DESTINATIONS

Le Guide su Paesi, Città e Destinazioni

Guide pratiche e dettagliatissime su Paesi, città e destinazioni. Cosa vedere, quanto stare, in quale quartiere prenotare l'albergo, come spostarsi, che tempo fa. I miei suggerimenti su come organizzarti e tanti links utili dove cercare info aggiornate. Da stampare e portare in viaggio.

GREAT JOURNEYS

I Grandi Viaggi

Veri e propri programmi di viaggio spiegati in dettaglio, giorno per giorno, con tutte le informazioni ed i links che occorrono per poter prenotare, da solo e sul web, alberghi, trasferimenti e voli interni.

WHEN TO GO?

Il Clima

Il tempo che potresti trovare, Paese per Paese, regione per regione, quasi mese per mese. Quando è meglio andare e quando è più saggio starsene a casa. I links dove controllare forecasts ed averages di temperatura e piovosità.

Viaggio in Andalusia in Treno, parte I: da Granada a Córdoba

Photo of Córdoba, Punte Romano and Mezquita

Guida dell’Andalusia: cosa vedere in Andalusia e come organizzare i trasporti. Perché utilizzare il treno per spostarsi è una soluzione efficiente per visitare le tre città di Granada, Córdoba e Siviglia. Descrizione della prima parte del viaggio da Granada a Córdoba. Il trasferimento dall’aeroporto di Granada al centro in taxi o bus. Dove prenotare l’hotel a Granada: perché se possibile va preferita la zona Plaza Nueva e la vicina Gran Via de Colón. Cosa visitare a Granada: l’Alhambra ed il suggestivo quartiere di Albayzín. Le altre attrazioni di Granada. Prenotare in internet i biglietti per l’Alhambra. Andare in treno da Granada a Córdoba. Dove dormire a Córdoba: perché l’albergo a Córdoba va prenotato all’interno della Juderìa. Cosa fare e cosa visitare a Córdoba: la Mezquita, il quartiere ebraico e l’Alcazar. I links utili e tutti quello che devi sapere per prenotare, da solo e sul web, il tuo viaggio.

Overview

Un viaggio breve ma intenso, cinque giorni per scoprire una delle regioni più affascinanti di Spagna. Lo puoi organizzare da solo con estrema facilità e costi contenuti utilizzando i comodi e veloci treni spagnoli senza la necessità di dover noleggiare un’auto. Per questo motivo il viaggio è particolarmente adatto e consigliabile anche ad un single.

Highlights

  • Un viaggio breve di 4 notti/5 giorni per visitare le tre città più belle e ricche dell’Andalusia. Granada, Córdoba e Siviglia.
  • Arrivando in aereo su Granada GRX e ripartendo da Siviglia SVQ (o viceversa) limiti a due soli gli spostamenti interni: un primo trasferimento da Granada a Córdoba ed un secondo da Córdoba a Siviglia. In questo modo contieni i costi ed hai più a tempo a disposizione per le visite.
  • Il modo più comodo e veloce per spostarsi tra le città andaluse è il treno, meno di 2 ore e mezza da Granada a Córdoba e soli 45′ da Córdoba a Siviglia.
  • Nessuna necessità di noleggiare un’auto, sarebbe totalmente inutile e particolarmente scomoda da parcheggiare.
  • Granada, Córdoba e Siviglia hanno dimensioni contenute e nelle strette viuzze dei quartieri storici ci si muove a piedi. Per raggiungere stazioni o aeroporti ci sono autobus e taxi, in particolare le stazioni ferroviarie sono abbastanza centrali ed una breve corsa in taxi non inciderà più di tanto sul tuo budget.
  • I periodi migliori per effettuare questo viaggio sono la primavera e l’autunno ma in Andalusia puoi viaggiare in qualsiasi periodo dell’anno. In estate generalmente fa molto caldo ma le lunghe ore di luce ti consentono di programmare le visite al mattino od il tardo pomeriggio dedicandoti alla siesta nelle ore più calde della giornata. Come fanno i residenti.

