Subscribe to our Newsletter

DESTINATIONS

Le Guide su Paesi, Città e Destinazioni

Guide pratiche e dettagliatissime su Paesi, città e destinazioni. Cosa vedere, quanto stare, in quale quartiere prenotare l'albergo, come spostarsi, che tempo fa. I miei suggerimenti su come organizzarti e tanti links utili dove cercare info aggiornate. Da stampare e portare in viaggio.

GREAT JOURNEYS

I Grandi Viaggi

Veri e propri programmi di viaggio spiegati in dettaglio, giorno per giorno, con tutte le informazioni ed i links che occorrono per poter prenotare, da solo e sul web, alberghi, trasferimenti e voli interni.

WHEN TO GO?

Il Clima

Il tempo che potresti trovare, Paese per Paese, regione per regione, quasi mese per mese. Quando è meglio andare e quando è più saggio starsene a casa. I links dove controllare forecasts ed averages di temperatura e piovosità.

Login

Casablanca. Cosa Visitare?

Casablanca

La tua guida completa e super dettagliata su Casablanca. Perché andare e cosa vedere. I trasporti dall’aeroporto ed i treni per Marrakech. Dove alloggiare? I migliori quartieri dove prenotare l’albergo e le attrazioni da non perdere. Visitare la Moschea Hassan II e la Ville Nouvelle. I ristoranti dove andare la sera. La sicurezza, il clima ed i links ai migliori siti e blogs sulla più grande ed importante città del Marocco.

Overview  

Casablanca ha più di 4 milioni di abitanti. Quasi tutti arrivati in città negli ultimi 150 anni. 

E’ una metropoli ed un posto di business, pochissimi i turisti in giro, qui si lavora e si commercia, è a Casablanca che gira l’economia del Marocco. Le strade sono intasate di auto, autobus e camion, in centro c’è sempre gente che va e viene, Casa (i locals pronunciano Caza) è una città cosmopolita. C’è un aeroporto che è un piccolo hub per le destinazioni dell’Africa Occidentale e del Sahel. Ed è anche un porto importante ma non offre alcun collegamento ferry col resto del mondo.  

Come spesso le grandi città, Casablanca è un posto di contrasti. Sono tanti quelli arrivati direttamente dai campi e poi diventati ricchi. Ma ancor di più chi langue tutta la vita ai margini di desolate baraccopoli. Si, a Casablanca ci sono anche le bidonvilles, come a Nairobi e Calcutta. Ed è proprio negli slums della città, nella miseria e soprattutto nella mancanza di speranza, che è nata la rabbia delle bombe verso i ristoranti ed i locali frequentati da chi ce l’ha fatta. 

Ma Casablanca è tutt’altro che una città estremista. Religiosamente parlando. Certo, siamo nel mondo arabo e quindi le tradizioni sono sempre importanti, ma il velo qui è ben lontano dall’essere onnipresente, molte le ragazze capelli al vento. 

Casablanca è la più liberale e progressista tra le città del Marocco, ragazze e ragazzi oltre a guardarsi negli occhi flirtano quasi come i loro coetanei europei. Sulla Corniche, la sera, a volte tra loro si parlano solo in francese.

Casa è una città giovane. E vivace. 

Andare o non Andare a Casablanca?  

Casablanca è spesso ignorata dai turisti, scartata per la sua mancanza di interesse. Ma come stanno le cose in realtà? 

E’ vero che a Casablanca le cose da visitare per un turista sono poche. Questa non è una città di monumenti e se vista attraverso i vetri di un finestrino di un pullman turistico Casablanca affascina poco. O niente. C’è un solo posto eccezionale, da non mancare se passi di qui, è la Moschea Hassan II. 

Ma allora andare o non andare a Casablanca? 

