, quando vorrai mangiare o bere qualcosa basterà fare qualche passo verso la Collins od utilizzare uno dei bars degli alberghi.
  • Qualsiasi cosa occorra per il tuo piccolo non avrai difficoltà a procurartela, qui sei nel regno dei supermercati e dei drugstores, soventi aperti 24 ore su 24.
  • Un posto straordinario particolarmente adatto ad un minuscolo è il Matheson Hammock Park Beach con la sua laguna totalmente priva di onde circondata da una bellissima spiaggia bianca. Qui il tuo piccolo potrà gattonare sul bagnasciuga senza pericoli, quando sarà stanco ed avrà voglia di far la nanna potrai spingere il passeggino tra i suggestivi e tranquilli vialetti del vicino Fairchild Tropical Botanic Gardens.

Miami Beach, Boardwalk

 Photo Credit: David Berkowitz

Come Programmare la Visita di Miami con i Bambini

Ti suggerisco un programma giornaliero per vivere la città con i tuoi bambini.

1° giorno: Miami Beach, l’Art Deco District

Il primo giorno vai subito in spiaggia. Il tratto antistante la Collins tra la 16th e la 21th Street è un buon posto per le famiglie, probabilmente più indicato rispetto al vivace e modaiolo tratto più a sud prospiciente l’Ocean Drive.

  • Passa la mattinata a giocare in mare e con la sabbia, la spiaggia è spaziosa, libera, se vieni in agosto non farai mai fatica a trovare un posto dove sistemarti con giochi e parei, non esagerare con il sole.
  • Dopo un po’ sarà ora di nutrirsi. Se alloggi in uno degli alberghi con accesso diretto alla spiaggia il pool bar dell’hotel può essere una buona soluzione.
  • Ma non è la sola, senza andare troppo lontano ci sono delle alternative. Prendi la passeggiata pedonale lungo la spiaggia e dove finisce l’ultimo condominio all’altezza della 14th St rientra verso la Collins. Purtroppo il famoso Jerry’s Famous Deli che sorgeva qui all’angolo ha chiuso ma in Espanola Way trovi diversi altri posti dove pranzare.
Photo of Lincoln Road, Miami Beach, Florida

Lincoln Road, Miami Beach,

Photo Credit: Elvert Barnes

Puoi passare ancora una/due orette in spiaggia, poi rientra in albergo e cambiati, è il momento di scoprire un po’ l’Art Deco.

  • Primo posto dove dirigerti è la Lincoln Road, l’ampia e piacevole passeggiata pedonale chiusa alle auto, questa è la strada dello shopping di Miami Beach, ci trovi negozi e bellissime boutiques, puoi percorrerla con tranquillità senza dover necessariamente tenere per mano i bambini. Nella via ci sono molti ristoranti, se la passeggiata si prolunga ed i bimbi hanno fame non è una cattiva idea cenare qua.
  • Percorsa tutta la Lincoln ti consiglio di prendere un taxi e farti portare per pochi dollari all’incrocio della 5th St. con l’Ocean Drive, qui ti trovi nel punto più meridionale del lungomare.
  • Risali ora a piedi tutta l’Ocean Drive, la più bella di tutte le vie di Miami Beach, a sinistra avrai la parata degli edifici Deco, illuminati la sera dalle suggestive e colorate luci al neon, a destra il parco e la brezza proveniente dal mare.
  • Sei nel centro della vita di South Beach, bars e ristoranti si susseguono uno via l’altro, il passeggio è ininterrotto, c’è sempre gente fino a tarda notte, la musica non manca. Se il marciapiede è troppo affollato ed impercorribile tu cammina dal lato del parco, non solo è più tranquillo ma la prospettiva sugli edifici è anche migliore, potrai ammirarli nel pieno della loro bellezza.
  • Individua un locale che ti ispira dove mangiare, o dove bere qualcosa se hai già cenato. Il News Cafe è un gran posto, non ti stressano a mangiare veloce e sono gentili con i bambini, preparano dei super gelati e se tu prendi un cocktail potrai ordinarne uno uguale anche per loro, te lo faranno ovviamente senza alcol. Questo è il miglior posto di tutta South Beach per il people-watching, ti calerai in pieno nell’atmosfera della città.
Ocean Drive in the Evening, Miami Beach

Evening on the Ocean Drive, Art Deco District, Miami Beach

Photo Credit: Nathan Forget

2° giorno: Key Biscayne

Oggi gran gita, meta è l’isola di Key Biscayne, neanche mezzora di guida da Miami Beach in direzione sud. Oltre ad essere vicina, i bambini non avranno il tempo di annoiarsi, la strada è bellissima e panoramica.