Travelling with Children

Diciamo la verità, cattedrali, alcazar e quartieri caratteristici interessano poco o niente i bambini, soprattutto se sono piccoli. Trattandosi comunque di un viaggio molto breve in un posto safe e civile se i genitori decidono di portare con sé i figli questi sopravviveranno senza particolari traumi.

Photo of the Alhambra de Granada. Generalife.

Alhambra de Granada. Generalife.

Photo Credit: Turismo de Granada

Anche se breve questo è un itinerario dove le cose da vedere e da fare sono davvero tante, ecco perché il viaggio è descritto in 2 diversi articoli, ognuno copre una porzione dell’itinerario.

  • In questo post trovi la descrizione della prima parte da Granada a Córdoba con le informazioni utili su come prenotare la visita dell’Alhambra.
  • Nel post Viaggio in Andalusia in Treno, parte II: da Córdoba a Siviglia trovi invece la seconda parte ed i miei consigli pratici su come organizzarti: i voli per l’Andalusia, come prenotare i treni sul sito della Renfe, quando viaggiare. Non mancano tanti links utili a guide on-line, blogs e siti turistici dove approfondire e cercare info aggiornate.

Programma di Viaggio, da Granada a Córdoba

1° giorno: arrivo a Granada

L’aeroporto Federico García Lorca Granada-Jaén GRX è distante una quindicina di chilometri da Granada ed è servito da un autobus. Ma le partenze non si possono proprio definire frequenti, se lo manchi ti rimane il taxi, attenzione però che non è particolarmente economico, nel caso sarà probabilmente il transfer cittadino più costoso dell’intero viaggio.

Dove prenotare l’albergo a Granada? Due le zone migliori, entrambe in centro l’una vicino all’altra.

  • Il posto in assoluto da preferire è Plaza Nueva ed i suoi immediati dintorni. Non solo è il centro della vita serale, sempre pieno di gente a passeggio, il grande vantaggio è che da qui potrai recarti in un attimo sia nel pittoresco quartiere di Albayzín sia raggiungere a piedi l’ingresso dell’Alhambra con una passeggiata di circa 35 minuti.
  • Se cerchi una soluzione più up-market la trovi sulla Gran Via de Colón, la strada più prestigiosa di Granada, la parte più bella della via è quella vicina alla Cattedrale.
  • Qui il link di Booking.com centrato per restituire per primi gli alberghi nel vero cuore di Granada: una volta aperta la pagina clicca subito sulla mappa e fai lo zoom, ti apparirà in evidenza l’incrocio tra la Gran Via de Colón e Calle de Los Reyes Catolicos in corrispondenza di Plaza Isabel la Catolica. E’ questa la zona giusta, quella di gran lunga più comoda, la Gran Via de Colón da qui si inoltra verso nord mentre Plaza Nueva si trova 70 metri da questo incrocio sulla destra.

Oggi è il tuo primo giorno in Andalusia, a seconda dell’orario di arrivo del tuo volo avrai più o meno tempo per una prima passeggiata in città. Il centro è piacevole, i numerosi locali invitano alla sosta, prendi questa prima giornata con calma. Frequentare i tapas bar ti farà sentire come un residente, è un buon modo per entrare in sintonia con la città.

La sera però puoi già fare una cosa eccezionale. Visita i Giardini dell’Alhambra, col buio la suggestiva illuminazione rende il luogo magico, sarà un primo assaggio della vera e propria visita che farai domani. Ti consiglio di prenotare, in fondo a questo articolo trovi i suggerimenti su come fare.

Photo of the Alhambra de Granada. Vista desde el Albaicín

Alhambra de Granada. Vista desde el Albaicín

Photo Credit: Turismo de Granada

2° giorno: Granada

Oggi hai un’intera giornata per visitare per bene Granada, la città è ricca di posti fascinosi dove passeggiare, i tuoi occhi avranno sempre davanti un bellissimo panorama. E’ l’Alhambra a catturare lo sguardo ma è tutto l’insieme a creare un’ambientazione mossa ed esotica. La bianca collina dell’Albayzín, il bosco che circonda la rocca, le alte montagne della Sierra Nevada sullo sfondo, innevate in primavera ed a volte anche in piena estate.