  • Casablanca ti interesserà se sei un viaggiatore più che un turista. Se vai in giro per conto tuo e non vieni portato a spasso su un pullman. Se ti incuriosiscono le grandi città dove vivono milioni di persone. Se sei uno interessato a capire come vanno le cose e non solo a vedere i monumenti. Se ti piace andare un po’ più in là di dove vanno quasi tutti gli altri. Se hai tempo a disposizione per vedere oltre a Casablanca anche il resto del Marocco. 
  • Tralascia invece Casablanca se il tuo tempo è limitato. Se hai una sola settimana a disposizione e se quello di cui sei in cerca sono le atmosfere esotiche per le quali è conosciuto il Marocco. E’ altrove che le troverai, a Fes, Marrakech e nel Grande Sud marocchino.
Photo of Café Maure, Sqala, Casablanca

Café Maure, Sqala, Casablanca

 Photo Credit: agharass  

Transportation 

I Trasporti da e per l’Aeroporto di Casablanca

L’Aeroporto Internazionale Mohammed V di Casablanca, sigla CMN, è situato una 30 di chilometri abbondanti a sud-est del centro, lungo la strada che porta a Marrakech. 

Dall’aeroporto al Centro di Casablanca 

  • Se viaggi solo il treno è il modo più efficiente e meno costoso per andare dall’aeroporto di Casablanca al centro. E’ confortevole e veloce, solo 35′ ed è operativo dal mattino presto a metà serata, ma le partenze sono solo una ogni ora e se il treno è appena partito forse ti conviene cercare un’altra soluzione. Esiste una pagina Accès nel sito ufficiale dell’aeroporto ma per orari e tariffe aggiornate meglio consultare il sito ufficiale della compagnia ferroviaria ONCF (vedi sotto), i dati sono più accurati. Quando cerchi gli orari sul sito la stazione dell’aeroporto di Casablanca è indicata con Aeroport Med V mentre la stazione principale di Casablanca è Casa Voyageurs.
  • In due o più persone la cosa più semplice che puoi fare è prendere un grand taxi, uso esclusivo. Il costo è ragionevole ed hai la comodità di essere recapitato esattamente di fronte all’entrata del tuo albergo. Calcola almeno 45 minuti abbondanti di viaggio. I taxi riportano l’insegna taxi con un numero identificativo. 

Dall’aeroporto di Casablanca a Marrakech 

  • Se stai iniziando un viaggio in Marocco con auto a noleggio l’aeroporto di Casablanca è un buon posto dove partire, le compagnie di noleggio sono numerose. E se vuoi proseguire subito per Marrakech la cosa è davvero semplice: solo 216 Km separano l’aeroporto di Casablanca dal centro di Marrakech, la strada è ottima ed in auto sono meno di 3 ore. Non solo, essendo l’aeroporto posizionato già sulla strada tra le 2 città non occorre nemmeno entrare o transitare per Casablanca. Una buona notizia per chi guida.  
  • Se invece sei solo ti conviene raggiungere in treno la stazione di Casa Voyageurs e da qui proseguire, sempre in treno, per Marrrakech.   

Da Casablanca a Marrakech, Fez e Tangeri 

Se da Casablanca devi recarti a Marrakech, Fez o Tangeri il mezzo giusto è il treno. E’ di gran lunga più comodo e veloce rispetto all’autobus od ai grand taxi. 

In Treno  

A Casablanca vi sono diverse stazioni dei treni, le principali sono due. 

  • Casa Voyageurs, corrisponde alla stazione principale di Casablanca, si trova 4 Km ad est del centro serve tutte le linee più importanti. E’ da qui che operano i collegamenti con Marrakech, Fez, Tangeri ed i treni per l’aeroporto.
  • Casa Port, meno importante ma situata in posizione più comoda nel cuore del centro a pochi passi dal porto e dalla Medina. Serve principalmente la linea per Rabat. 

Sul sito della ONCF non puoi prenotare, trovi però orari e tariffe dei treni, il biglietto lo acquisterai non appena giunto in Marocco. Quando sul sito imposti la ricerca dei treni per Marrakech, Fez e Tangeri la stazione giusta da inserire è Casa Voyageurs, non scegliere Casa Port perché non otterresti collegamenti.  