Per andare a Key Biscayne da Miami Beach devi prima raggiungere Downtown lungo la Mac Arthur Causeway, prendere la US 1 in direzione sud attraversando Downtown ed il Miami River, proseguire lungo la scenografica Brickell Avenue e da qui girare a sinistra sulla Rickenbacker Causeway, pedaggio da pagare.

  • L’isola di Key Biscayne è un’area residenziale bella e ricercata, eleganti condomini immersi nel verde ed alcune delle ville più lussuose della città caratterizzano il paesaggio. Ma la cosa importante per te ed i tuoi bambini è che offre due delle spiagge più belle dell’intera area metropolitana di Miami, qui puoi passare gran parte della giornata.
  • Tu ignora la prima spiaggia che incontri, la Crandon Park Beach, più affollata e organizzata, stereo e barbeque. Attraversa invece da nord a sud tutta quanta l’isola finché raggiungi la stazione dei rangers dove pagare l’entrata al Bill Baggs Cape Florida State Park, sono 8$ per veicolo (ad inizio febbraio 2017, magari è aumentato) incluso gli occupanti, ne vale la pena.
  • Acquistato il biglietto continua ancora per mezzo miglio abbondante, iguane verdi lunghe anche più di un metro spesso attraversano veloci la strada. Quando sei in vista del faro posteggia l’auto, il parcheggio è ampio, se vieni in estate durante la settimana non avrai problemi.
  • Oltre un miglio di spiaggia è aperto alla balneazione, qui non vi sono bagnini come nella maggior parte delle altre spiagge, non ci sono case e palazzi in vista, solo alberi, la sabbia e l’oceano.
  • Il punto più pittoresco di tutta la spiaggia è a ridosso del caratteristico faro, se vedi ombrelloni e lettini disponibili non esitare, sistemati, poco dopo arriverà uno dei rangers a bordo del suo quad, sarà a lui che dovrai effettuare il pagamento. Comodo.

Miami, Key Biscayne, Bill Baggs Cape Florida State Park

 Photo Credit: taylorkydd

Qui nel punto più meridionale di Key Biscayne il mare è generalmente sempre molto tranquillo, niente onde, solo acqua calma e limpida. Potrebbe apparirti strano in quanto hai l’oceano davanti, la ragione è invece un reef situato circa 6 miglia al largo che ferma le onde creando sotto costa un ampio bacino di acqua calma particolarmente adatto ai bambini.

Il posto è safe per nuotare, non essendoci però bagnini presta attenzione se alla Ranger Station, dove paghi il biglietto di entrata al parco, e le bandiere in spiagge (viola nel caso) segnalano la presenza della Caravella Portoghese (Portuguese Man-of-War). Nel caso fai giocare i bambini sulla spiaggia senza entrare in acqua.

  • Il Lighthouse Café è il posto dove pranzare e dove i tuoi bambini potranno fare merenda con una fetta di torta prima di lasciare la spiaggia e rientrare verso Miami Beach. Dal faro sono cinque minuti a piedi lungo la spiaggia, guardando il mare sulla sinistra.
  • Se possibile programma questa gita durante la settimana in modo da non trovare troppo affollamento e non avere problemi di parcheggio alla spiaggia.

E Se Trovi Una Giornata Grigia e Piovosa?

Qui le cose si fanno più complicate, Miami è una città da vivere all’aria aperta, specialmente se sei in città con dei bambini.

Scartata l’idea di portarli in uno dei pochi musei presenti in città, non vi sono musei adatti a loro, occorre trovare qualcosa che soddisfi entrambi, i piccoli ed i loro genitori. Una soluzione c’è: andare a Downtown.