  • Ma Granada non è solo l’Alhambra, non è solo storia ed angoli suggestivi. Granada è la vera capitale culturale dell’Andalusia e la più giovane e vivace tra tutte le città andaluse, piena di bars di design e locali dove ballare il flamenco.
  • Qui le tapas sono un rito ed a differenza di quanto sperimenterai a Siviglia sono generalmente gratuite. Quando sei in giro a visitare la città fai come i residenti, ogni tanto fai una sosta, prima in un bar poi in un altro, ordina un bicchiere di vino od un drink, avrai diritto alle tue tapas. Provane diverse, ti daranno energia per arrampicarti tra le ripide viuzze dell’Albayzín!
  • A Granada l’influenza della cultura araba non riguarda solo il passato, si sente invece fortemente anche oggi. Nel bellissimo quartiere di Albayzín noterai kebab bar e negozi aperti e gestiti da africani. Una nuova moschea è stata costruita recentemente, qui l’Africa araba si sente molto vicina.

Su questa mappa ho segnato con i point makers tutti i luoghi di Granada qui descritti, incluso la stazione ferroviaria, le zone migliori dove prenotare l’albergo, i punti di interesse e l’entrata al grande complesso dell’Alhambra, così ti fai subito un’idea della geografia della città:

Center map
Traffic
Bicycling
Transit

Cosa vedere in una giornata a Granada? Concentrati innanzitutto sulle due cose più belle, i due posti che valgono il viaggio, visita la famosissima Alhambra e passeggia nel suggestivo quartiere di Albayzín.

  • Il complesso dell’Alhambra oltre che bellissimo è estremamente vasto, considera che ti serviranno almeno 4 ore per visitarlo tutto, se possibile vai presto al mattino od il tardo pomeriggio. E’ un posto da sogno, imponente visto dal basso, con le sue torri e le mura color rosso che svettano dal bosco di cipressi con sullo sfondo le montagne della Sierra Nevada. Assolutamente magnifico all’interno. Numerosi gli edifici che compongono l’Alhambra, due i più belli, il Nasrid Palace o Palacio Nazaríes e l’Alcazaba, la Cittadella fortificata. I Giardini di Generalife sono la degna conclusione della visita all’Alhambra: suggestivi vialetti, patios, piscine e fontane, il tutto in un magnifico giardino dai grandi alberi. In fondo a questo articolo trovi informazioni importanti su come organizzare la visita.
  • Sulla collina di fronte all’Alhambra sorge un posto fantastico, da non perdere, è Albayzín il vecchio quartiere arabo. Un insieme di piccole viuzze, ripide ed acciottolate sulle quali si affacciano le cármenes, le grandi case con al centro un suggestivo giardino, il tutto totalmente invisibile dalla strada in quanto racchiuso da alte mura bianche. La piazza di fronte alla chiesa di San Nicolás è uno dei mirador migliori sull’Alhambra e sulla città, dovrai faticare per raggiungerlo ma ne vale la pena.  Se però cerchi un posto più tranquillo dove goderti il panorama ti consiglio i giardini della Carmen de la Victoria, una residenza universitaria e guesthouse il cui magnifico parco è aperto al pubblico. Troverai fontane, pergolati e tanto silenzio, l’indirizzo è Cuesta del Chapiz 9 vicino al Paseo de los Tristes.  Altro posto magnifico e quasi sconosciuto è Carmen de los Martires, subito sopra l’Alhambra Palace Hotel, bellissima la vista sull’Alhambra. E’ anche un posto storico, qui è dove venivano tenuti prigionieri i cristiani che dovevano costruire l’Alhambra.  Sempre nell’Albayzín nelle via Calderería Nueva e Calderería Vieja trovi un piccolo bazaar africano, negozi, bancarelle e semplici café, il Marocco ti sembrerà ancora più vicino. Presta attenzione quando cammini da queste parti, sono state segnalate rapine ed aggressioni violente. Vienici al mattino od il tardo pomeriggio quando c’è movimento, evita le ore più calde quando il quartiere è deserto. L’Albayzín insieme all’Alhambra sono siti protetti dall’UNESCO.