  • La direttrice Tangeri-Casablanca-Marrakech è la tratta principale del Paese ed i treni viaggiano in buone condizioni. La seconda classe è ottima e di solito c’è almeno un vagone con l’aria condizionata funzionante.
  • Per Tangeri operano circa 7/8 treni diretti al giorno in entrambe le direzioni, poco meno di 5 ore di viaggio. 
  • Economico e velocissimo raggiungere Marrakech in treno, il tragitto richiede solo 3 ore e 15′, treni ogni 2 ore circa dall’alba alla prima serata. 
  • Servitissima è Fez, ci sono generalmente ben 18 collegamenti al giorno in entrambe le direzioni, controlla con attenzione il tempo di percorrenza, ci sono treni più veloci ed altri più lenti, tra le 3 e le 4 ore di viaggio.  

In Bus e Grand Taxi 

Vi sono due principali Gare Routière a Casablanca, utilizzerai l’una o l’altra a seconda di dove sei diretto e di qualche compagnia bus utilizzi. Guarda però che per lunghe percorrenze il treno è più comodo del bus. 

  • La CTM è la più importante compagnia bus del Paese ed ha una sua propria stazione in Rue Leon L’Africain, vicino al Marché Central, a meno di 500 metri da Place des Nation Unies, dalla Medina e dal porto. Oltre che per trovare indirizzi e telefoni delle gare routière delle destinazioni servite dalla compagnia (utilizza la cartina Notre Reseau e clicca sul nome della città) sul sito è possibile consultare anche gli orari di partenza ed arrivo dei bus. Da qualche tempo sembra sia anche possibile prenotare online ma a leggere alcune reviews non sono pochi quelli ad aver incontrato problemi al momento del pagamento con carte di credito emesse al di fuori dal Marocco.
  • La Gare Routière Ouled Ziane si trova 4 Km ad est del Centro ed è utilizzata da tutte le altre compagnie di pullman. Se sei diretto a Fez, Meknes o Marrakech ed il tuo bus è appena partito di fronte a questa stazione si trova il parcheggio dei grand taxi, chiedi se ce n’è uno in partenza per dove sei diretto. 

Muoverti in Città 

In Marocco guidare è facile ma non ti consiglio di farlo a Casablanca. I sensi unici abbondano, le indicazioni sono poche, il traffico a volte è intenso e parcheggiare non è detto sia sempre facile. Perlomeno nel centro della città che è la zona dove passerai più tempo.  

  • Se devi noleggiare un’auto per poi esplorare il resto del Marocco fallo solo al momento di lasciare la città.
  • In aeroporto trovi quasi tutte le più importanti compagnie di noleggio oltre ad una compagnia locale molto quotata e segnalata anche dalla Lonely Planet, la President Car. Confronta sempre più tariffe prima di prenotare, a volte variano in modo notevole.
  • Se invece vuoi noleggiare l’auto in città quasi tutte le compagnie hanno un ufficio in pieno centro, in prossimità dell’incrocio tra Rue Jilaj El-Oraibi e Avenue des Forces Armées Royales (FAR), vicino a Place des Nations Unies ed all’entrata meridionale della Medina. 

Nel centro e nella Medina puoi andare tranquillamente a piedi, le distanze sono ridotte. Se dal centro devi invece raggiungere la stazione di Casa Voyageurs o la Moschea Hassan II utilizza uno dei super efficienti petit taxi. 