  • A Downtown Miami puoi portare i tuoi piccoli su una vera monorotaia sopraelevata e se non ne hanno mai vista una questa è l’occasione giusta.
  • Per raggiungere Downtown Miami da Miami Beach occorre l’auto, poi una volta arrivato occorre posteggiarla. Il posto giusto dove dovresti trovare parcheggio senza troppe difficoltà è tra le due stazioni della monorotaia sopraelevata di College/Bayside e First Street.
  • Una volta parcheggiata l’auto in strada, a pagamento, raggiungi la più vicina delle due stazioni, sali le scale e mentre attendi il primo convoglio avrai tempo di mostrare ai bambini la particolare unica rotaia, qualcosa di diverso da quello che sono soliti vedere in Europa.
  • L’attesa sarà breve, i convogli sono più che frequenti, le stazioni sono luminose, aperte sui lati, la città tutta intorno.
  • Scegli uno dei tre percorsi possibili, quello in direzione sud verso Brickell è il più particolare, la monorotaia passa all’interno dei grattacieli, fallo notare ai tuoi bambini, non è una cosa che si vede tutti i giorni.
  • I convogli sono senza conducente, i bambini potranno sedere infront e gustarsi a pieno il percorso, grandi vetrate dappertutto.
  • Un particolare importante: il Metromover è gratuito, per grandi e piccini, non spenderai nulla, nemmeno un dollaro. Se piove sarai al riparo dall’acqua e potrai così passare un’ora tranquilla osservando la gente ed il panorama.
Photo of Miami Metromover approaching Brickell Station

Miami Metromover approaching Brickell Station

Photo Credit: Ed Webster

Terminato il giro è il momento di portarli a mangiare qualcosa: il grande centro commerciale di Bayside Marketplace è vicino, è il posto giusto dove andare, riprendi l’auto, ci arriverai in pochi istanti. 

  • E’ un grande mall, in parte all’aperto ma con numerose gallerie al coperto, anche se spesso aperte sui lati. Ci sono centinaia di negozi dove curiosare, Disney Store e Toy Factory sono i posti dove dirigerti se i piccoli si sono meritati un regalo.
  • Una decina tra bars e ristoranti ti consentiranno di nutrirti, cerca quello che più ti ispira. Da notare che a differenza della maggior parte degli altri centri commerciali qui il parcheggio è a pagamento.

Dopo una mattinata a spasso gratuitamente per Downtown il pomeriggio rischia invece di essere un poco più costoso. Se infatti il tempo continua ad essere brutto occorre trovare qualcosa da fare per tenere impegnati i bambini.

Se i tuoi bimbi sono piccoli, inferiori ai 6 anni, un museo dove portarli in verità c’è, è il Children Museum e sta a Watson Island, sulla MacArthur Causeway a metà strada tra Downtown e South Beach. Più che un museo vero e proprio ricorda un spazio giochi, tutto colorato, molto ben progettato, bello, l’admission vale circa venti dollari, grandi e piccoli (free solo minuscoli under 1!), per una famiglia di 3 o 4 persone non risulta particolarmente economico…

Sunset, Bayside, Downtown Miami, Florida

Sunset over Bayside Marketplace, Downtown Miami

Photo Credit: Arturo Donate

Think Twice Before You Go!

Quattro famose attrazioni di Miami in genere consigliate alle famiglie con bambini probabilmente non meritano la tua visita. Pensaci davvero due volte prima di andarci con i tuoi piccoli, forse una giornata passata a giocare con la sabbia su una delle belle spiagge di Miami è un’idea migliore.