Cosa altro fare a Granada? Il reticolo di vie tra Plaza Nueva, Calle de Los Reyes Catolicos e la Gran Via de Colón merita una passeggiata. Tutti visitano anche la Cattedrale, se hai tempo fallo anche tu ma non aspettarti chissà cosa, niente a che vedere con quanto vedrai nelle cattedrali di Córdoba e Siviglia.

  • La Cattedrale di Granada. Iniziata da Carlo V e dallo stile un po’ gotico un po’ rinascimentale (per non parlare degli ornamenti barocchi e neoclassici) è uno dei classici doveri turistici di Granada. Sul sito trovi gli orari aggiornati, entrata a pagamento. All’interno della Cattedrale è situata la Cappella Reale o Capilla Real con i sepolcri dei Re Cattolici Isabella I di Castiglia e Ferdinando V di Aragona. Attenzione che per visitarla dovrai pagare nuovamente, il tutto risulta costoso, in particolare per una famiglia. Questa doppia tariffa di ingresso è in assoluto una delle cose meno piacevoli del soggiorno a Granada. Se invece capiti a Granada di domenica e sei un tipo previdente sia la Cattedrale che la Capilla Real offrono l’entrata gratuita, se le cose non sono cambiate dalle 15 alle 18, devi prenotare in anticipo online, su sito ufficiale della Cattedrale trovi il link.
Photo of the Mezquita in Córdoba, Spain

Córdoba, Mezquita

Photo Credit: Turismo de Cordoba

3° giorno: Granada – Córdoba

Come fare a raggiungere la stazione ferroviaria di Granada? Dovrai percorrere la Gran Vía de Colón, la più monumentale delle vie di Granada, la soluzione di gran lunga più comoda è il taxi, sono pochi minuti e non spenderai certo un capitale. Se invece viaggi solo e preferisci l’autobus ve ne sono diversi che percorrono la Gran Vía e transitano in prossimità della stazione, chiedi all’autista della fermata Renfe.

Da Granada a Córdoba in treno. Fino al 2014 esisteva un comodissimo treno diretto Altaria che lasciava Granada poco dopo le 09 per arrivare a Córdoba alle 11 e mezza dopo 2 ore e mezza di viaggio. Ma ora ci sono i lavori dell’alta velocità e le cose sono cambiate.

  • Con l’aggiornamento di questo articolo ad aprile 2017 (ed in attesa che la linea ad alta velocità raggiunga la stazione di Granada) il sito Renfe propone una diversa soluzione: ossia la combinazione del bus Renfe più il treno AVE ad alta velocità cambiando nella stazione di Antequera-Santa Ana. La relativa scomodità del cambio è compensata da un maggior numero di collegamenti, scelta di orari e minor tempo di percorrenza. Partendo ad esempio da Granada alle 09.40 si riesce ad essere a Córdoba alle 11.54 impiegando complessivamente solo 2 ore e 14 minuti di viaggio. L’intero percorso è acquistabile in un’unica soluzione sul sito.
  • Esistono anche altre combinazioni partendo prima o dopo, l‘importante è scegliere un orario che ti permetta di arrivare a Córdoba entro l’ora di pranzo così da avere l’intero pomeriggio per visitare la città con calma.

Dove prenotare l’albergo a Córdoba? Qualsiasi hotels all’interno della Juderìa risulta comodo per visitare la città ma se puoi cerca e prenota un albergo affacciato direttamente sulla mura della Mezquita.

  • Ce ne sono diversi su Cardenal Herrero, Calle del Mesón del Sol, Calle Corregidor Luis de la Cerda e Calle de Torrijosalloggerai a pochi metri da uno dei posti più affascinanti d’Europa, per raggiungerlo basterà solo attraversare la strada.
  • Ecco il link dettagliato di Booking.com sugli alberghi della Juderìa nel pieno centro di Córdoba, se apri la mappa e dai un colpo di zoom individui in un attimo la Mezquita e le vie adiacenti, se metti in modalità satellite le cose risultano ancora più chiare.