  • A Casablanca risulta più semplice e molto più veloce utilizzare i petit taxi rispetto agli autobus locali, lenti ed affollati. Questo vale sia che tu rimanga a Casablanca poche ore od un’intera settimana.
  • I petit taxi funzionano a tassametro, con gli stranieri alcuni tassisti ci provano… ma in genere non fanno troppi problemi ad utilizzarlo. Se qualcuno rifiuta o ti accordi prima sul prezzo (ma non ti conviene, sarà sicuramente a tuo sfavore) o cerchi un altro taxi. La maggior parte dei percorsi all’interno della città costa l’equivalente di pochi Euro. Massimo 3 persone per taxi, se un posto rimane libero non stupirti se il conducente si ferma a caricare un passeggero. Fermali per strada con un cenno della mano, la sera costano il 50% in più.  

    Photo of Hotel Central, Old Medina, Casablanca

    Hotel Central, Old Medina, Casablanca

Photo Credit: Yndra 

Where to Stay, my suggestions  

Se rimani a Casablanca una sola notte (ma la cosa non cambia se vieni per lavoro e ci resti anche una settimana) la miglior location è a mio avviso la zona tra la Medina e la Gare di Casa Port. Questo è il cuore commerciale della città. 

  • La Medina è subito dietro l’angolo e potrai farci rapidamente un giro. La Ville Nouvelle è poco distante, comunque raggiungibile a piedi o con pochi minuti di petit taxi. Volendo potrai andare a piedi alla Moschea Hassan II con una passeggiata di una ventina di minuti abbondanti. 
  • E’ qui, tra la Medina e la Gare di Casa Port, che sorgono alcuni dei migliori alberghi di Casablanca e dove i francesi hanno il loro quartier generale: Meridien, Novotel ed Ibis presidiano la zona, centinaia le camere disponibili, a qualsiasi livello di prezzo.
  • A Casablanca non aspettarti di trovare chissà quali hotels di charme, ad oggi i riad si contano sulle dita di una mano. La città è molto business oriented, le atmosfere fascinose dovrai ricercarle da qualche altra parte.
  • Se proprio sei alla ricerca di posti particolari ti segnalo un indirizzo che solo raramente trovi sulle guide. Attenzione che non sorge in centro, ha pochissime camere ed è indicato al viaggiatore curioso che deve soggiornare in città per qualche giorno più che al turista che si ferma solo per una notte. E’ l’acclamato Dar Itrit ed offre 3 sole camere ospitate in una bella villa nel quartiere di C.I.L. Purtroppo non è invece più possibile soggiornare a Dar Khalifa, The Caliphs House, la casa del grande scrittore anglo-afghano Tahir Shah situata nel bel mezzo di un’autentica shantytown e che solo occasionalmente accoglieva ospiti paganti nelle due uniche, bellissime camere.
  • Il vantaggio di alloggiare tra la Medina e Casa Port è che oltre ai ristoranti degli alberghi in zona trovi diversi altri ottimi posti dove cenare, tutti raggiungibili a piedi in pochi minuti. Questo risulta particolarmente comodo sia per chi si ferma solo un giorno sia per chi viaggia per lavoro o per una fiera e soggiorna in città più tempo.
  • Trovi una lista, ben commentata ed abbastanza completa delle accommodations disponibili a Casablanca nella sezione Hébergement del sito Made in Casablanca. Puoi impostare la ricerca per categoria, per hotels di charme, per riad o per quartiere.
  • Se vuoi leggerti un po’ di reviews sugli alberghi della città basta che clicchi su Tripadvisor.
  • Per prenotare due buoni siti da utilizzare sono Booking.com e Expedia, entrambi offrono decine di alberghi (sempre gli stessi, chiaro).  

    Photo of Mosque Hassan II, Casablanca, Morocco

    Mosque Hassan II, Casablanca

Photo Credit: krebsmaus07 

Cosa Fare a Casablanca? 

Non c’è nessun motivo per venire a Casablanca apposta per visitare la città ma se ci transiti per una mezza giornata o se devi soggiornare qualche giorno per lavoro ci sono almeno 3 posti che non andrebbero mancati. 

Esplora la piccola Medina, visita la Moschea Hassan II e fai una passeggiata nella Ville Nouvelle e ti sarai fatto un’idea della città. 