  • Il celebre Miami Seaquarium è un parco acquatico conosciuto per gli spettacoli di orche e delfini ma in verità non offre molto. Il complesso è di piccole dimensioni, l’aria un po’ vecchio stile e le vasche riservate agli animali sono piccole. E’ inoltre estremamente costoso, ed ai costi che vedi sul sito devi aggiungere tasse e parcheggio… Si trova a Virginia Key poco prima di giungere a Key Biscayne.
  • Altro posto che non ti consiglio è il parco Jungle Island, molto piccolo, animali pochi, caro, per una famiglia di 2 adulti e 2 bambini passare qualche ora qui dentro vuol dire spendere quasi 200 dollari. Solo la posizione è comoda, a Watson Island a metà strada tra Miami e South Beach, sull’altro lato della causeway rispetto al Children Museum. Orari e tariffe aggiornate sul sito.
  • La stragrande maggioranza dei commenti di chi c’è stato sono positivi, e Safari Adventure afferma che il 90% degli animali presenti all’interno dello zoo sono stati salvati o sono in via di riabilitazione. E’ possibile che sia davvero così, e a gestire il posto sembra sia un’organizzazione no-profit, ma a me qualche dubbio rimane. Non riesco proprio a comprendere che bene possa derivare ad una tarantola od uno scorpione ad essere tenuti in mano da un essere umano. Soprattutto non riesco bene a capire quale beneficio possa arrivare ad un vero autentico lupo dall’essere tenuto in braccio ed accarezzato dai visitatori. Io il lupo me lo vedo bene completamente libero ed a spasso per suo conto nei prati di Yellowstone o sulle montagne d’Abruzzo, ben lontano ed al riparo da carezze umane… Comunque, se la cosa ti interessa e vuoi un contatto ravvicinato con serpenti, canguri ed  armadilli allora puoi farci un salto. Costi molto ragionevoli se paragonati ad altre attrazioni del genere. Si trova a South Miami prima di arrivare a Homestead, lontano da Miami Beach.
  • Discorso simile per la Zoological Wildlife Foundation, su TripAdvisor è addirittura osannata. Qui le stars sono scimmie, gufi, alligatori ed addirittura tigrotti e leoncini, pagando cifre che io reputo folli puoi coccolarli e tenerli addirittura in braccio… Il posto è ben tenuto e le guide sono brave ma la mia perplessità è sempre la stessa: agli animali piacerà davvero stare in braccio ad un essere umano? Anch’essa situata a South Miami, non distante da Safari Adventure ed almeno tre quarti d’ora di auto da South Beach.

Una considerazione: questi sono ragionamenti da adulti, un bimbo piccolo comunque apprezzerà la vicinanza e la vista degli animali, mi sembra giusto però metterti in guardia, valuta tu come spendere i tuoi soldi e se dedicare tempo a queste attrazioni oppure se giocare con lui sulla spiaggia.

Se proprio trovi giornate continue di cielo coperto senza poter stare in spiaggia e devi in qualche modo tenere occupati i bambini, se vuoi  portarli ad osservare gli animali allora ti suggerisco il Miami Zoo. E’ vasto ed interessante anche se forse gli animali non sono moltissimi. Puoi esplorarlo a piedi, in risciò, in trenino o con una monorotaia sopraelevata. Certo, non occorre venire fino in Florida per vedere un zoo, ma almeno il parco è ben progettato ed i costi ragionevoli. Si trova distante da Miami Beach, a sud-ovest di Miami lungo il Florida Turnpike, sul sito c’è la mappa.

Miami, North Beach, 74th Street Lifeguard

 Photo Credit: Mr. Usaji

Hai Più Giorni a Disposizione e Vuoi Esplorare Altre Spiagge?

Miami si presta anche ad una settimana intera di soggiorno, le spiagge sono numerose, potrai dedicarti ai giochi in spiaggia ed esplorare le zone meno battute, troverai angoli poco celebrati ma dall’atmosfera tranquilla, né tu né i tuoi bambini vi annoierete.

North Miami Beach e Bal Harbour

Per una bella giornata di mare puoi prendere l’auto e guidare verso nord lungo la scenografica Collins. Pur se trafficata la A1A è piacevole da percorrere, la laguna a sinistra con le ville ed i motoscafi, gli alti e lussuosi condomini ed i bellissimi alberghi sulla destra, questa è la strada simbolo di tutta la Florida.