Dalla stazione Renfe di Córdoba per raggiungere il tuo albergo utilizza il taxi, il percorso è breve ed economico. Gli autobus non penetrano all’interno delle strette viuzze della Juderìa, possono solo restare ai margini del quartiere, non mi sono sembrati particolarmente utili. 

Photo of a Taberna Tipica in Córdoba, Spain

Córdoba, Taberna Tipica

Photo Credit: Turismo de Cordoba

Cosa vedere a Córdoba? Tutto il centro storico di Córdoba è Patrimonio dell’Umanità dell’UNESCO, qui trovi la Mezquita ed il quartiere ebraico, le due cose più significative della città, quelle assolutamente da non mancare. Considera che il posto è compatto, i luoghi di interesse sono tutti molto vicini, ci si muove solo ed unicamente a piedi, velocemente e senza difficoltà.

  • La Mezquita di Córdoba. La Mezquita è l’antica moschea di Córdoba. Oggi è una cattedrale ma l’aspetto è quello di una moschea. E che moschea. Una delle più grandi realizzazioni dell’architettura islamica, un posto grandioso, di grande fascino e bellezza. Le mura tutto attorno, un patio spettacolare, oggi con gli aranci, una volta con le palme. All’interno una spettacolare autentica foresta di colonne e magici archi, bicolori, splendidamente illuminati. I mosaici dorati che ricordano le chiese bizantine. Un posto incredibile, davvero unico al mondo, un autentico must di qualsiasi viaggio in Andalusia. Sul sito ufficiale La Catedral de Córdoba trovi l’affascinante storia della Mezquita, le informazioni con gli orari di visita e le tariffe aggiornate. Da sapere che dal lunedì al sabato dalle 8.30 alle 09.30 del mattino puoi entrare e visitare gratuitamente, ma in silenzio, la Cattedrale.
  • La Juderìa di Córdoba. Il quartiere ebraico di Córdoba è uno dei più importanti e meglio conservati dell’intera Europa e probabilmente il più bello tra quelli che puoi trovare in Andalusia. La struttura del quartiere non ha subito modifiche dal ‘700 ed oggi si presenta come un posto fascinoso, dalle case tutte bianche, alcune con un piccolo giardino, collegate da un intrico di stradine, strette, perfette per trovare un po’ d’ombra negli assolati pomeriggi estivi. Alcune sono particolarmente pittoresche, la Callejita de las Flores situata proprio sotto la Mezquita, la strettissima Calleja del Pañuelo e Calle Cabezas solo per citarne alcune. Tutti si dirigono prima o poi alla Sinagoga, l’unica struttura religiosa ebraica dell’Andalusia, vacci anche tu ma non aspettarti chissà cosa, da vedere c’è poco, il posto è minuscolo ed in meno di 15 minuti sarai fuori.

I point makers sulla mappa ti mostrano tutti i luoghi di Córdoba menzionati nell’articolo, fai lo zoom per il dettaglio sull’area della Juderìa e della Mezquita ed allarga invece la mappa per localizzare la stazione ferroviaria:

Center map
Traffic
Bicycling
Transit

Prima di metterti alla ricerca di un ristorante per la cena puoi concludere il pomeriggio andando a cercare una delle vedute più belle di tutte Córdoba.

  • Percorri il Puente Romano poco prima del tramonto, poi voltati, avrai di fronte a te il ponte, magnifico, il fiume e sullo sfondo la Cattedrale. La vista è bellissima anche la sera quando il ponte viene illuminato.
  • Per apprezzare al meglio la veduta d’insieme lo devi percorrere tutto, poi svolta a destra per qualche metro sul lungofiume, avrai una vista magnifica sugli archi che sostengono il ponte con la Mezquita illuminata sullo sfondo.
  • Da notare che il ponte pur risalente al primo secolo ha fattezze medioevali, è stato rifatto infatti più volte, l’ultima nel 1876.
Photo of Puente Romano in Córdoba, Spain

Córdoba, Punte Romano

Photo Credit: Turismo de Cordoba

Cosa fare la sera a Córdoba? L’efficientissimo Ente del Turismo organizza una cosa interessante, se puoi non mancarla, è la visita notturna alla Mezquita. In alternativa fatti un giro per il quartiere ebraico fermandoti a bere qualcosa in uno dei caratteristici bars.