La Medina di Casablanca 

La Medina di Casablanca è relativamente piccola, molto compatta e completamente pedonale. Non è antica, risale a poco più di 100 anni fa (nonostante le mura siano più vecchie) quando conteneva tutta quanta la città. Come ogni Medina che si rispetti è un intrico di vicoli e viuzze dove risulta difficile orientarsi.   

  • Non è una Medina fascinosa, non ha molto mistero e non è troppo pulita, anzi a tratti è davvero un po’ fatiscente. Ma nello stesso tempo non è nemmeno una Medina turistica, pochissimi i negozietti di souvenirs, qui il movimento è assicurato soprattutto dai locali per i locali.
  • La parte più interessante e movimentata è il souk localizzato sul suo lato sud-orientale, lungo Avenue des Forces Armées Royales (FAR), Place des Nations Unies e Blvd Houphouet Boigny. Entra dalla porta Bab Marrakech ed esplora i vicoli pieni di botteghe che vendono scarpe ed abbigliamento, la Grande Mosque si trova appena poco più a nord.
  • Lungo il suo lato settentrionale, di fronte al porto, la Medina termina con un bastione fortificato conosciuto come Sqala. E’ qui che sorgono il Rick’s Café ed il Café Maure, due tra i migliori locali della città. 
  • Un ottimo posto dove fare people watching sono le panchine di Place Ahmed Al Bidaoui, la piazzetta più gradevole dell’intera Medina, affacciata di fronte all’entrata del porto. Ci incontri i vecchi residenti e le ragazze in shorts che escono dall’ostello della gioventù.  

Mosque Hassan II 

Mancava proprio un monumento che celebrasse la città e la Moschea Hassan II ha riempito un enorme vuoto. Tutta Casablanca ne è fiera e quasi vale da sola la sosta in città.  

Fortemente voluta da Re Hassan II e terminata nel 1993 è un edificio davvero fenomenale. Ci hanno lavorato 6000 tra artigiani ed operai ed è costata centinaia di milioni di dollari. Ha grazia ed eleganza, nonostante le dimensioni titaniche. All’arrivo, ho impiegato un po’ a rendermi conto di quanto il posto fosse gigantesco.  

  • Sorge su un promontorio roccioso di fronte all’Oceano Atlantico, può ospitare 25.000 fedeli all’interno ed altri 80.000 nell’ampio piazzale, è la seconda o la terza più grande moschea al mondo.
  • E’ moderna, progettata dall’architetto francese Michel Pinseau è una moschea high-tech. Il pavimento può essere riscaldato, parte del tetto si ritrae ed una (piccola) parte del pavimento è in vetro con vista sulle rocce sottostanti e le onde del mare.
  • Un enorme minareto alto 210 metri (sono tanti) domina la moschea e tutta Casablanca. Dall’alto del minareto la notte un laser punta la Mecca.
  • Non solo è una delle pochissime moschee del Marocco aperte ai non mussulmani, l’interno è davvero spettacolare, enorme e molto ben decorato. Merita senza dubbio una visita. Il tour dura 1 ora, solo di gruppo, si visitano la sala della preghiera, quella delle abluzioni e l’hammam. Vestiti con pantaloni ed una camicia/maglia a maniche lunghe, le scarpe si lasciano ovviamente all’ingresso. Di solito i tour guidati sono previsti il mattino ed il primissimo pomeriggio, puoi leggere sulla Frommer’s orari e tariffe anche se non è detto siano aggiornati.
  • Piuttosto che mancarla vacci anche la sera, la moschea è illuminata, il posto scenografico. Nei week-end estivi sul piazzale la sera trovi delle bancarelle ed un bel passeggio di gente.
  • Volendo puoi raggiungere la moschea anche a piedi, dalla Medina (Place Ahmed Al Bidaoui) sono circa 20 minuti, 10 in più dalla stazione di Casa Port. Ma la strada è trafficata, pochi i pedoni. E’ più semplice, veloce ed anche più sicuro utilizzare gli economici petit taxi.
  • Gli slums a Casablanca puoi osservarli anche in città, non solo in periferia. Uno di questi sorge poco lontano dalla Moschea in direzione del centro, non è un gran bel vedere ma forse ha vita breve ed il posto verrà riqualificato.     