  • Viaggiando verso nord, superata la 72th St. il panorama cambia, niente più alti palazzi e condomini di lusso, si abbandona per un tratto la Miami patinata, l’atmosfera diventa quella di una cittadina tranquilla, i motels, qualche albergo semplice e poco costoso, niente locali se non qualche raro ristorante e fast food, sembra quasi di tornare indietro nel tempo. La grande spiaggia è a tua disposizione, il mare qui è bellissimo, forse più che a South Beach, questa è North Miami Beach.
  • Se cerchi un tratto di spiaggia tranquillo dove giocare il posto giusto è tra la 81st St. e la 85th Street lungo la Collins. Niente alti condomini qui, trovi invece un grande parco, il North Shore Open Space Park, ed un tratto di  spiaggia ampia e particolarmente bello, le dune, poca gente, potrai giocare a palla indisturbato, mare dai colori meravigliosi. La spiaggia è sorvegliata dai bagnini, trovi anche delle toilettes da utilizzare se occorre.
  • Poco prima, su Ocean Terrace in corrispondenza della 75th, la veranda del Days Inn ospita un semplice, arioso e non costoso ristorante, il posto giusto dove mangiare qualcosa. Il parcheggio è senza difficoltà, proprio di fronte, e la spiaggia antistante è particolarmente bella.

Se è estate, un temporale è in arrivo, e tu non hai voglia di tornare in albergo, prendi l’auto e viaggia ancora per qualche minuto verso nord, in un attimo sarai a Bal Harbour, di nuovo palazzi e condomini, ma il motivo della tua visita è entrare, ripararti e dare un’occhiata a Bal Harbour Shops. Non un normale centro commerciale ma un open-air shopping mall, uno dei più lussuoso di tutta la Florida ed uno dei più belli degli Stati Uniti. Due i department stores, Neiman Marcus e Saks Fifth Avenue, e numerose le boutiques di marca e eateries. Non è propriamente un posto per bimbi, lo è invece per le loro mamme.

Miami, Bal Harbour

 Photo Credit: miamism

Coral Gables

Un posto speciale, completamente al di fuori dalle rotte più battute, è il Matheson Hammock Park Beach situato a sud di Coral Gables/Coconut Grove, l’accesso è dalla Old Cutler Road.

  • Qui una laguna artificiale, alimentata in modo naturale dalle maree dell’adiacente Biscayne Bay e circondata quasi a 360° da una spiaggia bianca, crea un bacino d’acqua tranquillo, privo di onde, particolarmente adatto ai giochi dei più piccoli.
  • I bimbi che ancora non camminano potranno gattonare senza pericoli ai bordi della laguna. Uno snack bar ed un ristorante ti permetteranno di sfamare i tuoi bambini. Davvero magnifica la vista in lontananza sullo skyline di Downtown Miami. Sul sito MiamiDade.gov trovi tutte le informazioni.

Se il tuo bimbo è un minuscolo dopo qualche ora di gioco in spiaggia sarà il momento di togliersi dal sole, dirigiti allora allo splendido Fairchild Tropical Botanic Gardens situato a meno di 5 minuti di auto dal Matheson Hammock Park, sempre su Old Cutler Road.

  • Mentre lui farà la nanna sul passeggino tu potrai passeggiare in uno splendido e tranquillo scenario naturale, prati verdi, laghetti, scenografici boschetti di palme.
  • Non è particolarmente economico ma è un vero gioiello, ne vale la pena, paesaggi tropicali del genere in Europa non se ne possono vedere. Di solito aperto ogni giorno escluso Natale, ricontrolla orari e tariffe aggiornate sul sito web.
Bayside Marketplace, Downtown Miami, Florida

Bayside & Downtown Miami

Photo Credit: Ed Webster


Destinazione o viaggio consigliato a partire dai 3 anni. Ambiente safe ed adatto ai giochi ed all’intrattenimento anche dei più piccoli. Possibilità di acquistare facilmente sul posto cibo e prodotti dedicati in negozi e supermercati. La cucina americana, steak and chips, generalmente piace ai bambini. Possibilità di accedere con rapidità ad un’assistenza medica qualificata (anche se molto costosa).

Last Update:  February 7th 2017

Front cover photo credit: Ray_from_LA. Photos in this page come from Flickr: Creative Commons Attribution Licensed Photos. Please read here the Summary of the Legal Code. Terms of license are valid at the time of publishing this post.

Related posts:

Share

Leave a Reply

You can use these HTML tags

<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>