  • La Visita Nocturna a la Catedral de Córdoba è emozionante. Avrai modo di gustarti questo luogo magico con la giusta atmosfera, la sera la cattedrale viene infatti aperta in esclusiva per non più di 80 visitatori a volta.
  • Se viaggi nella caldissima estate andalusa un giro serale a piedi nelle viuzze della città vecchia è un metodo intelligente per conoscere la città senza patire il caldo. E se ti viene sete puoi fare una sosta in una delle tipiche taverne per un drink ed una tapa. 

Cosa altro vedere a Córdoba? A soli 5 minuti a piedi dalla Mezquita e dall’aspetto di una fortezza medioevale l’Alcazar de los Reyes Cristianos può essere meta di una visita. Ma se il tuo tempo fosse limitato e non riuscissi ad includerlo non disperarti, ti rifarai alla grande con l’Alcazar di Siviglia, forse il posto più bello di tutta l’Andalusia.

  • Ciò che colpisce di più dell’Alcazar de los Reyes Cristianos di Córdoba sono le sue lunghe mura, le torri ma soprattutto i magnifici ed estesi giardini abbelliti da grandi vasche e giochi d’acqua, senza dubbio la cosa più bella dell’intero complesso. Il posto è intriso di storia, è qui all’interno dell’Alcazar di Cordoba che Cristoforo Colombo espose il suo piano di raggiungere le Indie andando verso ovest ai Re Cattolici Isabella I di Castiglia e Ferdinando V di Aragona. Tariffe, giorni ed orari di ingresso sul sito Turismo de Córdoba, cerca l’utilissima sezione Monuments & Museum opening hours.
Photo of Calle Cardinal Herrero e Mezquita in Córdoba, Spain

Córdoba, Calle Cardinal Herrero e Mezquita

Photo Credit: Turismo de Cordoba

Come Prenotare la Visita dell’Alhambra di Granada

Sembra che i biglietti disponibili siano 6.600 ogni giorno, di questi 2.000 sono il contingente della biglietteria all’entrata, non sono pochi, ma durante la Pasqua od in estate se sei senza prenotazione dovrai metterti in coda presto al mattino.

Ricorda che ogni biglietto è valido solo per il mattino o solo per il pomeriggio o la sera, l’orario indicato si riferisce all’ora in cui dovrai presentarti di fronte al Nasrid Palace, rispettalo scrupolosamente, non c’è appello! Una volta dentro potrai rimanere tutto il tempo che vuoi.

Trovi tutte le informazioni su come si svolgono le visite sul sito ufficiale dell’Alhambra. Dopo aver deciso quale visita ti interessa collegati al sito Ticketmaster | La Alhambra de Granada dove potrai prenotare e contestualmente acquistare il biglietti. La prenotazione dell’Alhambra è la prima e la più importante delle cose da fare se intendi programmare un viaggio a Granada.