La Ville Nouvelle e gli Edifici Art Deco 

Una passeggiata, anche se breve, nella Ville Nouvelle completa la conoscenza (almeno parziale) di Casablanca. La Ville Nouvelle ti riserva cosa diverse rispetto ai vicoli della Medina ed alla monumentale Moschea Hassan II: qui è l’impianto urbanistico creato dai francesi a colpire ed i bei edifici Art Deco ad attirare lo sguardo. 

  • La zona da esplorare non è grande e si trova subito a sud della Medina e dell’area portuale. E’ delimitata a nord dall’importante Boulevard Mohammed V, a sud dal Blvd de Paris/Avenue Lalla Yacout, ad ovest da Rue Prince Moulay Abdellah ed a est dal Blvd Hassan Seghir. L’area più interessante è abbastanza circoscritta, non impiegherai molto ad esplorarla, calcola poco più di un’ora.
  • L’architettura moresca di molti dei palazzi della zona è affascinante, un misto tra il design coloniale francese e lo stile marocchino tradizionale. Il tutto risale agli anni ’30 ed è fortemente influenzato dal movimento Art Deco. Sii preparato che solo alcuni dei palazzi sono stati restaurati. Molti altri, trascurati ed in stato di abbandono, fanno solo intuire le glorie passate.
  • Gli edifici e le facciate più interessanti sorgono lungo Rue Indriss Lahrizi, Rue Tahar Sebti ed il lato meridionale di Blvd Mohammed V. Tra i palazzi degni (architettonicamente) di uno sguardo ci sono tre alberghi, tre vecchie signore di Casablanca: sono l’Hotel Guynemer, l’Hotel Trasatlantique e l’Hotel Volubilis. Anche se la via (come tutta la zona) andrebbe curata un po’ meglio, la Rue Prince Moulay Abdellah, completamente pedonale e ricca di passeggio è un buon posto dove gironzolare rilassato senza essere intossicato dai gas di scarico. 
  • Un buon posto dove terminare la passeggiata è la vicina ed ampia Place Mohammed V. Circondata da importanti edifici amministrativi, dalla Prefettura al Palazzo di Giustizia all’ufficio postale era il centro della Casablanca francese. 

Dove Mangiare a Casablanca?  

Casa è ricca di ottimi ristoranti, posti fascinosi da visitare e dove prenderti un break dal traffico e dall’atmosfera caotica della città. In genere il cibo è buono e si mangia più che bene, qui a Casa i turisti sono pochi ed i ristoratori sono molto attenti alla qualità di quanto servono in modo da avere una clientela fedele. 

  • Su questo blog solo raramente si fanno nomi di alberghi e ristoranti, per questi ultimi faccio ora un’eccezione segnalandoti due particolari ristoranti di Casa che non dovresti mancare. Il primo è il Café Maure/Sqala Restaurant affacciato sulle fortificazioni all’interno delle mura della Medina: decor tipico marocchino ed una piacevolissima e tranquilla terrazza all’aperto affacciata sul cortile. E’ il posto giusto dove approdare per un pranzo dopo aver esplorato la Medina e visitato la Moschea Hassan II. Il secondo è poco distante, più elegante ed adatto ad una cena: è il Rick’s Café, un omaggio alla fama ed alla magia del nome Casablanca, il film che diventa realtà. 
  • Per leggere presentazioni e reviews dei ristoranti di Casa hai due ottime guide da consultare, la prima è la sezione Restaurants and Cafes a cura della Frommer’s, la seconda è Restaurants in Casablanca della Lonely Planet.
  • Per localizzare i ristoranti (e non solo, trovi anche alberghi e sights) la Frommer’s ti mette inoltre a disposizione gratuitamente online la comodissima Casablanca Interactive Map, metti una crocetta in basso in Restaurants e magicamente sulla cartina apparirà la location dei diversi locali.  
Photo of Casablanca from the Air, Morocco

Casablanca from the Air

  Photo Credit: cosmo45

Hai Più Tempo a Disposizione? 

Il Quartiere Habous ed il Parc de la Ligue Arabe 

Il primo posto dove andare a passeggiare se hai più tempo a disposizione è il Quartiere Habous. 

Conosciuto anche come Nouvelle Medina è un quartiere costruito dai francesi nel 1930 per risolvere la carenza degli alloggi. Progettato in modo razionale ed efficiente sul modello delle tradizionali Medine arabe ma con elementi chiaramente europei (alcune piazze, gli spazi erbosi) è senz’altro un posto molto piacevole dove gironzolare. 

  • Non trovi certo il caos e l’animazione delle Medine tradizionali, gli spazi sono ampi e tutto è molto più ordinato ma il Quartiere Habous ha vita e carattere, non è certo asettico. 
  • Ci sono viuzze silenziose, case basse, archi, fontane, una piccola moschea, librerie e qualche café. Soprattutto trovi i soliti bazar e diversi negozi di artigianato dove curiosare, è un ottimo posto dove fare acquisti in modo tranquillo e ragionato. Vacci quindi di giorno quando c’è sempre gente in giro ed il posto è sicuro.  

Non c’è proprio nulla di straordinario da vedere ma se per qualche motivo ti avanza tempo puoi farti un giro al Parc de la Ligue Arabe situato poco a sud-ovest di Place Mohammed V. Trovi café all’aperto, un po’ di famiglie a spasso e la vista un po’ insolita della Cathédrale (sconsacrata) du Sacré Coeur.   

Andare o non Andare sulla Corniche? 

Se rimani a Casablanca solo uno o due giorni ti consiglio di lasciar perdere la zona della Corniche ad ovest del centro. Certamente il quartiere di Aïn Diab può anche essere un posto piacevole dove vivere (è uno dei quartieri bene di Casa) ma il celebrato Blvd de la Corniche non è proprio nulla di eccezionale. Di sicuro non è quel posto così bello ed attraente che alcune guide lasciano intendere.

  • La spiaggia è insignificante (per un turista, per un residente il punto di vista può essere diverso), piena di beach clubs e piscine dall’aria poco allegra, tanto cemento ed un po’ di spazi desolati.
  • Le sere d’estate è qui che convergono i giovani bene di Casa, ci sono locali e ristoranti alla moda. Se vuoi spendere soldi e fare people-watching può essere un’idea ma non aspettarti chissà che. 

A mio avviso questo è un posto da farci un salto (e per una sola volta) se ti fermi a Casablanca più giorni, per lavoro o per una fiera. Giusto per vedere che aria tira, come si comportano e si vestono i giovani del posto. Se stai poco risulta molto più interessante rimanere nella zona centrale, alcuni locali del centro di Casablanca sono ben più fascinosi dei locali che trovi sulla Corniche.  

Photo near Mosque Hassan II, Casablanca, Morocco

Walking infront of Mosque Hassan II, Casablanca

 Photo Credit: mustapha_ennaimi

Safety Tips 

Il Marocco è generalmente un Paese sicuro dove viaggiare ma Casablanca è una grande città e qualche precauzione in più va presa. Specialmente la sera e la notte. 