  • Per l’alto afflusso di visitatori prenota i biglietti per tempo via internet con carta di credito. Se non lo hai fatto e decidi di acquistarli il giorno stesso al ticket counter ricorda che potrai pagare cash solo allo sportello, le emettitrici automatiche accettano infatti solamente le carte di credito.
  • Sono possibili Daytime e Evening Visits, se vuoi vedere l’intero complesso incluso il Nasrid Palace ed i Generalife Gardens prenota il Daytime, se scegli invece le Evening Visits, suggestive, dovrai scegliere tra Nasrid Palace e Generalife Gardens. Non potrai visitarli entrambi in quanto le visite sono contemporanee.
  • Una volta entrato potrai rimanere all’interno dell’Alhambra tutto il tempo che vorrai.
  • I biglietti sono validi solo per il giorno indicato, l’entrata è suddivisa in Morning, Afternoon e Evening, inoltre per l’accesso al Nasrid Palace dovrai rispettare scrupolosamente l’orario indicato sul biglietto.
  • Se hai prenotato via internet prima di entrare ed iniziare la visita all’Alhambra dovrai ritirare il biglietto cartaceo. Le scelte sono due. La prima è ritirarlo presso uno dei tanti bancomat della banca “La Caixa” in qualsiasi città dell’Andalusia utilizzando la stessa carta di credito che hai utilizzato per l’acquisto online, in questo caso potrai accedere all’Alhambra utilizzando una qualsiasi delle entrate al complesso, la più comoda è probabilmente Puerta de la Justicia. Oppure presentati almeno un’ora prima dell’orario indicato sul biglietto all’Alhambra Access Pavilion, qui per ritirare il biglietto potrai utilizzare i tradizionali ticket offices o le emettitrici automatiche.
  • Per ritirare i biglietti all’Access Pavilion dovrai mostrare il printout con il confirmation number, la carta di credito che hai utilizzato per l’acquisto e l’ID/passaporto dell’intestatario della carta di credito stessa.
  • Non sottovalutare la strada che da Plaza Nueva nel centro di Granada ti porta all’ingresso dell’Alhambra. Le mura sono vicine ma per raggiungere l’Access Pavilion, obbligatorio punto di entrata del monumento nel caso tu non abbia ottenuto il biglietto cartaceo in anticipo, ti occorrerà almeno mezz’ora abbondante di passeggiata, da fare a passo convinto ed in costante salita. Tienine conto se hai prenotato via internet ed hai già un’ora prefissata per l’ingresso al Nasrid Palace (ulteriori 20 minuti dall’Access Pavilion).
  • Per ultimo, sul sito trovi orari e tariffe aggiornate.
Photo of Calle de la Luna in Córdoba, Spain

Córdoba, Calle de la Luna

Photo Credit: Turismo de Cordoba

Links Utili

Granada Links

  • Se arrivi in aereo per sapere come andare in città consulta il sito Airport Federico García Lorca Granada-Jaén. Un autobus super economico ma dalle partenze non particolarmente frequenti collega l’aeroporto con il centro di Granada con stops alla bus station, alla Gran Vía, la Cattedrale fino al Palacio de Congresos. Se l’autobus è appena partito non aspettare un’ora, prendi un taxi, non è economicissimo ma nemmeno proibitivo, ad aprile 2017 per il centro di Granada sono tra 27 e 31 euro a seconda dell’ora e se feriale/festivo.

Córdoba Links

  • Oltre al già citato (e ben fatto) sito ufficiale dell’Ente del Turismo dove trovi gli orari di apertura di monumenti ed attrazioni ed informazioni sulle suggestive visite guidate serali della Cattedrale, un altro ottimo sito dove approfondire la conoscenza della città è Art en Cordoba
  • Per spostarti in città consulta il sito ufficiale dell’Aucorsa, trovi la mappa con tutte le linee dei bus.
  • Se decidi di raggiungere la città in aereo ecco il sito ufficiale dell’aeroporto di Córdoba. L’aeroporto è a meno di 6 km dal centro, se non hai voglia di prendere un taxi sul sito trovi le indicazioni per l’autobus che porta in città.

Trovi la descrizione del proseguimento del viaggio insieme ai miei consigli su come organizzarti ed i link utili per prenotare i treni Renfe nel post Viaggio in Andalusia in Treno, parte II: da Córdoba a Siviglia

Last Update:  April 10th 2017

Front cover photo credit: Consorcio de Turismo de Córdoba. All Granada Photos are property of Turismo de Granada and have been donated by this Tourist Board, Copyright © All Rights Reserved. All Córdoba Photos are “Imágenes cedidas por el Consorcio de Turismo de Córdoba, Copyright © All Rights Reserved. 

Share

Leave a Reply

You can use these HTML tags

<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>