  • Di giorno puoi andare in giro a piedi senza problemi, sia nella piccola Medina che nella Ville Nouvelle, c’è sempre animazione e gente in giro, ben difficilmente avrai problemi o ti sentirai in pericolo. Per raggiungere dalla Medina la grande Moschea Hassan II puoi anche andare a piedi ma la strada non è particolarmente attraente, la zona è squallida, tanto vale prendere un petit taxi.
  • E’ la sera e la notte che devi prestare un minimo di attenzione. Casa non è una città violenta ma per evitare qualsiasi situazione di pericolo non camminare mai in vie buie. Se la sera quando esci da un ristorante non c’è in giro nessuno evita di andare a piedi e per rientrare in albergo prendi un taxi.
  • La zona più settentrionale della Medina prospiciente Place Ahmed Al Bidaoui e la Sqala è generalmente una zona discretamente sicura. Qui la presenza dell’ostello della gioventù, dell’Hotel Central e di alcuni dei migliori ristoranti e locali di Casablanca assicura di solito un certo movimento.
  • Di sera o di notte se devi percorrere una certa distanza al di fuori della zona centrale della città è saggio prendere un taxi.   

Weather 

A Casablanca non fa (ovviamente) mai davvero freddo e nemmeno si raggiungono i picchi di caldo estivi caratteristici delle zone interne situate più a sud. Ma in estate l’ambiente urbano e l’umidità amplificano la sensazione di calore, sentirai più caldo di quanto dicono le statistiche. 

  • In inverno, da dicembre a febbraio medie minime di 9/10° e medie massime intorno ai 17/18°. I mesi più caldi sono luglio ed agosto con minime sui 20° e massime sui 26°, trattasi sempre di medie, ci sono giorni dove i picchi delle massime superano ampiamente i 30°.
  • Piove poco tutto l’anno, in genere tra novembre e febbraio. Rarissime le precipitazioni in estate.
  • Per le previsioni aggiornate di Casablanca clicca su Weather.com, per consultare le averages mensili di temperatura e piovosità il sito giusto è MSN Weather (Dar-el-Beida è il nome di Casablanca in arabo).

Links

Pochi siti ma con ottimi contenuti, ecco cosa si trova gratuitamente in rete su Casablanca.  

Per organizzare il tuo soggiorno hai a disposizione due buone guide, un nuovo sito locally based e qualche interessante articolo di giornale. 

  • Davvero ben fatta l’edizione online della Lonely Planet. Completissima la sezione Sights su tutto quanto c’è da visitare in città (non occorre neanche che acquisti l’edizione cartacea, c’è davvero tutto online) e numerosissimi i suggerimenti su ristoranti, bars e locali.
  • Per le info sui trasporti, come arrivare dall’aeroporto e muoverti per Casablanca la fonte migliore è di gran lunga la Frommer’s, consulta Planning a Trip e troverai tutto quanto può occorrerti. 
  • Per essere aggiornatissimo sui nuovi alberghi e locali e su quanto accade in città la tua fonte principe è Made in Casablanca. Ottima la sezione Agenda, informatissima su feste, cinema e concerti e Sorties con commenti ed indirizzi su dove bere i migliori cocktails e dove mangiare con meno di 150 Dirhams. 
  • Un breve ma interessante articolo del New York Times racconta la rinascita culturale di Casablanca ed il fiorire di nuove gallerie d’arte contemporanea, è Now, Cultural Casablanca.  
  • Un articolo apparso sul Guardian ed uno dell’Observer meritano senz’altro l’attenzione del lettore più attento. Assolutamente da leggere Of all the medinas … insider’s guide to Casablanca a cura dello scrittore Tahir Shah, racconta il perché sarebbe un vero peccato mancare la visita della capitale economica del Marocco. Il secondo è Here’s looking at you, Casablanca di Stephen Emms e ti accompagna alla scoperta degli angoli più particolari e dei locali più attraenti di Casa. 

 

 

Last Update: April 2nd 2014

 

Front cover photo credit: Dragunsk. All photos in this page come from Flickr: Creative Commons Attribution Licensed Photos. Please read here the Summary of the Legal Code. Terms of license are valid at the time of publishing this post.

 

 

 

EmailGoogle GmailPrintFriendlyShare